fotografie AmB)

 

 


Com'eravamo


 


"Il frigo…di une volte"

"Sarà ciò che Dio vorrà"

di Manuela Quaglia

   


"Il frigo…di une volte"

Se cumò sin ben usâts parceche in cjase a vin ogni sorte di comoditâts e di imprescj, no vin mai di dismenteâsi che un viaç la noste int a dropave l’ingegn al puest di garbàtui come la lavatrice, il frigo e la lavastoviglie. E al sarà propit di chescj ‘elettrodomestici’ di une volte ch’a larìn cjacarant di volte in volte sul nosti boletin. Vin pensât di tacâ cul frigo par lâ a scuviergi cemût che i nostis nônos, ch’a no ‘n vevin mai iodût un, a vessino savût ducj i trucs par conservâ la roube cence nencje consumâ un pêl di eletricitât ma dropant nome l’esperiense. In ta chest viaç nus compagnarà une pagjine gjavade fûr dal libri di Gina Marpillero "Storie di cortile e di corriera", dulà che a vegnin cjapâts in considerasiòn un a la volte lavatrice, frigo e lavastoviglie…di une volte, ben s’intint! No mancjaràn nencje las testemoniances dai nônos di Trep che nus iudaràn a entrâ tal vîf dal argoment.

Leìn il prin tocut:
 

"Il frigorifero, altro strumento diventato casalingo nel giro di cinquanta anni. L’antenato del frigorifero, che io ho conosciuto benissimo e che conservo ancora come reperto di un’epoca passata, è la ‘moscarola’: una specie di gabbia a due-tre piani con una sottile rete alle pareti e una porticina che immetteva a tutti gli scomparti. Questo era un oggetto che si teneva appeso in cantina per conservare le cose mangerecce al fresco e protette dalle mosche.
Mia madre, prima di mettere a cuocere della carne o del pesce, comunque, inforcava sempre gli occhiali per assicurarsi che nessuna mosca avesse depositato le sue uova su qualche parte nascosta dei ‘carnami’, come lei li chiamava…".

 
 

A chest proposit nus àn contât

"Nou la clamavin ‘moscjarole’. A ere come un casselot cu la reit fine fine ch’a no pâsino i moscjins, encje se i moscjins a passavin lo stes parceche dai moscjins a no si sàlvisi. Nou la usavin poucjissim. Jo ‘l’ai cjatade achì denti incjemò la moscjarole ma no ‘l’ai mai usade. Ere in cantine. Disarài che une volte e no ‘nd’ere tante roube da meti vie. S’a si copave une gjaline a si faseve fieste in chel dì, a no ‘nd’ere dôs-trei gjalines da copâ…"

 

Leìn inmò un tocut gjavât fûr dal libri da Marpillero:

"…C’erano poi varie pratiche per conservare o per eliminare certi inconvenienti delle decomposizioni. Durante l’estate il burro veniva lavorato a mano energicamente e pressato in un recipiente facendo attenzione che non ci fossero dei vuoti d’aria, si ricopriva poi con acqua fresca che veniva cambiata giornalmente. Quando i funghi sembravano un po’ passati e producevano quei minuscoli vermetti bianchi, un’abbondante dose di pepe li faceva venire tutti a galla, ma durante il breve tragitto morivano. Si raccoglievano con un passino e i funghi erano commestibilissimi…"

 
 

In merit a Trep nus àn contât:

"Nou tignivin chel tic di spongje in ta l’aghe par veile frescje e si cambiave l’aghe ogni dì. Cussì fasint cheste spongje a vares durât par vot/dîs dîs. A ere chel tic di spongje ch’a si tignive par mangjâ parceche che âte a vignive cuete e une volte cuete e vignive metude te piere e la piere al ere il vêr frigo di une volte parceche cuant ch’al crepave un giocul o une pieurute a vignive cuet dut, dut in ta cjalderie in tune volte parceche no si conservave d’estâte al vignive metût denti ta piere e cul gras parsôre si conservave. La cjarn de pieure no dropave gras parceche a ere grasse da sé e a cuviergeve dut, se a ere cjarn magre come chê di giocul o di cjâre a compravin un pouc di vueli a lu butavin parsôre par ch’a no fos a contat dal arie. Chest naturalmenti al vignive nome se un anemâl al scugnive jessi copât o s’al ere già muart, par ‘san scugnî’ insome. Non vevin tante roube da meti vie. Chel tic di cjarn a lavin a comprâle cuant ch’al coventave in ta becjarìe. No ‘nd’ere une bisteche in cjase in dute la setemane…!

