Leggende, storie, storielle,  si dice, orchi e streghe, alc di ridi. 

 

 

"Cemt che je nassude la nf in Cjargne"
"La mucca"

"La polenta"

"Leggenda dei pagani"  (versione di Oltris-Ampezzo)
"La farine dal mulin di Lauc"




         Cemt che je nassude
       la nf in Cjargne

di Renzo Balzan

 

 
     Com' nata la neve in Carnia
 
di Renzo Balzan

  Tutti in Carnia lo sanno, almeno quelli che abitano nel Canale di Gorto, che la montagna chiamata Crostis una delle pi ricche di leggende.
A Collina, Givigliana, a Tualis e a Salars se ne possono ascoltare pi d'una.
Sul monte Tenchia si riuniscono in convegno e ballano le streghe, come del resto si sapeva anche prima che lo scrivesse la Percoto e che il Carducci lo cantasse nelle sue poesie; ma che sul monte Crostis fosse nata la neve, crediamo che siano davvero pochi a saperlo.
Racconta questa leggenda che si era alla fine del mese di marzo, e che i primi segni della primavera cominciavano gi a farsi sentire.
Cominci d'un tratto a fuoriuscire un leggero vapore dalla terra, che si alzava sempre pi in alto, fino ad arrivare a ricoprire i fiumi, i laghi, le pianure, i boschi e il monte Crostis. 
E pi
il tempo passava, pi si faceva tutto bianco. 
Un bianco sempre pi denso. cos ogni cosa venne circondata e avvolta da quello che era ormai diventato una sorte di mare di nebbia candida.
Ma ecco che a un certo punto venne fuori una pecora che and su per la salita di Tualis, attravers il bosco e svelta come un capriolo corse sulla cresta della montagna fino su all'ultima cima, poi con un grande salto arriv su nel cielo. Dietro di lei arriv una seconda, e una terza, e dieci e cinquanta e cento...
Allora sugli infiniti prati dal cielo inizi  una gara, vivace e graziosa. 
Le pecore correvano leggere una pi dell'altra e gli angeli volavano loro attorno e cercavano di fermarle afferrandole per i riccioli del loro vello di lana.
Ma le pecore si liberavano, lasciando tra le mani degli angeli i boccoli del loro soffice mantello.
A un certo punto arriv anche il vento ad unirsi a questa specie di gioco.
 La lana sfilacciata  leggera dondolava nel vento, rilucendo al sole che stava salendo dietro le cime. Giravano attorno a se stessi  i fiocchi candidi in una danza leggera, si alzavano su in alto e poi piano piano venivano gi, venivano gi...
La nevicata andata avanti fitta, fitta, per tutta la notte, poi alle prime luci dell'alba la nuvola cominci ad aprirsi e sotto la luce incerta del primo mattino la terra         mostr i monti coperti dal bianco mantello.
A questa vista rise appagato perfino il sole che si alzava sul monte Crostis, come per una stregoneria che era riuscita bene.

 

 

                             

 Ducj in Cjargne lu san, almancul chei che a lghin tal Cjanl di Guart, che la mont clamade di Crostas e je une des plui ricjis di lejendis.
 A Culino, a Gjviano, a Tualis e a Salrs s'in puedin scolt plui di une.
Su la mont di Tencje si dan adun in cunvigne e a blin lis striis, come che si saveve ancje deant che lu scrivs tes ss prosis la Percude, e che il Carducci lu cjants te ss poesiis; ma che su la mont di Crostas e fos nassude la nf o crodn che a sdin pardabon in ps a savlu.
E conte cheste liende che si jere a la fin dal ms di mar e che i prins clips de vierte a tacavin bielz a fsi sint. Dutcs une buinore de tiere al scomen a bur fr come par un incjantesim, un lizr vapr  ch'al lave jevansi simpri plui in alt, fintramai ch'al riv a subiss e a cuviergi i flums, i lts, i plans, i boscs e la mont di Crostas. E plui il timp al passave, plui si faseve dut blanc. Un blanc simpri plui pen. Cuss ogni cjosse e rest torcenade e subissade di chel ch'al jere aromai diventt une sorte di mr di fumate cjandide.
Ma v che a un ciert pont e vign fr une piore che l su disburide pe cleve di Tualis, e traviers il bosc e svelte come un cjavrl e cor su la cueste de mont fintremai a l'ultime cime, po cun tun grant varc e riv s tal cl.
Dar di j e riv une seconde, e une tierce, e ds e cinquante e cent...
Alore pai infints prts, colr blf dal cl
s'invi une gare, vivarse e gracise. Lis pioris al corevin lizeris une plui di ch tre e i agnui ur svualavin dar e a cirivin di fermlis cjapanlis pai rits de lr velade di lane.
Ma lis pioris si diliberavin, lassant tes mans dai agnui  i bocui de coltre mulisite.
A un ciert pont al riv ancje il vint e si zont a cheste sorte di zc. La lane sgjarpide e lizere si niulave ta l'arie muesse, slusint al soreli ch'al lave a mont dar lis cretis.
A sgurlavin i flocs cjandits in lgre danze, si alavin s adalt e po biel planc a vignivin j, a vignivin j...
La nevere e l indenant fiss, fiss, pa dute la gnot, po sul scric de l'albe la neule e scomen a viergisi e sot la ls incierte de buinore la tiere braurse e mostr lis monts cuviertis dal blanc mantl.
In face a cheste vision al rid apajt purpr il soreli ch'al jevave su la mont di Crostas, come par un strie ch'al jere riesst pult.

