Notizie

 

   a "Donne in Carnia" il premio cultura 2004 "Gianfrancesco da Tolmezzo" alla Rassegna Carnica  "ARTE CULTURA LAVORO" di Socchieve

 

 














 
 

Premio
Gianfrancesco 2004

A personalitą della cultura, arte, artigianato, del mondo del lavoro e della produzione

Premi
Zuanfranzesc 2004

A personalitāz da cultura, art, artesanāt, dal mont dal lavōr e da produzion

a cura del
 
Comitato Gianfrancesco Da Tolmezzo
Socchieve - Udine - 25 luglio 2004


                                 Premiati
Annamaria Bianchi:      Cultura
Agostinis Vetro srl.:      Imprenditoria
"La Zampa dell'Orso":  Associazionismo


Le motivazioni per l'assegnazione del premio "cultura" nella presentazione di Renzo Balzan:
               furlan                  italiano
 

 
     

Alcune immagini della manifestazione

"Per quanto riguarda la sezione culturale, quest'anno premiamo un sito internet locale www.donneincarnia.it che, nato per raccontare le emozioni e le storie, spesso drammatiche, delle donne carniche, si č trasformato in un seguitissimo punto di ascolto e di informazione per tutti gli amanti del nostro territorio."
 

 

 

Premi "Zuanfrancesc 2004": gči e Internet

 

 O sin rivāts chest an a la vincjesime-seste  edizion de Rassegne Cjargnele di "Art, Culture, Lavōr". Un acjadiment aduncje ch'al sta deventant "tradizion", e par chest o scugnģn jessi agrāts al maestri Romualdo Fachin che le ą metude sł tal 1977, e ch'al restarą par simpri tai nestris ricuarts.

    La sielte a cui dā il premi "Zuanfrancesc" par chel ch'al rivuarde la culture, chest an nus veve dāt, par plui di cualchi aspiet, mutīfs di rifleti. Titui par ricevilu ju vevin un biel numar di personis, parcč che la Cjargne, par fortune, e je une tiere ricje d'ingegns e di creativitāt tai diviers cjamps da l'art, de leteradure e de musiche. Ma la storie da l'autonomie mancjade (il referendum lāt malementri) e la pesante crise ocupazionāl ch'e je rivade daūr no ąn podūt no condizionā la nestre sielte: che a la fin e je colade su Annamaria Bianchi-Brollo.

    Ma parcč Annamaria Bianchi, che par chel ch'o savģn no je poete, no fās cuadris, e nancje no compon musiche. La nestre rispueste e je parcč che cheste femine e je stade buine di creā un alc di veramentri gnūf e origjināl par fā culture, ma sore il dut par trasmeti culture: e je jź justeapont ch'e ą pensāt, realizāt e a sta curant il sīt-puartāl su Internet: www.donneincarnia.it . Un sīt ch'al propon, storie, culture, tradizions personaēs, cronichis e notiziis des nestris vals. E lu ą fat cence il sostegn economic di nissune instituzion, ni publiche e ni privade, e chest al č un ātri so grant mert.

    Daūr di chest  discors, apene introdutīf, par judānus capī adimplen il valōr da l'iniziative realizade di Annamaria Bianchi, o crodģn ch'al sedi impuartant sotliniā il concet che l'inovazion no je feconde e no si trasforme in culture se no si slargje. Duncje i doi mecanisims, d'inovazion e di difusion, che sul in prin a semearessin contraponisi, a son invezit ancje cooperatīfs (si ą di ricuardā che ducjdoi a son sostignūts de comunicazion). Par sparagnā risorsis a coventin i procčs di aprendiment, rapresentāts da une modificazion des rispuestis e dai prudźi che po si tradusin tune modificazion des struturis celebrāls. Vie vie che i prudźi si presentin avuāi, chestis rispuestis a deventin simpri plui automatichis, valadģ ch'a vegnin "cabladis" tes struturis sinaptichis e metudis in vore cence impegnā risorsis di alt livel, ch'a puedin jessi cussģ dopradis par dā soluzions a problems inedits. Se i prudźi plui frecuents a son comuns a ducj i indivuduis di une cierte culture, l'aprendiment al va a infuartī il ēurviel coletīf. Aduncje ce che tal in prin al č privāt o locāl al po’ deventā comun o globāl. Dut chest rasonament al podarą semeā complicāt ma al č fondamentāl par une realtāt come la Cjargne che ta l'inovazion e ta l'informatiche e po’ cjatā la fate par dā une soluzion ai siei problems. A scomenēā di chel dal podź gjavāsi dal isolament, sociāl, e economic e culturāl , che la realtāt gjeografiche e lis cundizion storichis a stan riscjant di confināle.

