Mźs par mźs il Friūl tes tradizions

Mese per mese il Friuli nelle tradizioni :

Par cure di Renzo Balzan - da L'Agende Furlane - 2005 /Chiandetti Editōr
 
A cura di Renzo Balzan - dall' Agenda Friulana - 2005/ Chiandetti Editore

(I dissens ch'a compagnin i tescj a son opare di Luisa Morassi)
(I disegni che accompagnano i testi sono opera di Luisa Morassi)

 
   
 

 

   
 

 

Dicembar   2005

Spietant une volte la Gnot Sante

   

“Vizilie di Nadāl: gran fogolār / con sore il nadalin /…La stele cui trź Rźs, / piorutis o pastōrs, / e agnoluz che la glorie van cjantant / a Chel ch'al č nassūt…”

    Intal timp antīc il presepi al jere un custum dai munistīrs, po al passą aes glesiis e in fin aes cjasis privadis. Intal secul XVIII e jere tradizion des fameis nobils preparā presepis intai lōr palaēs, il popul al jere invidāt a vignī a viodiju e cul ocasion al riceveve ancje dons e mangjative. Ma i fruts a vevin miei chei che si puartavin ator pes fameis. Cu la piēule statue dal Bambin  Gjesł a lavin di cjase in cjase cjantant  pastorelis, che a jerin diviersis di paīs a paīs, o curtis poesiis.

    In Cjargne il cjant al jere “La Stele”, leāt ae tradizion dal baston cu la stele (si pņ viodilu inmņ vuź intal Museu di Tumieē), che i fantats a fasevin zirā dilunc lis lōr tratis augurāls. Il vź di vź, par augūrs cussģ speciāi, a jerin i siops, o un solt.

    “Sops, sops / coculas e lops / dait o no dait / in Paradīs lait”. Secont cierts autōrs il tiermin siop al diven dal latin “si opes”. Ops e jere une divinitāt italiche che parie cun Saturni e travuardave i racolts, si festezave ae fin di dicembar. Ma cui saial plui ce che a son i siops? Un don augurāl, nolis, tistignis, patatis cuetis, gragnei di sorturc bulīts, fasui, cualchi pan dolē e, dal infalibil, coculis e meluēs.

    Lis coculis, simbul de grazie divine ma ancje di fertilitāt e abondance, a son purpūr l'ingredient indispensabil dai dolē che si fasin intal timp des fiestis di Nadāl. Pan di coculis, potize e zelten. E po i meluēs “ros come il sanc, taronts come il marimont, dolēs come… la bontāt divine”; e jere usance mangjāju ae vee par tignī lontan ogni māl.

    Ah la vee di une volte! E cjapave dentri plusōrs rīts, forsit il plui impuartant al jere chel che al proviodeve che si ves di impiā il grant ēoc, il Nadalin, intal fogolār. Il ēoc, puartāt dongje a novembar o dicembar al jere puartāt in cjase dal pari, compagnāt di dute la famee. I fruts a puartavin cjandelis, al vignive benedīt e in fin impiāt, il so fūc al veve di jessi mantignūt fintremai a Cjadalan; secont la leiende, al jere pe Madone, parcč e podčs suiā i panzits dal Divin Bambin.

    Cussģ daspņ la cene (di magri), la famee si tirave adun ator dal fogolār, la lūs dal Salvadōr vignūt su la tiere vuluēade de scuretāt. Nissun al vignive dismenteāt dilunc la “vee”, ai nemāi inte stale al vignive dāt dal fen in plui parcč che a scjaldassin, cul lōr flāt, il Bambinut.

    In cierts paīs si usave ancje benedī la cjase e la propietāt. E po ducj tor ator dal fūc in spiete de miezegnot, a veglā in cheste gnot dal sigūr meraculose. Un pōc d'ascōs, daūr dal fogolār, i morōs si scambiavin siops, che po mangjavin insiemit. Aes liendis dai nonos, aes preieris, (in cierts lūcs si tignive sł il rosari) si messedavin i evivis augurāi di vin o vin brulč o aghe di vite dulą che magari si tocjave dentri i colaēs di sope o i mostaēons, che la parone di cjase e veve preparāt denant trat su lis guantieris, e no mancjavin lis stechis di mandolāt. In fin, par sierā la cene de vee in glorie, a rivavin dispčs ancje lis fritulis.

