Altre pagine della sezione "La nostra storia":

 


Martueri di Promōs e da valade da  Būt
(Martirio di Pramosio e della vallata del But)
21-22 di luj dal 1944

di Gemma Nodale Chiapolino
("Storie e liende tal Cjanal di San Piźri")

 
Gemma Nodale Chiapolino, nata a Sutrio, viveva a Paluzza. Fece parte dei poeti del gruppo "La Cjarande" e scrisse nella varietą nativa. Ha ottenuto diversi premi e attestazioni di merito anche al di fuori della regione. Ha curato per trent'anni il "Lunari".

 In questi versi l'autrice ricorda un episodio doloroso dell'ultima guerra mondiale, svoltosi in malga Pramosio,  e nella valle del But.


 









 

Ognidun si é sgrisulāt                    
tal savei di cūrs pelous                                                
che i lōr fradis 'i ąn cōpat                                                  
in t'un mūt tant vergognous.         

'
L č corūt il vint cģulant
jł pa verde Val da Būt
in gran' presse, cibicant
di un martueri mai jodūt.

E il sorźli al si č platāt
tal amont, vaint di sdegn         
e i biei vōi al si č sujāt                                                    
cun t'un blec di neul rossegn. 

Cui varesse   immagjnāt                               
sot un cīl di lūs spendent
che il macel fos consumāt
det e fat t'un moment'


In tal mont a'nd'č sassins
saneous di crudeltāz,
ma briganz ta chesc' cunfins
come lōr, no 'nd'č mai stāz.

Cence cūr, ne sintiment,
cu' la brame e seit di lous
'i ąn spandūt il sanc nocent
e scjernet la val di crņus.

Paris, maris, fīs, nuviz,                                       
tai afiez son stāz 'suarbāz;
i lōr bias cun mil limbics               
in Promōs son stāz svenāz.

E la not tremende e scure      
di passion 'ą il penc savōr;
vīs e Muarz la sorte dure
'a invuluce tal dolōr.


Sanz e Muartas: su pas monz
come steles seis florīz,
inondāz di lūs, za pronz
in ta glorie a risurī.

Il ricuart di chesc' bruz dīs
vivarą simpri tai cūrs,
parch'a seipin encje i fīs
dut il māl di faz tant scūrs.

                                   

      

Castel Valdajer

Leggenda e "si dice" di un castello

       

Situato fra i territori di Ligosullo e Paularo, Castelvaldajer  fu edificato in questa zona stupenda, fra boschi e pascoli. Quello che rimane oggi  č un edificio adibito ad albergo, che certamente non ha pił parvenze di "castello".


La leggenda parla dell'ambiente dei pascoli, ove a primavera i pastori conducevano le greggi.
Fra essi vi era un giovane, figlio del padrone del pascolo, che non si adattava alla vita di pastore e che bestemmiava contro le interminabili giornate fra il gregge. Una sera d'autunno, poco prima che finisse l'alpeggio, pioveva intensamente e il giovane si trovava solo nella malga. Sentģ abbaiare il cane e quando aprģ la porta si trovņ dinnanzi una giovane donna molto bella.
Si trattava di
Volaia (da qui il nome Valdajer). Il ragazzo le chiese di andarsene via con lei. Cosģ, al ritorno dei pastori e del padre, questi non trovarono pił traccia di lui. Lo chiamarono e cercarono a lungo, ma nulla da fare. Il padre, alla fine, decise di partire con le capre verso il Plan da Listeli, ordinando di appendere sulla porta della casera una croce che tenesse lontane le streghe. Il vecchio fu ritrovato nella primavera successiva, accanto ad un sasso da cui sgorgava una sorgente.

     

Castel Valdajer, nella struttura fine '800 primi '900 in una foto, ripresa
 anche nel titolo, dell'archivio Doriguzzi)

 

Sulla storia del castello le testimonianze, secondo Natalino Sollero ( "L'Incarojo fra storia e leggenda", Campanotto editore 1994), dicono che a Valdajer "avendo il Parlamento Friulano eretto a protettore dello Stato Patriarcale, contro le oppressioni dei conti di Gorizia, un certo Corrado I° von Kraig, barone del Sacro Romano Impero, un successore di questo, Corrado IV° von Kraig, trovandosi al comando delle sue truppe nei forti di Osoppo e di Sutrio, un giorno dell'anno 1430 salģ sul Valdajer, rimanendo talmente incantato della localitą da decidere di costruirvi una sua dimora. Il fatto č documentato dalla data fissata sulla volta della porta del castello, ora portata a Stockdorf, presso Monaco di Baviera, e dai lasciti di Corrado IV° al figlio Leonardo Kraig, registrati dal notaio Beltrando da Tolmezzo il 22 aprile 1488".
Il Sollero giunge poi a notizie del 1839, quando Jacopo Nicolņ Craigher ricostruģ il castello sulle vecchie mura, per adibirlo a residenza estiva. L'architettura assunse lo stile neogotico di tipo tedesco e fu adibita anche ad ospitare personalitą del mondo degli affari e pił generalmente di quello mitteleuropeo.
Successivamente l'edificio fu notevolmente ampliato nel 1880 dal barone Dionisio Craigher "de Jachelutta", marito di Amelia von Flotw.  Si dice che (sempre secondo il Sollero) in quel periodo vi abbia soggiornato in forma privata l'imperatore Francesco d'Asburgo.
Seguģ poi la decadenza della struttura, con l'incendio del 1917 ad opera delle truppe in ritirata. Vi fu una ricostruzione  per opera del senatore Pier Silverio Leicht (parente del barone Corrado Craigher) con i finanziamenti dei danni di guerra.
Il conte Orgnani di Tricesimo acquistņ l'edificio nel 1972 e lo trasformņ in castello-albergo, cedendolo successivamente ai fratelli Altan di Ramuscello, i quali lo usano quale struttura turistica. 