Achì da nou a usavin une volte pouc i foncs, il plui a cjapavin su i ‘galletti’, chei porcins no ju volevin parceche a passavin subit. Cualchidun cuant ch’a erin già passâts a ju taiavin su e ju metevin a secjâ in tal sorêli e tal sorêli i baus ai scjampave…chel al ere il pevar di chei di chì. Ma jo no ai mai savût che in da me ai veibin fat da mangjâ cuntun fonc sec e pous encje verts, no ju dropavin…"

 
 

A proposit dal lat e dal formadi la Marpillero a scriveve cussì:

"…Il latte crudo, se andava a male, diventava un eccellente yogurt "intero". Il formaggio molto grasso a volte fermentava e produceva anche lui i suoi vermetti. In questo caso il formaggio, per certi buongustai, acquistava un valore superiore al formaggio semplice…"

 
 

Sintît cumò ce ch’a nus àn contât su pal lat e su pal formadi:
 

 
"…il lat ch’al lave di mâl o nol vignive mai butât vie, a disevin che a bêvilu al ere purgatîf e rinfrescjant. Cualchidun par fâlu lâ di mâl prime e vei cussì il ‘yogurt’ al meteve tal lat une gote di aseit o di limon. Cussì fasint il lat a nol deventave acit e al fermentave plui di corse. Chel alt ch’al lave di mâl bessol al ere plui garb…

…cuant ch’a lavoravi in ta latarie al ere un om di Siai ch’al diseve ‘dipo, s’al cj ven cualchi formadi di chel cui baus, metimal a mi sastu’. La int a lave mate pal formadi cui viers parceche al ere plui savurît e plui picant. Conca a taiavin chest formadi ch’a lu metevin su la taule, i baus ai saltave e ur corevin daûr cul minuç de polente pa taule a cjapâju… e par cualchidun a ere une pietance scuiside chê aì…"
 
 

La siore Marpillero a continue a scrivi inmò:

 

 
"Tutti gli insaccati di maiale venivano abbondantemente affumicati per la loro conservazione.

Nelle famiglie grandi e signorili c’era comunque una specie di casetta costruita quasi sotto terra detta ‘la ghiacciaia’. Io ne ho vista una soltanto, era in disuso da molti anni. Entrare dentro faceva paura, perché ormai c’era solo una vegetazione da grotta sotterranea, bottiglie rotte e qualche salamandra."

(Gina Marpillero, "Storie di cortile e di corriera", Edizioni dello Zibaldone, Pordenone 1989)
(per altre opere di Gina Marpillero)        

 

 

E lant pal ordin us contìn ce ch’a vin cjapât su a proposit da conservasion da cjarn dal purcit. Come ch’a saveis il det al recite: "Sant’Andrèe, il purcit su pa brèe" e la stagjon dal meis di novembar a ere propit chê juste par copâ il biât anemâl ator pas cjases la ch’a vevin la fortune di veilu.                                              (altro sul maiale, alla pagina purcitar)

Il purcit al veve di lâ ta chel âti mont cul vieri di lune parcheche cussì fasint la sô cjarn a sares stade mancul agadôse. La cjarn si veve di fâle suâ prime di insacâle e une volte prontes luanies, salams, musets, argjel e cuestes a si veve di stâ un grum atents tal fumâ la cjarn. Da cheste funsion a dipendeve la conservasion di dut chel ben di Diu.

Par fumâ si veve da dropâ len di fuèe (faiâr, roul cjamar) e mai len cu la peis parceche cheste a vares fat cjapâ trist savôr a roube. Si faseve il fûc dôs voltes in dî e dut al veve da lâ indenant biel plan. Salams e luanies a vignivin fumâts par pouc timp, argjel e vues plui adalunc. Si veve di stâ atents a no fumâju masse pouc però parceche cussì fasint il salam e la luanie a no si conservave; di cheâte bande s’a si fumave masse a vignivin mase secs, masse dûrs. Un grum indicade par fâ fûc a ere la brene dal curnuvic (ginepro), ch’a dave un bon profum e tal stes timp a slontanave las moscjes.
   

"Bisugnave dâ a roube il fum just, saveiso cuant ch’a si fasin i salams ch’al reste chel tic di pendul, di bugjel sot…a palpavin chel e conch’a chel al ere sut, si tirave vie la roube. No si la lassave di plui né ch’a si la tirave vie prime. La int a fumave la roube par solit in ta cusine parceche ducj a vevin il fogolâr, si faseve chê dôse di fûc ogni dì, ere simpri la puarte vierte par vie che par fumâ a bisugne vei simpri arie e no nome fum. Une volte finît di fumâ si portave la roube in ta cantine dula ch’a vares fat biele mostre di sè".

 

La ‘ghiacciaia’ non ere conossude a Trep par vie che las cjases une volte e no erin cussì cjaldes come cumò e alore a bastave meti alc in ta cjanive ch’al si sares conservât come in tun ‘freezer’. Las cjanives a si cjatavin in gran part tal plan seminterât das cjases e cuasi simpri a nord, cussì si spieghe il parcè ch’a fos considerade come un ‘frigo’ e tancj viaçs come un ‘freezer’ pa conservasion da roube in gjenar.

