Cercivento
ÇURÇUVINT

 

                                                      

   FRAZIONI:
 


Casali -  Museis
 
Per questa pagina  ha collaborato da Cercivento
Celestino Vezzi con il testo in furlan e in italiano

Immagini di Cercivento gentilmente concesse da Andrea Calestani (http://digilander.libero.it/cercivento )
Disegni tratti dal "‘Giűc da Agŕne’ " pubblicato nel 2001


Altitudine 607 m
Superficie 15,36 Kmq
Abitanti 770
CAP 33020
Prefisso +39 0433
e-mail Comune
Municipio tel. 0433

 

Come si raggiunge Cercivento:

 

Ce ch’a si cjate in chest cjanton al vűl jessi un balcon ch’al si vierç ta piçule realtât poade tal grim da mont di Tencje; al nas cence pratęsas, di sigűr incomplet, ma cu la vôe di fâ conosci almancul alc das tantas ricjeças che si podin cjatâ intune piçule comunitât di mont. Il lavôr al č stât metűt adum cu la colaborazion dal Circul Culturâl ‘La Dalbide’ (che dal 1980 a č presint a Çurçuvint) lant a urî encje ta publicazion dal 1997 ‘Ciurciuvint: buine cjere e buine int’ e tai ‘Flics di storie’ ch’ai fasin part dal induvinât passetimp par grancj e par piçui dal ‘Giűc da Agŕne’ editât tal 2001. 

Il balcon al reste viert par fâ entrâ aitis contribűts.  

 Circul Culturâl ‘La Dalbide’                                                              Celestino Vezzi, curadôr dal test

 

 

Ciň che si trova in questo angolo vuole essere una finestra che si apre sulla piccola realtŕ adagiata nel grembo del monte Tenchia; nasce senza alcuna pretesa, di certo incompleta, ma con la volontŕ di far conoscere almeno alcune delle numerose ricchezze che si trovano in una piccola comunitŕ di montagna. Il lavoro č stato realizzato in collaborazione con il Circul Culturâl ‘La Dalbide’ (che dal 1980 opera a Cercivento) cogliendo brani nella pubblicazione del 1997 ‘Ciurciuvint: buine cjere e buine int’ e in ‘Flics di storie’ che fa parte dell’indovinato passatempo per grandi e piccini denominato ‘Giűc da Agŕne’ edito nel 2001. 

La finestra rimane aperta per altri contributi.    

 

Circul Culturâl ‘La Dalbide’                                                        Celestino Vezzi, curatore del testo

 