    Po daspņ la Messe di miezegnot, une scudiele di tripis, o di svuacet, e jere l'ocasion pai oms par passā intal ostarie a scambiā i prins augūrs di Nadāl cui amīs, i fioēs e la parintāt.

    Dut chest, aromai, al č dome un ricuart, a restin vivis in part lis tradizions de mangjative, il peē e soredut il presepi a ricuardānus il significāt profont e simbolic dal Nadāl, il so messaē di amōr che al č ben cjapāt dentri intun antīc sproc augurāl irlandźs: “…e, fintremai al nestri prossim incuintri, che al puedi il Signōr tignīti inte palme de Sō man”.

 

I segns dal Nadāl

Il peē - L'usance di furnī un pin o un peē par Nadāl e semee divignī dal Egjit: il peē al imite in fats inte forme lis piramidis. Une volte, po, si meteve parsore une ruede, simbul dal soreli.

    Al semee che al sedi stāt puartāt in Gjermanie prime e po intai paīs di tramontane al timp de riforme protestante. Vuź l'usance dal peē e je slargjade dapardut. L'arbul, par vie che al č furnīt di lūs e di dons, al č il segn di Jesus lūs dal mont e don dal Pari ae umanitāt.

I dons - L'usance di fā regāi a Nadāl e je antighe, ancje se e je lade cjapant pīt soredut in chescj ultins agns, fin a rivā a formis di disgrāt e di ossession consumistiche dabon scandalosis e partant pierdint il so significāt origjinari. Che al č chel di jessi segn dal “Don”, dal regāl unic e definitīf che a Nadāl il Pari nus fās dal so Fi e dai dons de gracie, de salvece e de vite.

Il ēoc - La tradizion, inmņ slargjade intai paīs dulą che a son cjasis cul cjamin, di impiā la gnot di Nadāl il ēoc no je cence significāt. Ancje se l'usance e ą origjinis paianis, e je stade fate propie in ete cristiane parcč che il ēoc impiāt al č segn palźs dal amōr che Jesus nassint al č vignūt a impiā su la tiere, l'amōr che al varą di scjaldā ogni famee e ogni cūr.

Il visc e il rafacon - Ancje chescj simbui a ąn origjinis paianis, ma a son stāt “batiāts” deventant natalizis. Jessint plantis simpri verdis a son il segn di vite eterne che Jesus al ven a donā al om. Secont une antighe tradizion lis spinis e lis semencis rossis dal rafacon a anunziin la passion dal Signōr: lis primis a anunziin lis spinis de corone; lis secondis lis gotis di sanc che al varčs viersāt.

 

 (clicca qui per la versione in italiano)

      

 
   
 

Mese per mese il Friuli nelle tradizioni

 


Aspettando un tempo la Notte Santa

 

“Vizilie di Nadāl: gran fogolār / con sore il nadalin /…La stele cui trź Rźs, / piorutis o pastōrs, /  e agnoluz che la glorie van cjantant / a Chel ch'al č nassūt…”

    Nel tempo antico il presepio era un'usanza dei monasteri, poi passo alle chiese ed in fine alle case private. Nel secolo XVIII era una tradizione delle famiglie nobili preparare presepi nei loro palazzi, il popolo era invitato a venirli a vedere e con l'occasione riceveva anche doni e cibaria. Ma i bambini preferivano quelli che si portavano, in maniera itinerante, nelle famiglie. Con la piccola statua del Bambin Gesł andavano di casa in casa cantando strofe natalizie, che erano diverse da paese a paese, o brevi poesie.

    In Carnia il canto era “La Stele”, legato alla tradizione del bastone con la stella (stella e bastone che si possono osservare  ancora oggi presso il Museo di Tolmezzo), che i ragazzi facevano girare mentre erano impegnati nelle loro visite augurali.  Il dovuto, per auguri cosģ speciali, erano i cosģ chiamati “siops”, oppure qualche soldo.

    “Sops, sops / coculas e lops / dait o no dait / in Paradīs lait”. Secondo certi autori il termine “siop” diviene dal latino “si opes”. Ops era una divinitą italica che assieme con Saturno proteggeva i raccolti, si festeggiava alla fine di dicembre. Ma chi sa pił il giorno d'oggi cosa sono i “siops”? Un dono augurale, nocciole, castagne, patate lesse, chicchi di granoturco bolliti, fagioli, qualche pane dolce e, immancabili, noci e mele.