 

Ed ecco la stessa leggenda di Voladia, in lingua friulana, riportata da Renzo Balzan nel suo libro: "Poesiis e Liendis de Tiere di Cjargne", ed. Andrea Moro aprile 2000

 

L'anime dal vieli malghźs

 
Tes lungjis soreseris d'atom, cuanche in Cjargne, e sore il dut tal Cjanāl d'Incjaroi, a iere usance lā "in file" tai fogolārs e tes stalis de int che stave dongje, intant che lis feminis a gugjavin o ben intant che a scosolavin il sortuc e i fasūi. e si contavin lis cjossis de vite dal paīs, une liende in particolār e jere simpri pandude ai puems aromai dispatussās denant di mandāju sł tal lodar.
Cheste liende, ricje di riclams antīcs e di significāts che inmņ in dģ di vuź a son momentōs. e divignive dai sīts che a tņrcenin Liussūl e lis monts di Paulār.
E pant la storie di un vieli dut blanc, paron di une casere, dulą ch'al lave sł a monteā ai prins di jugn di ducj i agns insiemit cul fi, cui pastōrs, cul fedār e i nemāi ricolts tai paīs dilunc il Cjanāl. Di buinore, cuanche il fi e i pastōrs a jerin belzą partīts cul trop des vacjis e il ēuē, che inmņ al fumave dentrivie i talēs, al jere stāt metūt te cjanive a sujā, lui al tirave adun las cjāres e cul lōr al rivave fintremai sł pes clevis di Plan di Listźli, dulą che i prāts di passon a jerin fģs di rosis di mont e di sparfūms.
Dulintōr a fasevin di curnīs la golaine colōr blāf des cretis ch'a parevin volź sgriā il cīl.
I pl
ans verts e, plui in bas, lis faldis scuris dai boscs di peē. Il vieli malghźs si sentave parsore di un clapon e cui vōi al cirive di olmā i cunfins di chel che lui al considerave il so mont. Un mont ch'al smavive lontan, come il sunsūr di un sampogn peāt atōr dal cuel di un nemāl che si slontane masse dal trop e po di piert.               
                        


Cuanche la sere al tornave e si sentave cun chei ātris pastōrs atār de polente cjalde, al sintive il mont jentrā turgul tai vōi malcontents di so fģ Dolf. Al veve bramis e tentazions chel fantat, di cui sa ce, di cui sa cuāle vite, e il vieli lu sintive a lā dilunc cul pinsīr pes stradis che a dissegnin come fii blancs il vert des vals, di une vile a chč ātre, e a puartavin podaspņ jł viers il plan. Viers lis maraveis e i lussorō
s ingjans de citāt.
Cundifat, il fi nol voleve saventi de vite de casere cussģ al maludive ogni marimoment chźs zornadis par lui cence costrūt ch'al scugnive passā in mont. E al risiave purpūr cuintri so pari che di chź  esistence tant strussiade al pareve apajāt.
Cheste sorte di litaniis par ledrōs a la fin a produsčrin il lōr efiet. Al jere aromai rivāt insomp il mźs di avost e tra dōs, tre setemanis i nemāi  a saressin stāts puartāts in germarie tai prāts dulintōr dal pāis. Ma propite tune gnot di chźs al succedč il spieli. Il fantat al jere dibessōl te casere a difūr al ploveve a sglaveē. A une cierte ore al sintģ i chans a vuacā rabiōs come ch'a fossģn rivāts sł dai forescj.
Alore al lč a viergj la puarte, e denant si viodč a comparī la sacume di une done. E jere une femine zovine e biele cemūt che lui nol veve mai viodūt denant trat, e si clamave Voladie.
Dolf al restą come incjantāt e cence pensā dōs voltis j domandą di puartālu vie cun jź. La fantasime, parcč che Voladie e jere une fantasime, lu cjapą pe man e insiemit veramentri a disparģrin come s'ą fossin stāts glotūts dal scūr e dal vint.
           


La zornade daspņ, il vieli al cjatą te casere nome la cove tal fen vueide e la cuzine dulą che par solit al durmive il fi. I pastōrs si metčrin a cirī dolf tai contōrs, e po ancje tai sīts plui lontans, clamanlu cussģ fuart di sveā fintremai lis monts, ma no lu cjatąrin.
"Inclaudait une crōs  su la puarte de casere - al disč il vieli - par tignī lontanis lis striis e i lōr incjantesim di chest lūc.
Po come simpri s'invią cu la sōs cjāres vers i passons di Plan di Listźli.
Il
timp al passą, al rivą l'atom e plui indenant ancje lis primis burascjadis che a puartąrin la nźf e cuviergi lis cimis des monts, ma lui nol
torną mai plui a logā tal pais.    Nissun no lo viodč plui, e nissun nol savč cemūt chel vieli al murģ. nche la vierte e il so soreli clip e disfą la nźf e i prāts a torąrin a sverdeā, dal clapon dulą che lui al lave simpri a sentāsi e butą une sorgint.
Une fontanele di aghe limpie che diventade riul e lč ju saltuēant viers il bosc. E la int dal Cjanāl d'Incjaroi inmņ in d' di vuź e dīs che chź aghe che rive jł dal Plan di Listźli e je l'anime del vieli malchźs lade incuintri a so fi Dolf.