Çurçuvint: cualchi note in curt

La piçule comunitât di Çurçuvint a č la puarte d’entrade da Val Cjalde ch’a coleghe la Valade dal Bűt a Valade dal Dean passant par Monai.
L’origjine dal non no č inmň dal dut sigure e a dŕ vite a diviersas interpretazions cualchidune fasint riferiment a sô posizion in soręli e parade dal vint, âtas inmň as disin di une antighe arimanie longobarde. Di sigűr il puest al ere conossűt pal fat che a ere zone di passaç e di colegament no dome pa Val Cjalde, ma encje pa vecje strade ‘Via Julia Augusta’ che da Aquilee a rivave sů fintramai al Pas di Mont di Crous e po’ a lave indavant pas Austrias.
Par vecjo a samee che a si cjatŕs une borgade inta Műse, propit subit disôre dal simiteri di voi, che par vie di un grant slac a č stade netade dutune cu la borgade di Cente.
Cun ogni probabilitât i prins cjasŕis son stâts chei di Cjavrěas e di Cjamarinůs.
Tal 1200 a ven citade tai documents la vile di Cueste (voi frazion di Çurçuvint cun Vidâl, Cjandelěn e Fascin).
Un document ch’al puarte la date dal 1275 al fâs riferiment a gleisje di San Martin; al va det che la Pleif di San Martin a č l’uniche ta valade dal Bűt a no dipendi da Pleif di San Pięri di Giui. Las melodias dai cjants di gleisje (gjespuis, salmos, e v.i.) ŕn la stesse cadense di chęs da Pleif di Guart di Davâr; infatis Çurçuvint a colave sot la gjurisdizion da Pleif di Guart. Cuant che cheste Pleif a č passade sot da Baděe di Mueç encje la gleisje di Çurçuvint a ŕ fate la stesse fin.
I preidis in cure di animas ai vignive nomenâts dal Abât o miôr ai vignive presentâts a comunitât parceche i capos fameas das dôs vilas ai veve il dirit di sielgisi il lôr preidi (jus patronatus).
Soprimude la Baděe di Mueç (dopo il 1728) la gleisje di Çurçuvint a no č stade sogjete a nissune Pleif Mâri e il 7 di setembar dal 1794 il Vescul di Udin, tignint cont dai vecjos documents e da impuartance storiche da gleisje, j ŕ dât il titul di Pleif e ai preidis chel di Plevan.
La Pleif di Guart cul so teritori a č lade a formâ l’Arcidiacunât e il titul di Arcidiacun al lave al preidi plui vecjo; encje Çurçuvint al ŕ vűt doi preidis cun chest titul.
Tal 1912 il Vescul Rossi al ŕ metűt inpîs il Vicjariât di Paluce, al ŕ distacât Çurçuvint dal Arcidiacunât di Guart insedanlu ta nove foranie di Paluce dulŕ ch’al č inmň voi.
I agns miôr pal paîs ai son chei ch’ai cjŕpin denti il XVI e XVII secul, infŕtis si poděn viodi inmň bielas cjasas di chę jete insjioradas cun lavôrs in len, in tof lavorât e in fier batűt.
Çurçuvint al pos contâ suntun biel patrimoni rurâl architetonic tipicamenti cjargnel recuperât e comedât dopo dal taramot dal 1976; une cerce di chescj ‘monuments’ si la cjate tal itinerari.
La biele localitât a č inmň une buine cjanive ta conservasion dal patrimoni di tradisions che nus puartin cence fal as vecjas radîs.

                                                                                                                                   Cele dal Muini

 

Cercivento: note in breve

La piccola comunitŕ di Cercivento č la porta d’ingresso della Val Calda, che collega la Valle del But alla Valle del Degano attraverso Ravascletto.
L’origine del nome č ancora incerta e dŕ adito a diverse interpretazioni alcune delle quali pare facciano riferimento alla sua particolare posizione soleggiata ed al riparo dei venti, altre voci riconoscono in Cercivento un’antica arimannia longobarda. Di certo la localitŕ era ben nota e frequentata fin dall’antichitŕ in quanto zona di passaggio e di collegamento non solo per la Val Calda, ma anche per l’antica via ‘Julia Augusta’ che da Aquileia, dopo un lungo percorso, giungeva al Passo di Monte Croce Carnico per proseguire nell’attuale Austria.

Anticamente pare che una borgata si trovasse in localitŕ Műse, proprio nei pressi dell’attuale cimitero, che a causa di uno smottamento fu rasa al suolo assieme alla borgata di Cente.
Con ogni probabilitŕ il primo nucleo abitato č da collocare nel luogo chiamato Cjavrěas (ovvero case vecchie) e Cjamarinůs. Nel 1200 viene citata nei documenti la villa di Costa (attuale frazione assieme a Vidâl, Cjandelin e Fascin).

Un documento datato 1275 fa riferimento alla chiesa di San Martino; giova precisare che la Pieve di San Martino č l’unica della Valle del But che non fu mai soggetta a giurisdizione ecclesiastica a San Pietro di Carnia. Le melodie dei canti religiosi (salmi, vesperi, ecc.) hanno la stessa cadenza di quelli della Pieve di Gorto di Ovaro; infatti Cercivento ricadeva sotto la giurisdizione della Pieve di Gorto. Quando la Pieve di Gorto č passata alle dipendenze dell’Abbazia di Moggio la chiesa di Cercivento seguě la stessa sorte.