In tune testemoniance di chês ch’a vin ripuartât in chest articul un nôno al à det che il vêr frigo di une volte a ere la piêre. Si pò dî che in ogni cjase a ‘nd’ere cualchi piêre, cui ch’a las veve picinines e cui plui grandutes. Ogni piêre a veve encje il sô tapon di len par cuviergi ce ch’al vignive metût denti. Ma anin a jodi ce ch’al vignive metût in chestes piêres:
 

 

"A ‘nd’ere trei cualitâts di cuinces ch’a vignivin metudes vie in tes pieres: al ere l’ont, al ere il gras dal purcit ch’a si lu meteve da bessol e i vielis a disevin ch’al ere come l’ont bon, e dopo al ere il saìn ch’al sares stât l’argjel dal purcit. Alore colchidun al veve l’abitudine di fâ il pestât (soffritto) cun tun tocut di argjel par meti in ta mignestre ma a disevin ch’a no ere cununìe parceche an lave masse. Il gras al ere considerât bon come l’ont. Cuant che in cjase a no ‘nd’ere nuiâti a lavin in dal becjâr a prenotâ che cuant ch’al copave la vacje ur ves vendût un tic di chel gras di vacje, ma chel nol ere bon. S’a si voleve vei cualchi luanie frescje encje un biel tic di timp dopo vei copât il purcit si la meteve in tal sain o in tal gras cuvierginle. Une volte ch’a coventavin si las lave a toli e es ere come apene fates".

 
 

S’a sucedeve che al muris un anemâl in ta biele stagjon cuant ch’al ere cjalt al saltave fûr il probleme di cemût conservâ cheste cjarn. Encje in chest câs i vielis a vevin la lôr soluzion:

 

"S’a murive une pieure a taiavin su la pieure a tocs, la cueevin in ta cjalderie, la butavin in ta piêre e parsôre al vignive taponât dut simpri cul gras de pieure e no passant l’arie la cjarn a si conservave. Un’âti mût par conservâ la cjarn al ere chel di rustîle ben ben cun ducj i savôrs in mût che l’aghe a fossi evaporade dute, dopo si la meteve in ta piêre…"
 


E cuant ch’a si copave la gjaline si faseve fieste in chê dì e se par câs sucedeve che la gjaline a fossi muarte bessole si proiodeve biel svuelts di meti sôre un bon brût. A chest proposit a ‘nd’è un bielissim ‘aneddoto’ sucedût propit a Trep.


 
La gjaline lade in brût
 
 

"A ere muarte une gjaline a une femine di Trep ch’a la clamavin ‘la cruche’. Cheste femine e cjape la gjaline a met su a fâ il brût e lant ch’al bulive iei a picave denti in ta pagjele par iodi se la gjaline a ere cuete e cussì fasint, un tic a la volte à mangjât dute la gjaline e ta pignate a erin restâts nome i vues. Al ven dongje l’om dal lavôr dut content che in chê dì al vares mangjât la gjaline ma cjalant in ta pignate al scuvierç che denti a ‘nd’ere nome vues e alore ai domande a femine:

"In dulà eise la cjarn?’

‘Eh, Svualdin – ai rispuint la femine – la gjaline a è lade… in brût!’

Ma l’om no voleve crodi a ce ch’ai diseve la femine e alore iei à pensât di giuâ di furbisie e i à det:

‘Eh, Svualdin, Svualdin, no sastu ce ch’a gimine in cueste?’, a voleve dî ch’a ere gravide e che un cristian ai giminave in ta panse e pe gole des voies de gravidance no veve rivât adore di trategnisi

E cussì biât Svualdin al à scugnût contentâsi nome da mignestre, colpe che la gjaline a ere lade…in brût".

 
   

Lant indaûr tai agns sin lâts a sgarfâ in ta memorie dai nônos di Trep par riscuviergi il valôr dai lôr insegnaments ch’a erin inmò plui presious s’a cunsiderin il fat che pur no vint nue a vevin distes un grum di ingegn ch’a ju faseve lâ indenant tal vivi di ogni dì encje… cence vei il ‘frigo’!

                                                                                                                                         Manuela Quaglia
                                                                  (tutti i diritti riservati)


La dott. Manuela Quaglia, nostra nuova collaboratrice, è nata a Noiaris di Sutrio 36 anni fa, e attualmente vive a Buia. Appassionata delle tradizioni culturali della nostra terra, Manuela ha pubblicato e curato numerose ricerche e testi  volti alla riscoperta e alla conservazione del nostro patrimonio di umanità  e costume.


"Sarà ciò che Dio vorrà"
Il vivere quotidiano di un tempo in Carnia

"La popolazione carnica è pacifica, come la friulana in genere, gelosa della sua proprietà, ospitale, laboriosa, sanamente equilibrata, un po’ rude e chiusa in se stessa, ma tenace negli affetti e nell’adempimento del proprio dovere…..", così scriveva Michele Gortani all’inizio del IX° Capitolo del libro Guida della Carnia e del Canal del Ferro, dedicato ad "Usi, costumi, leggende e tradizioni" nel 1924.

Ed è proprio di queste genti carniche che parlo per analizzarne l’aspetto del loro vivere quotidiano. 
Le consuetudini della vita di un popolo hanno un processo evolutivo molto lento e sono determinate sia dalle condizioni ambientali in cui esso vive (nel nostro caso la montagna) che dagli eventi storici che lo interessano (invasioni di genti straniere, guerre, pestilenze, calamità naturali quali terremoti o alluvioni).