 


La farine dal mulin di Lauc
di Renzo Balzan

 


La farina del mulino di Lauco
di Renzo Balzan

Par cui  che di Tumie al va s pal stradon de val dal Tiliment, rivt ch'al un moment prin di jentr a Vile, s'al cjale parsore la cueste dal plan adalt di Lauc, a man drete, al po' viodi une olme blancje, come une spolvarada di farine sui rs di un cjanalt di cret. Al il varc d'indul che ven j la innomenade pissande dal riul Radime.
Cuss, a prin intro, nol semears un riul e nancje une pissande, ma se si torne cuant ch'al dar a montan, si po' assisti a un spetacul ch'al pardabon dal straordenari. La colpe e je dal Radine che dasp v cort sul plan di Lauc, si cjate a sec denant dal vueit e al plombe cun tun salt di un centenr di metris sul gravr ch'al dar dal simiteri di Vile.
Il risultt e je une grande nule di aghe parade in polvar, che si disgote j dasp v mulignt e strabat jenfri crets e clapons, cun efiets che no'nd' di compagns. In presince di un teren ric di gs, il salvalon e il paltan, puartts vie e strissints de curint a cavalons dal riul, a messet cu l'aghe, a van a poisi tant che une zilugnade sore sterps, gravrs e crets, dant cuss l'impression di v denant dai vi une lizere neveade. Partri sore chest fat, ch'al une spiegazion dal dut naturl, e esist une viere liende che j da un parc difarent e fantastic. Une reson che cjate rads te tradizion popolr, e dul che a jentrin ancje il Signr e il gjaul.
Aduncje nus contin i vecjos che etis indar dibot ducj i pas che son pojts sore lis clevis e i Cjani de Cjargne a vevin il lr mulin, cun zontt dongje il fr a legnis, dul che ogni famee e podeve masan la siale e il sorc, e cuesi dar il so pan neri.
Sun chest cont il mulin in cumugnl de vile di Lauc, al jere sul lastrn di cret a straplomp su la plane che si slargje tra Vile e Diviln. Lu vevin fat s su lis spuindis dal riul Radime in mt di doprj l'aghe par f gir il rt e meti in moviment la muele sore la suee.
Une d di cui sa cul soreunvir, zornade svintulade e criurse, si present su la puarte dal mulin un povars vistt in maniere malderte, e tant sec di meti in mostre i vus. A jere nestri Signr, in persone, che si veve strassamet di pueste par vign a domand la carit di une palote di farine, e viodi ce sorte di int che viveve di chestis bandis.
Nancje par dispit  al cumbin che jere dar a masan une femenausse. Une tegnse efetive de pis risme. Dutcs il Singr cence fsi masse scrupui al ols dists a jentr e cun biele maniere al domand: " Cristiane, faseimi la caritt di une zumiele di farine, che a son d che no met tal stomi nuje di redenzie?"
La matrone, che no suspietave cui che si scuindeve dar di ch figure di biada, dasp vlu svoglt di brut (come che o fasn n vu cui marochins o cui neris che a vgni a cir di vendi fufgnis tes nestris cjasis), j rispuind cun malegracie: "Farine a v! E mancjars ancje ch. No crodareis migo che la robe a mi vegni j pai cops, titrai! E po ce ch'o stoi masanant no je robe m. Vit dilunc che no pues st a atindius, che o ai inm cetant daf".
Il Signr la cjale riduant, e intant ch'al dar a gratsi la barbe ruspise, j ds: "Poben, poben pazienze, se la farine no je vuestre al volar d che je dal cuc, che lui al innomine di jessi paron a moments di dut".
A chest pont ch sbilfe di femine tocjade sul vf, si fas indenant dute alterade, e vosant a plene bocje e pet su: " Al dibant che la parais atr. O ai dit e lu torni a ripeti che ce ch'o soi dar a masan no je robe m. E po cjalait! s'o soi bausarie podessial il gjaul puartse vie cun lui cheste farine!"
No veve nancje fint di pronunzi la sentenzie, che si present issofat denant di j il sorestant de forns dul che a vegnin mandadis a pat lis animis dai dants. E cjap une pre malandrete, tant di cri a parsi sot un taula. Ma il demoni no le abad e cence st a f tantis ceremoniis al cjam in presse tun pr di sacs fintremai l'ultime prese di farine. Spiticansi podasp a sparnile cun grandis manadis parsore vie i crets de pissande.
Ch farine e je inm al, che si po' viodile cuant che si passe par chei sts. Spieli di un cjastic par pecjts tant che l'avarizie e la bausie, che a son dai pis che a puedi prodsi la nature dal uman.


