Emigrazione Testi

 

Poesie tristi queste di Leonardo Zanier, con le quali iniziamo una raccolta di testi sull'Emigrazione. Ci riportano all'atmosfera di molti, ma non moltissimi anni fa: paesi della Carnia svuotati dalla presenza e dalla forza dei capofamiglia. La condizione raccontata da queste poesie quella dell'uomo cresciuto fra "las cotulas das mris e las risclas dai pez" , che vive nella baracca dell'emigrante, portato da treni e corriere l dove "l'ga un ti savr", e che pensa, sovrastato da questo forzato esilio, a tutto ci che cjase, Cjargne, fame.
Rileggere  qualche poesia di Zanier, delle quali riportiamo probabilmente le pi significative sull'argomento emigrazione, come ascoltare la voce di mille uomini semplici, di poche parole, dal carattere forgiato entro i confini della Carnia che hanno vissuto, per lunghi anni della loro vita attiva soli e lontani dagli affetti e dalla loro terra.

 

 
 
NIENT'ALTRO DA DICHIARARE?

granda pesant scussada
cence retangui o taronts
colorats di otei
sglonfa
tegnjuda adun cun cuardas
e cun cinturias

" Zoll bitte
" dogana prego
" douane d'il vuos plat
" di chi quella?
" mia...
" la apra

dos pancieras di lana
stivai scarpons scarpas
cjavatts imprest
un Kitil todesc
cjamesas americanas

" nient'altro da dichiarare?
" no iodiel?

 


 

   
STAGJONAAI

Lass
la famea
la cjasa
il berz
l'ostaria
i ams
las pedradas
un cl da sislas
i odrs
di una vita

strengi
'tar 'na vals
o vostz
plens di bosc
i ricurz
e las fotografis
un toc di formadi
il livel
un salam
una cjaza
ds coculas
e una lagrima
ingosada
buss
la femina
i fruts
ridnt
plens di poura
di mtisci
a va
 epo' l
cun corieras
e trenos
lontans
dul che l'ga
un ti savr
e 'no san f
la polenta
e il vin
no'l sa da nuia
e la int
a pressa

l
pensant
a novembre
a vacja
c'a tocja
al pecol
rot
da olgja

durm
in t'una baraca
cun int
c'a rangussa
dopo v net
ta bira
il ricurt
di nots
plens di fc
e i dispiets
dal canaj
tas moschetas...
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
...E LA FEMINA IMPIIS CH'A LU CJALA

Veso mai jodt
il vint 'tal bosc?
un vint da slev-pez?
e i pez col?
Cun ches rads
come braz, come mans
ch'a si tgnin 'ta cjera?

E veso jodt
un om ch'al partis
ch'al v?
La s vals par cjera
e un canai pa man
e la femina imps
cj'a lu cjala?

Veso jodt i diei voi
quant ch'a cjlin atr?
Las ss mans
i siei braz
quant ch'a lscin
che femina?...
Lu veso jodt?!

 

   
PARCE' A MI SIGNOOR ?

parc a mi Signr?
ogni an a mi Signr?
chesta crs
e chest vueit sorasera

rest tant timp bsola
in chest jet grant
ch'al cricja
mi spuei al scr
Signr
di poura di jodimi
Signr
e no mi tocj la cjar
Signr
di poura di va
di vos...
j'i cambit i linsi
Signr
'a vevin il s odr
il nesti  odr
'ju i mets nos
di chei dal coredo
ma il gno cuarp
no Signr
il gno cour
no Signr
no pos cambiju
Signr
mi scoltaiso Signr
MI SCOLTAISO SIGNR?...

Buinagnot om
pensimi
staben
scrf
VEN!

 

 
  Leonardo Zanier
"Libers....di squigni laa..." - Poesie 1960 - 1962