Quale il  modo in cui vivevano i carnici e quale la  giornata tipo di una famiglia tipo nella Carnia degli anni ’20?
 La vita solitamente era scandita dall’alternarsi continuo dei tempi del lavoro o profani che dir si voglia e quelli della festa secondo dei cicli che venivano comandati dallo scorrere dei ritmi naturali. Il filo che univa questi due tempi era rappresentato dalla fede, una fede che teneva unita la famiglia e dava conforto nei momenti peggiori e che legava la comunità intera durante le funzioni e celebrazioni religiose. Era proprio quella fede che faceva dire alle genti carniche nello scorrere delle loro giornate "sarà ciò che Dio vorrà" rimettendosi quindi nelle mani del Signore.

Le due cose fondamentali che scandivano il vivere di ogni giorno erano i ritmi del ciclo dell’anno regolato da scadenze giuridiche e religiose ma anche il ciclo della vita che segnava nella vita del singolo individuo i passaggi da un’età all’altra attraverso i cosiddetti "riti di passaggio" che altro non erano se non feste collettive. Il cristiano entrava a far parte della comunità con il rito del battesimo al quale seguivano nella prima infanzia la comunione e la cresima; la coscrizione lo faceva entrare a tutti gli effetti nella fase della giovinezza, il giovane veniva quindi riconosciuto dalla classe adulta ed aveva perciò diritto di frequentare le ragazze ed i luoghi di pubblico incontro. Il matrimonio rappresentava invece il "rito di passaggio" più importante, con questo infatti la donna lasciava il proprio gruppo familiare di appartenenza per entrare a far parte di un altro ed inoltre non era più soggetta giuridicamente al padre bensì al marito.

La famiglia contadina può essere paragonata ad una piccola azienda la cui struttura rispetta precisi ruoli gerarchici al cui vertice si trovava il capofamiglia seguito dai figli maschi e dietro a questi le donne e i bambini.

Rispetto alla famiglia attuale che comprende al massimo due generazioni, quella di un tempo riusciva a comprenderne anche quattro e tutto veniva deciso al suo interno: al padre spettava il compito di dirigere lavoro e affari, alla madre toccava invece l’organizzazione della vita domestica, a lei si richiedeva di essere brava nel mettere al mondo figli, nel lavorare e nel gestire il "menage" con saggezza e naturalmente con oculatezza. L’azienda familiare ere in grado di produrre in base al numero dei suoi membri e pertanto la perdita di uno di essi, vuoi per causa di morte o di matrimonio, rappresentava un impoverimento del nucleo.

La gente viveva in perfetta simbiosi con la natura che era in grado di offrire tutto ciò di cui avevano bisogno. Si costruivano case con i materiali disponibili quali legno e sassi, ci si vestiva utilizzando lana e canapa, si mangiava ciò che si coltivava, ci si curava con le erbe che crescevano nei prati, si nutrivano anche gli animali domestici con ciò che la natura poteva offrire.

I tempi del lavoro erano messi in stretta correlazione con l’evolversi delle stagioni e: la primavera dava inizio al periodo più intenso per l’attività lavorativa, anticamente questa stagione prendeva il nome di "vierte" = apertura, che si concludeva poi con l’autunno, chiamato anche "sierade" = chiusura. Non si pensi che gli altri periodi dell’anno fossero però oziosi, tutt’altro. I lavori da fare erano sempre tanti e ce n’era per tutti i membri della famiglia.

La fede permeava ogni momento della vita famigliare ma anche di quella della comunità. Il popolo contava sull’aiuto di Dio e dei Santi ma anche su quello immediato che poteva offrire il sacerdote attraverso benedizioni, esorcismi e scongiuri. In ogni momento della vita e in ogni singolo atto c’era un codice auto protettivo comune cominciando dal semplice segno di croce che trovava posto in tanti piccoli gesti quotidiani, dal taglio della polenta, alla benedizione del cibo, alla preghiera. Molte volte quando qualcuno si trovava in una situazione di difficoltà altro non faceva se non alzare gli occhi al cielo e dire quasi con tono rassegnato: "Sarà ce che Dio vorà" (sarà ciò che Dio vorrà).

Come si è avuto modo di dire la miseria all’epoca si faceva molto sentire soprattutto per quanto riguardava il cibo disponibile. Ecco allora che in questo caso si riteneva che vi fosse un santo che si dedicava ad aiutare il prossimo: San Gaetaano. Si diceva che "San Gaetàn" fosse il padre della Provvidenza e pertanto spettava a lui…provvedere appunto!

Si raccontava che in un paesino vi fosse una vecchietta che leggeva molto bene le carte, molta gente andava da lei e in cambio della sua abilità riceveva prodotti in natura. Talvolta le capitava di guadagnare un formaggio e della salsiccia, allora si dava un gran daffare per cucinare al meglio quel giorno suscitando la curiosità dell’anziano marito che chiedeva:

"Cemût mai dut chest lusso achì voi?" (come mai tutto questo ben di Dio oggi?)

"Mangje e no sta vei pinsîrs che San Gaetan al à proiodût encje par voi!!! (mangia e non preoccuparti che San Gaetano ha provveduto anche per oggi!)