 

                                     

 

Per chi da Tolmezzo risale la strada della Val Tagliamento, arrivato un momento prima di entrare a Villa Santina, se guarda sopra la costa dell'altopiano di Lauco, a destra, pu vedere un'ombra bianca, come una spolverata di farina sull'orlo di un canale di roccia. Questo il varco da dove scende la cascata del rio Rarime.
Cos, a prima vista, non sembrer n un ruscello, n una cascata, ma se si torna quando sta piovendo abbondantemente, si pu assistere ad uno spettacolo che perlomeno straordinario. La "colpa" del Radime che dopo aver percorso sul piano di Lauco, si trova dinnanzi il vuoto e cade con un salto di un centinaio di metri sulla ghiaia che si trova dietro il cimitero di Villa Santina.
Il risultato una grande nuvole di acqua polverizzata, che scivola gi dopo aver girato fra le rocce , con un effetto che non ha uguali. In presenza di un terreno ricco di gesso, la sabbia e il fango, portati via e trascinati dalla corrente sulle onde del ruscello, si mescolano con l'acqua, e vanno a posarsi come una rugiada sopra gli sterpi, le ghiaie e i dirupi, dando l'impressione di avere dinnanzi agli occhi una leggera nevicata. Peraltro, su questo fatto, che ha una spiegazione del tutto naturale, esiste una vecchia leggenda che d una spiegazione differente e fantastica.
Questa trova radici nella tradizione popolare, e dove c'entrano anche il Signore e il diavolo.
Dunque ci raccontano gli anziani che molti anni addietro quando tutti i paesi appoggiati sui colli e i canali della Carnia avevano il loro mulino, con aggiunto vicino il forno a legna, dove ogni famiglia poteva macinare la segala e il granoturco, e dopo cuocere il proprio pane nero.
A questo proposito il mulino in comunit del paese di Lauco, si trovava sulla lastra di roccia a strapiombo sulla pianura che si allarga tra Villa Santina e Invillino. Lo avevano costruito sulle sponde del rio Radime in modo da adoprare l'acqua per far girare la ruota e mettere in movimento la mola.
Un giorno di chi sa quale autunno inoltrato, giornata ventosa e fredda, si present alla porta del mulino un povero, e tanto magro che si vedevano le ossa. Era nostro Signore, in persona, che si era trascinato appositamente per venire a domandare la carit di un pugno di farina, e vedere che specie di gente vivesse da queste parti.
Neanche a farlo apposta,  per combinazione si trovava a macinare una donnaccia. Una tignosa della peggior risma.  Dunque il signore senza farsi troppi scrupoli os lo stesso entrare e con buone maniere le domand: "Donna di fede, mi fate la carit di un pugno di farina, sono giorni che non metto nello stomaco niente?"
La matrona,, che non sospettava chi si nascondesse dietro le spoglie di quel poveraccio, dopo averlo guardato di brutto (come facciamo noi al giorno d'oggi coi marocchini o con i neri che vengono a cercare di vendere  paccottaglie nelle nostre case), gli rispose scontrosamente: "Farina a voi? Ci mancherebbe altro. Non crederete mica che la roba mi venga gi dalle tegole! E poi quello che sto macinando non roba mia. Andate via, che non posso star dietro a voi, io ho troppo da fare!"
Il Signore la guarda sorridendo, e mentre si gratta l'ispida barba, le dice: "Bene, bene pazienza, se la farina non vostra vorr dire che del cuculo, che sar lui il padrone di tutto!"
A questo punto quella "sbilfa"  di donna, toccata sul vivo, si fece innanzi tutta alterata, e gridando a piena bocca: "E' inutile che la tirate alla lunga. Vi ho detto e torno a ripetere che quella che sto macinando non roba mia. E poi guardate! Se sono bugiarda potesse il diavolo portarsi via con lui questa farina!"
Non aveva neppure finito di pronunciare la sentenza, che si present sedutastante dinnanzi a lei il padrone della fornace dove vengono mandate a patire le anime dei dannati. La donna prese una paura maledetta tanto da correre a nascondersi sotto una tavola. Ma il demonio non le bad e senza fare troppe cerimonie riemp di corsa in un paio di sacchi fino all'ultima presa di farina. La disperse con grandi manate da sopra la cima della cascata. Quella farina ancora l, e si pu vedere quando si passa da quelle parti. Specchio di un castigo per peccati come l'avarizia e la menzogna, che sono fra i peggiori che l'uomo possa fare.

