clicca per la versione in italiano

 
 

 

Slovens e Furlans

 

       Tal 1991, cuant che il disfāsi de republiche federative di Jugoslavie al ą puartāt la Slovenie a cuistā la indipendence, in Furlanie si ą vude une pronte solidarietāt e il massim sostegn par chel popul, a testemoneance dai rapuarts antigons che a lein slovens e furlans, che si rifasin inmņ ai timps dal podź temporāl dai patriarcjis di Aquilee.

    Secui e secui di contats tra i doi popui a ąn compuartāt plusōrs passaēs di valōrs culturāi intes lenghis, inte toponomastiche, intes usancis e esperiencis sociāls. Dal rest di furlans lāts a logā tra i slovens, e di slovens vignūts a stabilīsi in Furlanie si ą notizie oltri che in vieris testemoneancis di archivi, ancje inte tradizion e inte onomastiche. La presince di cognons come Cragnolino (o Cragnolini), Berghinz e Tominz,  in Friūl, e Furlan tal teritori sloven, a son esemplis significants sun chest cont. Un di chescj cās al fo juste apont chel di Jacum Gaspari, pari dal innomenāt pitōr popolār sloven Maksimilijan (Maksim) Gaspari, che al jere nassūt viers la metāt dal secul diesim novesim (1800) a Salin di Paulār, in Cjargne. Judāt di un altri emigrant cjargnel, un ciert De Toni, il zovin Jacum al rivą a sistemāsi a Selscek daprūf Cerkica, dulą che al maridą la fie di un marcjadant di legnam.

    Maksim, prin fi, nassūt ai 26 di zenār dal 1883, al scomenēą a imparā a piturā inte buteghe di un artesan di Kamnik. Alģ un apassionāt di ogjets di art si inacuarzč de sō valence e lu judą a lā a studiā disen a Lubiane, di mūt che al ves podūt po daspņ inscrivisi ae Academie di Viene.

    Cu la ustinazion cjargnele de sō divignince Gaspari al rivą tal so fin e, purpūr tra dificoltāts e patint dispčs ancje la fan al studią a Viene e plui tart a Munic di Bavarie. Tornāt in patrie al logą denant trat a Kamnik e po in Carintie; nome daspņ la vuere si stabilģ a Lubiane come professōr di disen, gambiant plui indenant cheste incarghe cun chź di restauradōr alģ dal Museu etnografic sloven. Culģ al operą fintremai al 1948, an dulą che al le a ripōs. Al č muart a Lubiane tal 1973.

    La ativitāt dal Gaspari e fo marcade de sō adesion al circul artistic "Vesna", fondāt a Viene intal 1903 di un grop di zovins artiscj slovens. Il lōr principi al jere "dal popul, pal popul". Come l'intīr grop al risintģ dal inflłs dal secessionisim vienźs e dal Segantini, pūr cjatant plui indenant une sō propie individualitāt espressive.

    La art di chest pitōr e jere verementri popolār. Intai siei cuadris si cjatin riprodusūts e testemoneāts ūs, costums, personaēs e formis tipichis de vite dal popul. Vadč che traspire la anime plui sclete e plui vere de Slovenie. Ancje par chest tal mźs di fevrār dal 1953, tant che segn di ricognossiment nazionāl pe sō nobil ativitāt i vignģ dāt il "Premi Preserem".

    Gaspari nol fevelą mai par furlan. So pari di fat al veve imparāt il sloven, uniche lenghe doprade in famee. Dut cās di puem Maksim al ve ocasion di sintī plui voltis a fevelā cheste lenghe, cuant che barbis e agnis a vignivin a faur visite la domenie. E il pari, che i veve prometūt di puartālu  in Cjargne a visitā il paīs di sō divignince, al murģ denant di rivā a mantignī chest so pegn.

                   ITALIANO

Sloveni e Friulani

Nel 1991, con la caduta della repubblica federale di Jugoslavia la Slovenia ha conquistato l'indipendenza e in Friuli si č avuta una pronta solidarietą ed il massimo sostegno verso quel popolo, a testimonianza degli antichi rapporti che legano sloveni e friulani, che risalgono ancora ai tempi dei patriarchi di Aquileia.
Secoli e secoli di contatti tra i due popoli hanno avuto come conseguenza molti scambi di valori culturali nelle lingue, nella toponomastica, nelle usanze e esperienze sociali. Del resto di friulani andati in Slovenia e di sloveni venuti a stabilirsi in Friuli si ha notizia oltre che in vecchie testimonianze di archivio, anche nella tradizione e nella toponomastica.
La presenza di cognomi come Cragnolino (o Cragnolini(, Berghinz e Tominz in Friuli, e Furlan nel territorio sloveno, sono esempi significativi a questo proposito.
Uno di questi casi fu appunto quello di Giacomo Gaspari, padre del pittore sloveno Maksimilijan (Maksim) Gaspari, che era nato vero la metą del secolo decimo nono a Salino di Paularo, in Carnia. Aiutato da un altro emigrante carnico, un certo De Toni, il giovane Giacomo riuscģ a sistemarsi a
Selscek presso Cerkica, dove sposņ la figlia di un mercante di legnami.
Maksim, il primo figlio, nato il 26 gennaio 1883, cominciņ a imparare a dipingere nella buttoga di un artigiano di Kamnik. Lģ un appassionato di oggetti d'arte, si accorse delle sue capacitą e lo aiutņ a studiare disegno as Lubiana, cosģ da potersi poi iscrivere all'Accademia di Vienna.

Con l'ostinazione carnica delle sue origini, Gaspari raggiunse il suo scopo e, pur tra difficoltą e patimenti tra cui anche la fame, studiņ a vienna e successivamente nel municipio di Bavaria. Tornato in patria passņ un periodo a Kamnik e poi in Carinzia: solo dopo la guerra si stabilģ a Lubiana come professore di disegno, cambiando poi questa attivitą con quella di restauratore presso il Museo etnografico sloveno. Qui operņ fino al 1948, Morģ a Lubiana nel 1973.
L'attivitą di Gaspari fu valorizzata anche dalla sua adesione al circolo artistico "Vesna", fondato a Vienna nel 1903 da un gruppo di giovani artisti sloveni. Il loro principio era: "dal popolo, per il popolo". Come tutto il gruppo, risentģ dell'influsso del secessionismo viennese e del Segantini, pur trovando successivamente una sua proprioa individualitą espressiva.
L'arte di questo pittor era davvero popolare. Nei suoi quadri si trovano riprodotti e testimoniati usi,costumi, personaggi e forme tipiche della vita popolare. Tanto che vi traspira l'anima pił schietta e vera della Slovenia. Anche per questo motivo nel mese di febbraio del 1953, come segno di riconoscimento nazionale per la sua nobile attivitą, gli venne attribuito il "Premio Preserem".
Gaspari non parlņ mai friulano.Suo padre infatti aveva imparato lo sloveno, unica lingua usata in famiglia. In ogni caso da piccolo Maksim aveva avuto pił volte occasione di sentir parlare questa lingu, quando zii e zie venivano a far visita la domenica.E il padre che aveva promesso di portarlo in Carnia a visitare il paese della sua origine, morģ prima di riuscire a mantenere questa sua promessa.