 

E sarà proprio la religione con Dio ma anche con i santi a fare in qualche modo da filo conduttore nell’analisi del vivere quotidiano di un tempo in Carnia.

il vivere quotidiano… in non di Dio encje voi!!!…

Un analisi dettagliata della vita di una comunità richiederebbe certamente un intero capitolo in merito perché si potrebbe spaziare lungo il corso di un anno o nell’arco delle varie fasi di una stessa vita partendo dalla nascita e concludendo con la morte.

Invece qui voglio privilegiare il vivere quotidiano così come si svolgeva nell’arco di una giornata intera, dall’alba al tramonto, "da une lûs a che ate", da una luce all’altra come si soleva dire. Vedremo le abitudini di bambini, donne uomini e anziani in modo da poter avere uno spaccato completo pur con il limite di una giornata tipo.

Innanzitutto gli  erano gli aspetti generali caratterizzanti per la vita di un tempo, riferendoci a 70/80 anni fa in Carnia. Anzitutto c’era in questa zona

una grande miseria dettata dalle conseguenze della prima Guerra Mondiale e dall’impossibilità di trovare lavoro in loco, circostanza questa che costringeva la gran parte degli uomini di una comunità a lavorare oltre confine, in Austria, Germania e Francia;

Le famiglie erano solitamente molto numerose e quindi molte erano le bocche da sfamare;

La donna sosteneva tre pilastri della casa, essendo essa sempre presente, mentre l’uomo che rientrava dal lavoro stagionale solo nel periodo invernale si diceva ne reggesse uno solo;

Il lavoro scandiva il tempo di ogni singolo giorno in un continuo alternarsi di attività tra stalla, campagna e montagna;

La superstizione prendeva il posto della fede quando quest’ultima non riusciva a dare le sue spiegazioni o il suo aiuto, ecco che si temevano le apparizioni dei defunti, si credeva nel potere del maligno attraverso le streghe o altri personaggi mitici come l’orcul, la medace o il maçarot;

Lo spirito di solidarietà che nel bene e nel male legava l’intera comunità e di questo vedremo alcuni esempi;

L’importanza della "file" come momento di ritrovo comunitario.

Tutti gli aspetti sopra elencati permeavano la vita quotidiana ed erano riconducibili a quasi tutte le realtà dei singoli paesi della Carnia.

Dovendo collocare la nostra giornata tipo diremo che essa si trova in quel periodo dell’anno dove vi sono molti lavori da fare sia in montagna che in campagna e quindi tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate.

   

la sveglia

La giornata iniziava con la sveglia verso le quattro e mezza/cinque del mattino. Ma come facevano a svegliarsi all’ora giusta in un tempo in cui le sveglie trovavano posto solo sui comodini delle persone più benestanti? E’ presto detto, già in questa semplice operazione trovava il suo posto la fede in un modo molto particolare.

Gli anziani insegnavano ai bambini, ma anche agli adulti che se volevano essere svegliati alla tal ora avrebbero dovuto pregare per l’anima più dimenticata del Purgatorio chiedendo poi alla stessa al termine della preghiera di essere svegliati all’ora desiderata ciò, come raccontano molti anziani, avveniva puntualmente. Erano le donne che solitamente iniziavano la loro giornata lavorativa così presto.

Vi era poi un altro modo per essere svegliati e consisteva nel rivolgere un invocazione alle Sante Anna e Susanna con una semplice preghiera che recitava:

"Sant’Ane e Sante Susane, une a jove e che âte mi clame: as cinc"

(Sant’Anna e Santa Susanna, una mi alza e l’altra mi chiama: alle cinque)

Anche in questo caso, assicurano gli anziani, si poteva star certi che all’ora richiesta gli occhi si sarebbero aperti quasi come per magia.

Dopo le operazioni di rito appena svegliati, era molto importante recitare una preghiera la cui funzione era quella di accompagnare la persona lungo l’arco della giornata. Ecco allora che dopo aver fatto il segno della croce con l’acqua santa, che trovava sempre un posto nelle piccole acquasantiere poste ai lati del letto, fatti altri tre alla porta della camera si diceva un'altra formula:

"Pâs di denti, crous in vie, Crist e la Beate Vergjne setino simpri in mê compagnìe"

(Pace di dentro, croce in via, Cristo e la Beata Vergine siano sempre in mia compagnia)

La colazione era molto frugale, solitamente si mangiava lo "sûf" (farinata) poi la donna partiva alla volta della stalla per accudire la mucca. Nell’economia domestica gli animali avevano un’importanza fondamentale. Si trovavano nei paesi mucche, almeno una per famiglia, maiali, galline e più addietro nel tempo anche pecore e capre. Era compito delle donne accudirli e si diceva che nelle famiglie prima mangiavano gli animali e dopo le persone. Avere una mucca in una casa significava abbondanza in famiglia perché la mucca dava il latte che veniva in parte utilizzato in casa e in parte portato nelle latterie dove veniva lavorato per ricavare burro e formaggio. Il lavora nella stalla era quindi organizzato con scadenze d’orario fisse, al mattino e alla sera. Ma torniamo alla nostra donna che uscita di casa al mattino presto si recava nella stalla. Quando questa era in paese il tempo per raggiungerla era breve, ma molte volte le stalle si trovavano anche ad un’ora di cammino da casa, ecco allora che la donna per recuperare del tempo anziché recitare tutte le preghiere previste per l’inizio della giornata a casa, le diceva strada facendo e molte volte, se c’era già la luce del giorno, approfittava per sferruzzare un po’ a maglia o per preparare le suole dei famosi "scarpets", calzature artigianali che si usavano all’epoca.