 Le rocce sovrastanti la pianura di Villa

 La piana di Invillino-Villa Santina


     
     
                         Tema: "La mucca"

                       
secondo l'interpretazione di Baici Francesco, alunno della III classe unica
                        (da Scuola modello, 1947- tratto da "All'ombra del Tinisa", n. unico 1955)
                                 
Tema particolarmente gustoso per il dialetto carnico "maccheronico".
                              I termini locali italianizzati spontaneamente dallo scolaro sono sottolineati
.
 

                                 

"La mucca la moglie del mucco. essa vive nella stalla perch in casa sporcherebbe. Essa non domanda mai permesso per fare la pip. La mucca ha due gambe davanti e due dietro. Ma di dietro ancora una gambetta pi fine che la chiamano "coda" e che non arriva per terra. La coda serve per parare via le mosche e i tavani.
La mucca si chiama anche vacca ed ha la testa como il cavallo, ma tutta differente; perch ha due corni che si fanno i codari per mettere le coti quando si sega il fieno. 
La mucca ha una bocca come un forno, essa fienifora perch si mangia un taulato di fieno. La mucca si la tiene perch d latte; la quale si fanno il formaggio, la ricotta e la sponghia, che poi diventa onto. 
Il latte la mucca lo tiene in un sacco, che sotto la pancia.
Io non sono capace di sapere come si chiama per taliano questo sacco, ma in friulano lo dicono "uvri". Il latte viene fuori da quelle spine che sono sotto il sacco e che bisogna tirarle e struccarle. Questo si chiama molgere la mucca. Quando la molgono la mucca fa "moo, moo...". Poi la mucca da la bogaccia, che si chiama letame. 
Io ho una mucca che si chiama "sisila"  . L'anno passato ne avevo due, ma una morta con un ferro di guggia. Mio nonno ha chiamato il vetrinario che ha detto che era malata e fraida patocca e che bisognava sepelirla. Ma il vetrinario non capisce gnente e mio nonno pi furbo di lui, la ha copata e ha fatto pindule che abbiamo mangiato per tre mesi. 
Io amo la mia mucca"

                                                           




                                           Tema: "La polenta"

                   
secondo l'interpretazione dello scolaro Luigi Polentarutti, di classe III unica
                        (da Scuola modello, 1947- tratto da "All'ombra del Tinisa", n. unico 1955)
                               
Anche qui
i termini locali italianizzati  dallo scolaro sono sottolineati. 
                                     