I sacerdoti in cura d’anime venivano nominati dall’Abate o meglio venivano presentati, in quanto i capi famiglia delle due ville avevano il diritto di eleggersi il loro sacerdote (jus patronatus).
Soppressa l’Abbazia di Moggio (dopo il 1728) la chiesa di Cercivento non fu soggetta ad alcuna matrice e il 7 settembre 1794 l’Arcivescovo di Udine, visti gli antichi documenti e l’importanza della chiesa, decretň che fosse elevata a titolo di Pieve e i parroci al titolo di Pievano.
La Pieve di Gorto con il suo territorio fu eletta ad Arcidiaconato ed il titolo di Arcidiacono veniva dato al parroco piů anziano; anche Cercivento ebbe due suoi parroci con questo titolo.
Nel 1912 l’Arcivescovo Rossi eresse il nuovo vicariato di Paluzza, staccň Cercivento dall’Arcidiaconato di Gorto e lo aggregň alla nuova forania di Paluzza di cui tuttora fa parte.
Il momento piů fiorente per il paese si ha verosimilmente nel XVI e XVII secolo, periodo a cui risalgono alcune antiche case di ottima fattura con pregevoli lavori in legno, in tufo lavorato ed in ferro battuto. Cercivento vanta un consistente patrimonio rurale architettonico tipico carnico recuperato e restaurato a seguito dei noti eventi del terremoto del 1976; parte di questi ‘monumenti’ sono inseriti nell’itinerario. 
L’amena localitŕ č conservatrice attenta e tenace di un vasto patrimonio di tradizioni che rimandano alle lontane origini.
                                                 Cele dal  Muini

 

STEME DAL COMUN DI ÇURÇUVINT

 

- La Rôse dai vints: a riguarde l’etimologje dal non  ‘circum venti agunt’ ven a jessi ‘circondato dai venti’
- Il Gjal: al riclame la dipendence da gleisje a antighe Baděe di Mueç fondade dai frâris, dal ordin di San Gjal, ch’ai vignive dal cjanton da Svissare ch’al puarte il stes non
- Il foncj ros e blu: a son las dôs frazions di Di Sôre e di Di Sot che par vecjo as davin vite a doi comuns e che Napoleon di doi a ‘nd’ŕ fat un.
 

- La Rosa dei venti: ricorda l’etimologia del nome ‘circum venti agunt’ ovvero ‘circondato dai venti’
- Il Gallo: richiama la dipendenza della chiesa alla antica Abbazia di Moggio Udinese fondata dai monaci dell’ordine di San Gallo provenienti dall’omonimo cantone svizzero
- Lo sfondo rosso e blu: raffigura le due frazioni di Cercivento di Sopra e di Cercivento di Sotto che anticamente formavano due distinti comuni e che con Napoleone sono stati fusi in un unico ente.

Curiositŕ:

- comuni limitrofi: Paluzza, Sutrio, Ravascletto 

- gli abitanti del paese si chiamano Cerciventesi o, nella variante carnica, Cirubits

 


Cjaminade pal paîs…

 

Mulin di Badai

Apene ch’a si entre tal paîs, su pa gjestre, a si viout une costruzion basse cul tet di cops: a si trate da sie e dal mulin di Badai. La costrusion a č une vôre vecje ai děsin intorn il 1600, date gjavade dai documents di concession par podei doprâ l’âghe da Bűt. Si cjatavin par vecjo, oltre a sie, encje doi mulins: un, cuntune muele di clap par masinâ farine di flôr (doprade par fâ il pan) e chel âti cu la muele in tof par masinâ la farine da polente.

All’entrata del paese, sulla destra, si nota una bassa costruzione con tetto in coppi: si tratta della segheria e mulino detto di Badai. Il fabbricato č molto antico pare risalga al 1600, data tratta dai documenti di concessione dell’utilizzo delle acque del Bűt. Un tempo, oltre alla segheria, esistevano anche due mulini: uno con la mola di pietra per la macina del frumento e l’altro con la mola in tufo per il grano.



Farie di Checo

Laboratori di fâri completamenti restaurât e mudât in piçul, ma intaressant museu. L’origjine a si piert ta not dai timps, ma tas cjartes si cjate la farie bielgiŕ tal 1426; a ŕ lavorât fintramai al 1966.

Il propietari, Candido Silverio, al ŕ regalade la struture a Comunitât Montane ch’a ŕ proviodűt a tornâle a metile in sest e funzionant come un timp. Biele da viodi la fusine complete di ducj ju imprescj mots da fuarce da l’âghe: il soflet, la muele par guçâ, il mai; intaressant il piçul laboratori cu la mostre dai imprescj di lavôr e dal campionari da produzion da farie. Difűr si viout il vagn cun dut ce ch’a coventave par diregi l’âghe, vęr motôr ch’al faseve movi ducj ju imprescj da farie. La Farie di Checo si pos visitâ telefonant al n. 0433778407.    