I lavori in stalla richiedevano circa un’ora e, una volta terminato, la donna andava alla latteria a portare il latte munto e quindi arrivava a casa dove preparava la colazione per tutta la famiglia. Elencando le caratteristiche del vivere quotidiano avevamo sottolineato come in seno alla comunità vi fosse un forte senso di solidarietà e di aiuto reciproco, vediamone qui un aspetto che riguarda proprio la mucca. Quando questa partoriva il primo latte che veniva munto dopo il parto non veniva trattenuto dalla famiglia proprietaria ma dato in beneficenza alle famiglie più bisognose del paese.

Una volta rientrata in casa la nostra donna doveva darsi da fare per accudire i suoi bambini, se in casa c’era una donna anziana, provvedeva lei a preparare la colazione per tutti. I bambini più grandi, dopo aver pregato e fatto colazione con l’immancabile farinata, andavano a scuola mentre i più piccoli rimanevano per casa mentre la madre faceva i lavori domestici ospitati nella più tenera età anche in semplici attrezzi da lavoro com’era il vaglio, che nella sua funzione usuale serviva per vagliare il granoturco. La mattinata proseguiva con i lavori nei campi o nei prati che venivano falciati, naturalmente a mano. Accadeva talvolta che le donne partissero prima dell’alba per recarsi in montagna a falciare, ecco allora che demandavano a qualche conoscente o all’anziano di casa il compito di accudire la prole e preparavano prima di partire quello che avrebbe dovuto essere il pranzo dei suoi famigliari. Con se in questo caso la donna portava quello che noi oggi chiameremo pranzo al sacco e che all’epoca prendeva il nome di "çacule" dove c’era una fetta di polenta e magari un pezzetto di formaggio.
   

Il cibo rappresentava il combustibile per la macchina-lavoro di ogni singolo componente della famiglia, era conservato e distribuito con oculatezza. La cucina popolare si serviva di pochi elementi essenziali che venivano combinati in modi diversi secondo l’abilità della padrona di casa. I pasti erano anticipati nell’orario rispetto ai nostri e sulla tavola le stesse cose prendevano forma in pietanze diverse. I vecchi dicono oggi che all’epoca si mangiavano sempre le stesse cose, polenta a pranzo e minestra la sera. Mi raccontavano in un paese un bel aneddoto sui pasti dicendomi che in una casa la padrona, che solitamente cucinava polenta a pranzo e minestra a cena, per accorgersi che la domenica era arrivata cucinava minestra a mezzogiorno e polenta la sera. Ecco un modo attraverso il quale si manifestava la fantasia dell’epoca.

La natura e la coltivazione nei campi erano in grado di offrire tutto questo, nulla veniva lasciato al caso, ecco allora che si seminavano patate, granoturco, fagioli, rape, cappucci, frumento, orzo, segala, canapa; dagli alberi si raccoglievano i frutti che venivano riposti nelle cantine e consumati d’inverno, si faceva il mosto con le pere e le mele, si raccoglievano noci, nocciole, uva, more e lamponi. Si tagliavano nei prati tutte quelle erbe che potevano essere cotte e poi mangiate, si raccoglievano le erbe medicinali per preparare poi d’inverno tisane per ogni evenienza. Si cuoceva il burro e lo si riponeva nelle pile di pietra per la conservazione, Si insaccavano e affumicavano le carni degli animali uccisi. Niente veniva lasciato al caso insomma!

Oltre che soddisfare le esigenze dei singoli per la sopravvivenza, i prodotti della natura servivano anche come merce di scambio per i piccoli baratti che venivano fatti in seno alla comunità.

  

Tornando allo spirito di solidarietà che animava la gente nei piccoli paesi della Carnia possiamo ricordare un’altra bella usanza. Quando una persona, spinta dalla necessità di sussistenza aveva dovuto consumare anche quelle patate che solitamente venivano lasciate per semenza, aveva diritto di chiedere la carità della semenza nelle case del paese e nessuno si poteva rifiutare perché un vecchio modo di dire recitava:

"La semence no si pò dineâle a di nissun"

(la semenza non si può negarla a nessuno)

Lo scorrere del giorno era segnato dai rintocchi delle campane che accompagnavano le genti durante le loro fatiche. Laddove il rintocco nono si poteva udire ci si affidava alla posizione del sole nel cielo, mentre di notte si seguiva la posizione delle stelle.