    Il sīt www.donneincarnia.it oltri a notiziis  di caratar locāl  al cure, tai sīt colegāts come www.ladinsdalfriul.org, tescj e documents par furlan. Un aspiet ancje chest fondamentāl da l'opare di Annamaria Bianchi. Il tem lenghis locāls e minoritariis e Internet al č cence ātri un tra i plui dibatūts e atraints. Un dai grancj vantaēs di Internet in gjenerāl e je la velocitāt dal acčs e dal sgambi di informazions di cualsisei sorte. La ricercje e ven seondade de struturazion des informazions in forme di colegaments ipertestuāi ch'a permetin  une navigazion curient e efetive e un colegament di informazions di divierse cualitāt, par esempli inmagjinis, tescj, ma ancje filis audio e videu. La svueltece e l'eficacitāt di Internet a puedin jessi cussģ metudis al siervizis des lenghis minoritariis e locāls parvie ch'a permetin di presentā un grant numar di informazions colegadis fra di lōr, ofrint la pussibilitāt di podź acedi a cheste comunicazion-documentazion in timps relativementri curts. Graciis a l'interativitāt di Internet al č pussibil inmņ un scambi vicendevul di informazions: cui ch'al cure un sīt di cheste sorte al pņ zovāsi di modui interatīf ch'a rindin plui facil la ricolte automatiche di informazions furnidis dai stes visitadōrs.

    Un ātri aspiet impuartant di tignī in considerazion al č chel che dal pont di viste economic, Internet al č l'ideāl pe promozion e la valorizazion des lenghis e des culturis locāls. Considerant che il majōr problems des lenghis mancul dopradis, e des realtāts plui isoladis, e je la lōr scjarse difusion, parvie che dispčs i mass media tradizionāi, come la stampe, la radio e la television, a son par lōr di dificil acčs , infats si ą pōre di no podź ripają lis altis spesis di produzion cun tun numar avonde alt di utencis. L'ūs di Internet al č aduncje l'ideāl sore il dut par iniziativis che no disponin di grandis risorsis economichis, situazions unevore frecuents tal cjamp de promozion des lenghis e des culturis cussģ clamadis minoritariis e locāls.

    Inmņ, lis lenghis e lis culturis locāls a son dispčs associadis a la tradizion e aduncje, scuasit par definizion, al passāt. Cence volź discognossi il valōr de tradizion o considerā la modernitāt come un ben in sé, al reste un fat che l'inmagin dispčs un pōc folcloriche des lenghis e des culturis minoritariis no lis rint cui sa cetant atraģnts ai vōi dai zovins, tra i cuāi la lōr cognossince e je simpri mancul presint. Doprā il furlan par Internet, comunicā par Internet aspiets di storie, culture e tradizions locāls, al pņ zovā cetant a incetivā tra i zovins l'ūs de lenghe e la cognossince di chescj aspiets de nestre realtāt locāl.