    Le noci, simbolo della grazia divina ma anche di fertilitą ed abbondanza, sono pure l'ingrediente indispensabile dei dolci che si fanno nel tempo delle feste di Natale. Pane di noci, potize e zelten. E poi mele “rosse come il sangue, tonde come il mondo, dolci come… la bontą divina”; era usanza mangiarle alla vigilia per tenere lontano ogni male.

    Ah la vigilia di un tempo! Comprendeva diversi riti, forse il pił importante era quello che prevedeva che si dovesse accendere il gran ceppo, il cosģ chiamato “Nadalin”, nel focolare. Il ceppo, gią preparato a novembre o a dicembre veviva portato in casa dal padre, accompagnato da tutta la famiglia. I bambini portavano candele, era benedetto ed in fine acceso, il suo fuoco doveva essere mantenuto vivo fino a Capodanno; secondo la leggenda, era per la Madonna, perché potesse asciugare i panni del Divino Bambino.

    Cosģ dopo la cena (di magro), la famiglia si ritrovava accanto al focolare, la luce del Salvatore venuto sulla terra avvolta nelle tenebre. Nessuno era dimenticato nel corso della “vee”, agli animali nella stalla si dava del fieno in pił perché scaldassero, con il loro fiato, il Bambinello.

    In certi paesi si usava anche benedire la casa e la proprietą. Poi si ritornava tutti accanto al fuoco in attesa della mezzanotte, a vegliare in questa notte certamente miracolosa. Un pņ in disparte, dietro il focolare, i fidanzati si scambiavano i “siops”, che poi mangiavano assieme. Ai racconti dei nonni, alle preghiere (in certi luoghi si recitava il rosario) si mescolavano gli evviva augurali di vino o vin brulč o grappa, dove magari s'inzuppavano delle piccole ciambelle (“colaēs” oppure “mostaēons”), che la padrona di casa aveva anzitempo preparato sulle guantiere, e non mancavano le stecche di mandorlato. In fine, per chiudere la cena in allegria, arrivavo spesso anche le frittelle.

Conclusa la Messa di mezzanotte, una scodella di trippe, o di spezzatino, era l'occasione per gli uomini per passare nell'osteria a scambiare i primi auguri di Natale con gli amici, i figliocci ed i parenti.

    Tutto questo, oramai, č solo un ricordo, rimangono vivi in parte le tradizioni gastronomiche, l'abete addobbato e soprattutto il presepio a ricordarci il significato profondo e simbolico del Natale, il suo messaggio d'amore che e ben espresso in una formula augurale irlandese: “… e, fino al nostro prossimo incontro, possa il Signore tenerti nel palmo della Sua mano”.

   

I segni del Natale

  

L'abete - L'usanza di addobbare un pino o un abete per Natale sembra essere giunta dall'Egitto: l'abete imita, infatti, nella forma le piramidi. Un tempo, poi, si poneva alla sua sommitą una ruota, simbolo del sole.

    Sembra che sia stato portato in Germania prima e poi nei Paesi nordici al tempo della riforma protestante. Oggi l'usanza dell'abete addobbato si č allargata ovunque. L'albero, perchč č fornito di luci e di doni, č il segno di Gesł luce del mondo e dono del Padre all'umanitą.

I doni - L'usanza di fare regali a Natale č molto antica, anche se si č imposta soprattutto in questi ultimi anni, fino ad arrivare a forme di degrado e di ossessione consumistica davvero scandalosi tanto da perdere il suo significato originario. Che č quello di essere segno del “Dono”, del regalo unico e definitivo che Natale il Padre ci fa del suo Figlio e dei doni della grazia, della salvezza e della vita.

Il ceppo - La tradizione, ancora diffusa nei paesi dove ci sono case con il camino, di accendere la notte di Natale il ceppo non č senza significato. Anche se l'usanza ha origini pagane, č stata fatta propria in epoca cristiana perché il ceppo acceso č il segno evidente dell'amore che Gesł bambino č venuto ad accendere sulla terra, l'amore che scalderą ogni famiglia e ogni cuore.

Il vischio e l'agrifoglio - Anche questi sono simboli hanno origini pagane, ma sono stati “battezzati” diventando natalizi. Essendo pianti sempre verdi sono il segno di vita eterna che Gesł viene a donare all'uomo. Secondo un'antica tradizione le spine e le bacche rosse dell'agrifoglio annunziano la passione del Signore: le prime annunciano le spine della corona; le seconde le gocce di sangue che avrebbe versato.