I lavori da fare in casa erano sempre molti e le donne non stavano mai ferme un attimo, correvano dal prato al campo, dalla stalla alla casa, da un’attività all’altra senza mai un attimo di tregua. Divertimenti non ce n’erano e solo quando in paese c’era qualche piccola festa, assieme al marito andavano a ballare. L’unico giorno in cui si dovevano fare solo le cose indispensabili era la domenica, che andava santificata. E qui ci riallacciamo nuovamente all’aspetto religioso per sottolineare l’importanza di questo giorno. Era importante andare alla messa e comunicarsi, era la giornata del Signore e quindi andavano fatti solo i lavori strettamente necessari come accudire gli animali nella stalla e sbrigare le faccende domestiche, tutto il resto poteva attendere il giorno successivo. Il profondo rispetto che c’era per la domenica è evidenziato anche in due semplici affermazioni di un anziano informatore che ha raccontato come una sua zia dicesse che la domenica non ci si doveva nemmeno pettinare e a riprova di ciò testimonia che lei si rifaceva la lunga treccia appunto il sabato in segno di rispetto per la festa. Si diceva anche che le donne che avessero cucito di domenica avrebbero poi visto tante vipere durante il lavoro della fienagione d’estate. Ecco come ancora una volta vediamo la religione permeare la vita quotidiana.

    

La famiglia, come abbiamo detto, era strutturata in maniera gerarchica. Era si una famiglia patriarcale dove però la donna era colei che aveva la responsabilità e l’onere di portare avanti, e molte volte lo faceva da sola, l’educazione dei figli, la cura della casa i lavori in campagna e l’economia domestica.

Un tempo la donna, anche se dal marito veniva chiamata "la mê parone" (la mia padrona) era in realtà sottomessa all’uomo che aveva in un certo senso anche paura di questo, così come i figli avevano una forte soggezione per il padre.

Nel contesto del vivere quotidiano ecco allora che il posto occupato dall’uomo era importante per al sua funzione in seno alla famiglia anche se, nello stesso tempo era la figura meno presente in questa. Considerata la scarsità d’offerta lavorativa in loco l’uomo carnico doveva trovare una fonte di reddito sicuro nei paesi confinanti facendo lavori stagionali. Partiva solitamente prima di Pasqua e rientrava il mese di ottobre. Qualcuno durante questo periodo dell’anno provvedeva ad inviare del denaro a casa per il fabbisogno di ogni giorno. Altri, ed erano la maggioranza, sembravano non ricordarsi di aver lasciato una famiglia in paese. Una volta rientrati dalla stagione però, pretendevano di essere serviti e riveriti dalle mogli e amati e rispettati dai figli che vedevano crescere nel numero di anno in anno. A questo proposito un informatore mi ha raccontato un episodio:

"In una famiglia dove c’erano già tanti, forse troppi bambini, il marito aveva proposto alla moglie prima di ripartire, di rimanere lontano da casa due anni anziché uno per evitare che almeno in quel periodo che la donna potesse mettere al mondo un altro figlio.. e così, per il bene della famiglia i due hanno fatto dei sacrifici. Due anni dopo il marito è tornato e dopo un anno una nuova nascita allietava la famiglia: erano nati due gemelli. Anche quel sacrificio era stato vano!!!"

In primavera, raccontava sempre l’informatore, la donna era ben felice di accompagnare alla stazione del trenino o alla corriera, portando loro il "fagot" (L’insieme dei vestiti) e una sua zia era solita dire all’amica sulla via del ritorno di acquistare un decimo di grappa e di andare a casa a preparare "un bon got di cafè neri" se quell’anno avessero constatato di non essere rimaste nuovamente incinte.

E’ curioso ricordare come due donne che litigavano per motivi personali, quando volevano inveire in modo deciso usavano ripetere: "Podestu fâ il jet al to omp dut l’an!!!!": Era di certo il peggior augurio che si poteva fare ad una donna perché avere il marito in casa tutto l’anno significava dover accudire una persona in più.

Ma cosa faceva l’uomo durante la sua permanenza a casa per aiutare al moglie? Cercava di fare quante più cose possibili: preparava la legna per l’inverno, aggiustava i rastrelli e le falci assieme agli altri arnesi da lavoro, faceva le scope per la stalla, costruiva le slitte o e le gerla in vimini, se poi erano anche uomini abili nel loro mestiere usuale, trovavano qualche lavoretto da fare.

Il divertimento dell’uomo si trovava in osteria, punto di ritrovo per quasi tutta la popolazione maschile. L’uomo rispettava la religione anche se, alle cerimonie religiose, non prendeva parte in maniera così attiva come la donna.