    Aduncje inovazion e tradizion, gei e Internet, par no pierdi lis radīs e l'identitāt, e par no jessi vuaiāts e normalizāts dai procčs de globalizazion mondialiste. Dut chest Annamaria lu ą olmāt e metūt in vore cun grande sensibilitāt e atenzion, e par chest  si č mertade adimplen chest ricognossiment dal premi "Zuanfrancesc 2004" in reson dal so inovatīf impegn culturāl.

    Permetźnus in fin di sierā chest intervent leģnt une poesie di Annamaria Bianchi, titulade justeapont "Il gči" , ch'o vin a so timp publicade tal prin "Cuadźr di Culture Cjargnele" : Gči di feminis/ gči di sudōr,/ gči plen di fen,/ di legnis,/ di clas,/ di cartufulis,/ di panolis,/ di blave,/ di cjastinis,/ di fueis,/ di panzits,/ di rosis./  Gči di lavā,/ di semenā/, gči di zoventūt./ Gči di īr/ gči di vuei,/  gči di Cjargne.

 (renzo balzan)


PREMIO GIANFRANCESCO 2004:
GERLA E INTERNET

        Siamo arrivati quest’anno alla XXVI edizione della Rassegna Carnica di “Arte, Cultura, Lavoro”. Un avvenimento dunque che sta diventando “tradizione”, e per questo motivo dobbiamo essere riconoscenti al maestro Romualdo Fachin, promotore e iniziatore fin dal 1977, e che resterą sempre nei nostri ricordi.   

La scelta della persona a cui assegnare il premio “Gianfrancesco” per la sezione cultura, quest’anno ci aveva dato, per pił di qualche aspetto, motivi di riflessione. I titoli per riceverlo l’avevano un bel numero di persone, perché la Carnia per fortuna, č una terra ricca d’ingegno e di creativitą nei diversi campi dell’arte, della letteratura e della musica. Ma la vicenda dell’autonomia mancata (il referendum andato a male) e la pesante crisi occupazionale che ne č seguita non hanno potuto non condizionare la nostra scelta: che alla fine č caduta su Annamaria Bianchi-Brollo. 

Ma perché Annamaria Bianchi, che per quello che sappiamo non č poeta, non dipinge e neanche compone musica? La nostra risposta č perché questa donna č stata capace di creare qualcosa di veramente nuovo e originale per fare cultura, ma soprattutto per trasmettere cultura: ed č lei che appunto ha pensato, realizzato e sta curando il sito-portale su internet: www.donneincarnia.it . Un sito che propone storia, cultura, tradizioni, personaggi, cronache, notizie delle nostre valli. E lo fa senza il sostegno economico di nessuna istituzione, né pubblica né privata, e questo č un altro suo grande merito. 

A seguito di questo argomento, appena introduttivo, per aiutarci a capire appieno il valore dell’iniziativa realizzata da Annamaria Bianchi, crediamo che sia importante sottolineare il concetto che l’innovazione non č feconda e non si trasforma in cultura se non si allarga. Dunque i due meccanismi, d’innovazione e di diffusione, che dapprima sembrerebbero contrapporsi, sono invece anzi complementari (č bene ricordare che ambedue sono sostenuti dalla comunicazione). Per risparmiare risorse servono i processi di apprendimento, rappresentati da una modificazione delle risposte e dagli stimoli che poi si traducono in una modificazione delle strutture celebrali.  Via via che gli stimoli   si presentano simili , queste risposte diventano sempre pił automatiche, cioč vengono “cablate” nelle strutture sinaptiche e messe in atto senza impegnare risorse di alto livello, che possono essere cosģ usate per dare soluzione a problemi inediti.  Se gli stimoli   pił frequenti sono comuni a tutti gli individui di una certa cultura, l’apprendimento va a rafforzare     il cervello collettivo. Dunque ciņ che all’inizio č privato o locale puņ diventare comune o globale. Tutto questo ragionamento potrebbe sembrare complicato ma č fondamentale per una realtą come la Carnia che nell’innovazione e nell’informatica puņ trovare il modo    per dare soluzione ai suoi problemi. A cominciare dalla possibilitą di uscire dall’isolamento sociale e economico culturale, dove la realtą geografica e le condizioni storiche rischiano di confinarla. 