"A me mi garba molto la polenta. Io la polenta la mangio di  bonora, di mezzogiorno e di cena e anche alle quattro. La polenta se la fa con la farina de panoghie e con l'acqua e si mette anche il sale sen dicono che fa venire la pelagra.
Per fare la polenta si mette l'acqua nella calderia, poi si fa bollire sopra il fuoco e quando si vede le bolle si mette dirento una presa di farina e dopo tutto il  s'iatulino. Poi si prende il mesculo e si la rompe e si la lascia sialdare. Poi si mesceda...si mesceda cencia stufarsi fin quando la spussa di cotto. Poi la si giva e la si buta sul taiere che la fuma.
Ai signori, a loro piace la polenta tenera perch la mangiano con i luierini, ma a casa mia, la quale siamo poveri, la mangiamo dura sen lo stomaco si delibera subito.
La polenta pi dura quella dei boscadori, che la taiano con la manaria. Anche i pastori mangiano molta polenta nelle casere e prima di buttarla in bocca la stricciano e la folpeano fra le aine perch diventi pi mulisitta
Io amo la polenta e mangio anche le croste. La polenta, se cade a terra, fa sbrisciare. Mia nonna l'altro ano ha pesiato un poco di polenta e colata e ha s'iarnato un piede che abbiamo squegnuto portarla a Socchieve da quela donna che comedda gli ossi. Evviva la polenta! Anch'io mi chiamo Polentarutti."


        
                                                                               

           

Leggenda dei pagani
(Oltris - Ampezzo)

 

 

"Dice la leggenda che, al tempo dei pagani, sul monte Zampin abitasse una famiglia composta solo da marito e moglie. Il marito si chiamava Mac e la moglie invece Chialada, e non aveva figli. Essendo pagani adoravano il Gran Genio della montagna, un Genio buono, ma severo verso i trasgressori delle sue leggi e i violatori dei suoi segreti; verso costoro non usava alcuna clemenza.
I due coniugi trovandosi soli senza figli, invocarono il Grande Genio fino a muoverlo a compassione, che concedesse loro la gioia di averne uno, e per l'occasione regal loro una bellissima culla tutta d'oro.


Ma la moglie, sebbene felice, non era troppo contenta perch il figlio non aveva quella bellezza da lei desiderata e allora concep un piano malvagio.
Un giorno, all'insaputa del marito e del Gran Genio, pens di scendere a Oltris con il proprio figliolo, poich sapeva che laggi erano dei bambini molto belli, e sostituire il suo bambino con uno del paese. difatti scese e, visto sul cocuzzolo un bambino che giocava solo, svelta depose il suo e raccolse l'altro dandosi poi a precipitosa fuga. Percorso un tratto di strada si volse e ud il pianto disperato del figlio che aveva abbandonato. Mossa a compassione ridiscese, riprese il suo bambino e depose l'altro; cos il bambino di Oltris fu salvo. (Per giusto ancor oggi si chiama il
colle di Salvans)
Il Gran Genio, saputo quello che la donna aveva fatto, volle punirla, e la castig togliendole il figlio e la preziosa culla d'oro, che riport di nuovo nel suo scrigno segreto.
Allora i due coniugi piansero tante lacrime che il terreno si inzupp fino al punto di far scaturire una sorgente che ancor oggi si chiama col nome dell'acqua detta Chialada.
Molti uomini del paese, saputo che il Gran Genio custodiva nel monte la culla d'oro con tanti tesori, tentarono d'impadronirsene.
Il Gran Genio li lasciava salire ed anche scavare, ma quando stavano per metter mano sugli inviolati tesori allora con tutte le forze scuoteva la montagna facendo precipitare assieme ai massi anche i poveri uomini; cos nessuno mai pot sapere dove fosse il tesoro e violarlo.
Ancor oggi
Zampin racchiude nelle sue misteriose viscere la preziosa culla d'oro: difatti in vetta si pu ancora vedere tracce dello scavo, si pu vedere la casa di Mac (una grotta sotto le prime rocce del monte).
L'acqua porta il nome della
Chialada e cos pure il colle di Salvans, dove il bambino di Oltris ebbe salva la vita.
Cos termina la leggenda dei pagani Mac e Chialada e della culla d'oro"