Prima di uscire di casa non mancava mai di dire: "In non di Dio encje vuei" (Nel nome di Dio anche oggi). Se poi voleva pregare al mattino, cercava di impegnare poco tempo e di essere molto sintetico come conferma questa semplice preghiera che veniva recitata da un vecchio dell’epoca: "Bondì Signôr, l’om ‘l’è cà, saveis las bisugnes ch’al à in chest mont e in chel âti, e jo no us dîs nuâti" (Buondì Signore, l’uomo è qua, sapete le necessità che ha, in questo mondo e nell’altro e io non vi dico nient’altro) 

I bambini una volta erano sempre numerosi in seno alle famigli carniche, chi ne aveva pochi ne aveva 7/8 e in alcuni casi si arrivava anche a 15/16. I figli erano la forza lavoro della famiglia. I più grandi aiutavano la madre nei lavori di casa e in quelli della campagna così come avevano cura dei fratelli più piccoli. Alta era la mortalità infantile e quando moriva un bambino, se da un lato c’era il dolore per la perdita dall’altro c’era la gioia perché il numero delle bocche da sfamare sarebbe diminuito. Raccontava un informatore che un giorno in un paese mentre stavano suonando "campanitis" (sono i rintocchi delle campane che annunciano il decesso di un bambino) una madre chiese ad uno dei suoi figli appena rientrato dalla scuola chi fosse morto. Avuta la risposta aggiunse: "Vedi figliolo, lì il Signore ha provveduto e qui invece non provvede mai!".

Se per un bambino che moriva vi era una sorta di spirito di rassegnazione, questa diventava invece disperazione nel caso fosse morto un animale, mucca o maiale che fosse. L’attaccamento agli animali e il desidero di preservarli dai pericoli era dimostrato anche in due momenti del vivere quotidiano legati ancora una volta all’aspetto religioso. La donna la sera, terminati i lavori nella stalla, dopo aver chiuso la porta era solita fare tre segni della croce sulla serratura e recitava la sua preghiera:

"Sant’Antoni e San Florean travuardàit anemâi e cristians"

(Sant Antonio e San Floriano proteggete animali e cristiani)

La sera poi si raccontava che al momento del rosario colui che lo portava avanti era solito dire: "preìn prime pa vacje e pò par nou!" (prima preghiamo per la mucca e poi per noi).
 

Ma torniamo ancora un momento allo scorrere della nostra giornata per vedere da ultimo qual era il posto occupato dalle persone anziane all’interno del nucleo familiare. Normalmente le donne anziane aiutavano le figlie o le nuore nelle faccende domestiche, avevano cura dei bambini, preparavano i pasti della giornata, lavoravano a maglia, preparavano i "scarpets", filavano la lana o cucivano. Gli uomini anziani invece facevano qualche attrezzo da cucina utilizzando il legno o riparavano rastrelli, scope, ecc. Nel tempo libero si accorpavano a piccoli gruppetti nei punti di ritrovo per fare una fumata o una chiacchierata ricordando le esperienze di vita passata.

  

La sera il punto d’incontro era rappresentato dal "fogolâr", il focolare, le cui funzioni erano molteplici: illuminava la stanza, cuoceva i cibi, essiccava quelli che venivano posti sulla "secjarole" all’interno della cappa del camino e naturalmente riscaldava le persone che attorno ad esso si riunivano nelle famose "files" soprattutto d’inverno. Dopo la recita del rosario, che avveniva puntualmente ogni sera, c’era il tempo del raccontare e gli abili narratori, che venivano contesi da una famigli all’altra del paese, raccontavano ai convenuti storie di streghe, orchi, diavoli, fate e folletti, storie del Signore e San Pietro, racconti di tesori nascosti, di anime dannate e di spiriti burloni.

L’ascolto delle storie avveniva naturalmente lavorando: si sbucellavano i fagioli, si sfogliavano le pannocchie, si cuciva, si lavorava ai ferri. Anche i bambini davano il loro contributo aiutando come potevano e come premio trovavano nascoste tra fagioli e pannocchie noci e noccioline che gustavano assieme al racconto.

E dopo le leggende e le favole arrivava il tempo del riposo. I bambini venivano accompagnati a letto dalle madri e si addormentavano dopo aver recitato la preghiera. Anche i nonni e il papà, quando c’era, andavano a riposare lasciando in casa soltanto la "parone" che sbrigava le ultime faccende e riassettava la cucina.

Lei era l’ultima a godere dei benefici del sonno ristoratore. Una volta a letto il suo ultimo pensiero andava ancora una volta a Dio al quale si affidava con la preghiera della sera che recitava così:

 

Signôr mi pon achì

Signôr mi pon achì,

no sai s’a rivi al dì

rivâ o no rivâ

trei graçes voi domandâ:

confession, comunion e vueli sant.

In non dal Pari, dal Fî e dal Spiritu Sant.

Ven da Vou bon Signôr

Ch’a seis un bon confessôr.

Confessàit i miei pecjâts

A ‘nd’ài di piçui, a ‘nd’ài di grancj

E no sai dî cetancj"

 

Signore mi distendo qui

Signore mi distendo qui

non so se arrivo al dì

arrivare o non arrivare

tre grazie voglio domandare

confessione, comunione, olio santo

Nel nome del Padre, del Figlio e dello S.S.

Vengo da Voi buon Signore

Che siete un buon confessore

Confessate i miei peccati

Ne ho di piccoli, ne ho di grandi

E non so dire quanti.

 

E dopo la preghiera poteva ben arrivare il sonno ristoratore sulle membra stanche di donne, uomini, bambini e anziani fintanto che un nuovo sole sarebbe sorto annunciando col canto del gallo l’inizio di un’altra giornata di lavoro.