Il sito Donne in Carnia oltre a notizie di carattere locale cura, tra i suoi collegamenti come www.ladinsdalfriul.org , testi e documenti in friulano. Un aspetto anche questo fondamentale dell’opera di Annamaria Bianchi. Il tema lingue locali e minoritarie e Internet č senz’altro uno dei pił dibattuti e attraenti. 

         Uno dei grandi vantaggi di Internet in generale č la velocitą dell’accesso e dello scambio di informazioni di qualsiasi genere. La ricerca viene assecondata dalla strutturazione delle informazioni in forma di collegamenti ipertestuali (link) che permettono una navigazione corrente ed effettiva e un collegamento fra informazioni di diversa qualitą, come immagini, testi, ma anche files audio e video. La velocitą e l’efficacia di Internet possono essere cosģ messi al servizio delle lingue minoritarie e locali perché permettono di presentare un gran numero di informazioni collegate fra loro, offrendo la possibilitą di poter accedere a queste comunicazioni-documentazioni in tempi relativamente brevi. Grazie all’interattivitą di Internet č possibile ancora uno scambio reciproco di informazioni: chi cura un sito di questo genere puņ giovarsi di moduli interattivi che rendono pił facile la raccolta automatica di informazioni fornite dagli stessi visitatori.
 
         Un altro aspetto importante da tenere in considerazione č che dal punto di vista economico, Internet č ideale per la promozione e la valorizzazione delle lingue e delle culture locali. Considerando che il maggior problema delle lingue meno usate, e delle realtą pił isolate, č la loro scarsa diffusione, poiché spesso i mass-media tradizionali, come stampa radio e televisione, sono per queste di difficile accesso, infatti si ha timore di non poter ripagare le alte spese di produzione con un numero sufficientemente alto di utenze. L’uso di Internet č dunque ideale soprattutto per iniziative che non dispongono di grandi risorse economiche, situazioni spesso frequenti nel campo della promozione delle lingue e delle culture cosģ chiamate minoritarie e locali. 

Ancora, le lingue e le culture locali sono spesso associate alla tradizione e dunque, scusate la definizione, al passato. Senza voler disconoscere il valore della tradizione o considerare la modernitą come un valore in sé, resta il fatto che l’immagine spesso un po’ folcloristica delle lingue e delle culture minoritarie non le rende tanto attraenti agli occhi dei giovani, tra i quali la loro conoscenza č sempre meno presente.  Usare il friulano in Internet, comunicare tramite Internet aspetti di storia, cultura e tradizioni locali, puņ giovare molto a incentivare tra i giovani l’uso della lingua e la conoscenza di questi aspetti della nostra realtą locale. 

Dunque innovazione e tradizione, gerla e Internet, per non perdere le radici e l’identitą, e per non essere livellati e normalizzati dai processi della globalizzazione mondiale. Tutto ciņ Annamaria lo ha  e messo in opera con grande sensibilitą e attenzione, e per questo motivo si č meritata in pieno questo riconoscimento del premio “Gianfrancesco 2004” a motivo del suo innovativo impegno culturale. 

Permetteteci infine di chiudere questo intervento leggendo una poesia di Annamaria Bianchi, intitolata appunto “Il gei”, che abbiamo a suo tempo pubblicata nel primo “Quaderno di Cultura Carnica”:

"Gerla di donne,
 gerla di sudore,
 gerla piena di fieno,
 di legna,
 di sassi,
 di patate,
 di pannocchie,
 di granaglia,
 di castagne,
 di foglie,
 di panni di bimbi,
 di fiori.
 Gerla del bucato,
 della semina,
 gerla della gioventł,
 gerla di ieri,
 gerla di oggi,
 gerla di Carnia."

   

                                                                             (renzo balzan)