Alla ricerca della nuova luce tra i monti del Friuli
 

  italiano         furlan
   
 

 

   
 

Il periodo dei Dodici Giorni, tra Natale e Capodanno, racchiude i passaggi pił significativi dell'anno. La nascita del Bambino Gesł  per l'appunto coincide con il momento in cui, dopo il solstizio d'inverno, le giornate ritornano ad allungarsi, vale a dire con il ritorno della "luce", cosģ gli elementi folklorici di questo particolare momento del calendario acquistano un valore simbolico particolare.

    Se si esclude il Canale d'Incarojo (la vallata di Paularo), dove esiste l'usanza di bruciare "La Femenate", manca in Carnia la tradizione dei "pignarūi" e  dei grandi fuochi propiziatori che in Friuli si accendono per l'Epifania, con il fine di sollecitare il sole a riacquistare la sua forza. Non di meno in qualche paese, e principalmente nel Canale di Gorto, si inizia a lanciare "lis cidulis", ovvero le rotelle di legno di faggio infuocate.

    In compenso, in Carnia, molto pił che in Friuli, č  pił diffusa l'usanza di portare di casa in casa il segno della nuova luce, usando una Stella luminosa, con l'accompagnamento di canti e motivi di carattere religioso. Queste processioni augurali con la Stella acquistavano un tempo l'importanza di una forma quasi liturgica, e la stessa raccolta dell'offerta, praticata per questa occasione dalla Compagnia della Stella, assumeva un valore per certi aspetti sacrale: il dare l'offerta a questi "ambasciatori della luce" era come assicurarsi un'annata fortunata e di raccolti abbondanti.

    La Stella, costruita con dei listelli di legno ricoperti con carta colorata, era illuminata internamente da una o due candele, e girava dalla sommitą di un'asta  retta da un componente della compagnia. Uno dei canti tradizionali che utilizzavano, diceva:

"Siamo i Tre Re de l'Oriente/ ducj i gjaui a si ficja dentri/ tal riu Denti./ E quei cani che stano di fora/ joi sģ, si che loro i mora/ di tanto fredo!/ Ma nissuno non lo crede/ che abbiamo tanta fame/ e nissuno ci porta un pane/ da sglavare./ Anderemo dal sior plavano/ ci darą la buona mano:/ pirłēs, miluēs, palancas/ e mandolato:/ 'Su augurģn la buinas fiestas,/ che j mangjais buinas mignestras/ e un an plen di furtuna/ cun buina luna…Amen!"

    Le donne di casa preparavano un'infornata di pane per darlo ai "sopźrs". Tuttavia questo non era il pane di tutti i giorni, nč per grandezza nč per  qualitą. Spesso di trattava di una specie di torta chiamata "peta" o "picņt". Si preparava utilizzando la farina del granoturco raccolto nei giorni di Ognissanti, e questo si legava alle credenze che volevano i defunti protettori delle famiglie dove erano vissuti.

    Dopo i vesperi dell'Epifania iniziava il giro di questua cosģ chiamato "das bisagās". Il sacerdote andava nelle case per la benedizione, accompagnato da un chierichetto che reggeva il paiolino che conteneva l'acqua santa e l'aspersorio, e dal nonzolo con le "bisagās". Ovvero con due capienti borse collegate tra di loro in modo che una pendesse sul davanti e l'altra di dietro. In una si metteva ciņ che spettava al sacerdote, e nell'altra il compenso del nonzolo. Di solito si trattava di fagioli e patate.

    Anche nel Canale di Pedarzo (la Val Pesarina) per l'Epifania, almeno nei tempi passati, si usava segnare  (con del gesso) sulle porte delle case e degli stavoli le iniziali dei Magi (B.M.G.), quasi segni di scongiuro, fondati sul mistero dei Tre Re pellegrini alla ricerca della "nuova luce".


 

A la ricercje de gnove lūs tra lis monts de Furlanie

 

 


    Il timp dai Dodis Dīs, tra Nadāl e Pifanie, al cjape dentri i moments plui significants dal an. La nassince dal Bambin Jesł si lee, justeapont , cul tornā a scomenēā a slungjāsi des zornadis, valadģ cul tornā de "lūs", cussģ i elements folclorics di chest particolār moment dal an a cuistin un significant valōr simbolic.

    Gjavāt il Cjanāl d'Incjaroi, dulą che esist l'usance di brusā "la Femenate", e mancje in Cjargne la tradizion dai pignarūi e dai fogarons che in Furlanie s'impiin par Pifanie, cun chź di prudelā il soreli a tornā a cuistā fuarce. Pidimancul in cualchi paīs, sore il dut tal Cjanāl di Guart, si scomencin a trai lis cidulis.

    In gambi, in Cjargne, cetant plui che in Friūl, e jere slargjade l'usance di puartā di cjase in cjase il segn de gnove lūs, doprant une Stele lusorōse, cul compagnament di cjants e liendis di glesie. Chescj gīrs di augūrs cu la Stele a cuistavin une volte l'impuartance di une forme scuasit liturgiche, e la stesse ricolte dal vź di vź, metūt in vōre par cheste ocasion de Companie de Stele, e cuistave un valōr sacrāl: il dā il sop a chescj "ambassadōrs de lūs" al jere come prenotā une anade furtunade e di ricolts bondants.

    La Stele, fate di listźi di len cuvierts cu la cjarte colorade, e jere inluminade dentrivie di une o dōs cjandelis, e 'e girave insomp di une aste rezude di un de companie. Un dai cjants tradizionāi che si dave sł, al diseve: "Siamo i Tre Re de l'Oriente/ ducj i gjaui a si ficja dentri/ tal rģu Denti./ E quei cani che stano di fora/ joi sģ, sģ che loro i mora/ di tanto fredo!/ Ma nissuno non lo crede/ che abiamo tanta fame/ e nissuno ci porta un pane/ da sglavare./ Anderemo dal sior plavano/ ci darą la buona mano:/ pirłēs, miluēs, palancas/ e mandolato./ 'Su augurģn la buinas fiestas,/ che j mangjais buinas mignestras/ e un an plen di furtuna/ cun buina luna…Amen!"

    Lis feminis di cjase a preparavin une cuete di pan par dālu ai "sopźrs". Dutcās chest nol jere il pan di ducj i dīs, nģ par grandece e nģ par cualitāt.  Dispčs si tratave di une sorte di torte clamade peta o picņt. Si la preparave doprant il sorturc ricolt tai dīs dai Sants, e chest si leave 'es crodincis che a volevin i defonts protetōrs des fameis dulą che a vevin vivūt.

    Daspņ dai gjespui di Pifanie al scomenēave il cussģ clamāt gīr das bisāgas. Il predi al lave pes cjasis a benedī, compagnāt di un zago ch'al rezeve il cjalderuē da l'aghe sante e l'asperges, e dal muini cu las bisāgas. Ossei dōs borsis colegadis tra di lōr in mūt che une e pendčs par denant e chź ātre par daūr. In tune si meteve il vź di vź dal plevan, e ta chź ātre chel dal muini. Par solit si tratave di fasūi e cartufulis (patatis).

    Ancje tal Cjanāl di Pedarē (il Cjanāl di Prāt di Cjargne) pe Pifanie, almancul par vieri, si marcave su lis puartis des cjasis e dai stāi lis iniziāls dai Magjos (B.M.G.), scuasit segns di sconzūr, fondāts sul misteri dai Tre Res piligrins a la ricercje de "gnove lūs".

 

 Tratto da "Ladins dal Friūl", annata (V) n°12 Dicembre 2002