Laboratorio di fabbro completamente restaurato e trasformato in piccolo, ma significativo museo.
L’origine si perde nella notte dei tempi, ma nelle carte l’edificio č citato giŕ nel 1426; č stato funzionante fino al 1966.
Il proprietario, Candido Silverio, ha donato l’edificio alla Comunitŕ Montana che ha provveduto al recupero del manufatto ed al suo totale riatto. Da ammirare la fucina completa dei vari congegni idraulici, il mantice, le mole per affilare, il maglio, tutta la dotazione dei vecchi attrezzi utilizzati per la lavorazione del ferro ed inoltre, nell’attiguo laboratorio, un ricco campionario della produzione della fucina. Esternamente č possibile osservare il congegno di raccolta e distribuzione dell’acqua, vero motore propulsore dei vari attrezzi dell’officina. La Farie di Checo č visitabile telefonando al n. 0433778407.



Mulin da Romane

Vecjo mulin che a si pos inmň viodi entrant tal fabricât ch’al dŕ il passaç pa Farie di Checo. Al ŕ lavorât fintramai al 1966 e in dě di voi al ŕ inmň dute la sô struture interne ch’a č ben conservade.

Vecchio mulino posto nel fabbricato che fa da accesso alla Farie di Checo. Funzionante fino al 1966, ancor oggi č possibile vedere la sua struttura interna conservata nella sua integritŕ.



Maine di mont da Di Sot

A č dedicade a Madone Mâri dai Viandants, a si cjate a miege mont ta strade das louges che da Çurçuvint Di Sot a puarte in mont. A č clamade encje la Madone di Gjaule Puartes par vie di une vecje liende ch’a contave di une emigrant in todesc puartât propit achě in plene not dal gjaul. Ta tele ch'a nus mostre la fughe in Egjit si viout la Madone ch'a dŕ il lŕt al pin e San Josef ch’al cjape sů pomes. Tal 1929 dute la maine, jessint in males condizions, a č stade restaurade; fruts e grancj cui geis ŕn puartât sů pes spâles dut ce ch’a coventave: claps, cops, savalon e vie indavant. In cheste ocasion a č stade un pouc encje ingrandide. Arcangjelo di Sibilot al ŕ tornât a fâ il cuâdri e come model al ŕ doprât la Nadalie e il frut Zeno. Il 24 di maj dal 1929 grande fieste pa inauguraz: tal prin bacon da strade vevin fat tancj arcs di rôses e une dôse di int a č lade sů in pussisjion. La prime domenie di mai, come ch’a ere l’usance, las giovines as partivin biel a binore intorn las cuatri/cinc par lâ ta maine preant e cjantant di lunc fűr. Cuant ch’as tornave jů as finive il lôr gîr in gleisje e in chę ocasion Pre Luigj al faseve sunâ companon. Cualchi an fa la maine a č stade completamenti comedade e sistemade.
 

Č dedicata alla Madonna Madre dei Viandanti, e si trova a mezza costa lungo la strada delle slitte che da Cercivento di Sotto sale in montagna.
Č chiamata anche Madone di Gjaule Puartas e ciň č dovuto ad una vecchia leggenda con protagonista un emigrante trasportato qui di notte, dalle terre tedesche, da un diavolo. Nella tela che rappresenta la fuga in Egitto si vede la Madonna che allatta il bambino e San Giuseppe che raccoglie frutta.
Nel 1929 la cappella, essendo all'epoca molto danneggiata, č stata restaurata.
Grandi e piccoli hanno portato con le gerle tutto quello che occorreva: sassi, tegole, sabbia ecc.. In questa occasione č stata anche ingrandita. Arcangelo di Sibilot ha rifatto il quadro usando come modelli Natalia e suo figlio Zeno. Il 24 maggio 1929 grande festa per l’inaugurazione; nel primo tratto di strada avevano eretto archi con fiori e molta gente era salita in processione.
La prima domenica di maggio, secondo l’usanza, le ragazze partivano all’alba, alle quattro/cinque, per recarsi a questa cappella votiva e cantavano lungo tutto il percorso. Quando riscendevano al paese terminavano il loro giro in chiesa e per l’occasione Don Luigi faceva suonare le campane a festa. Qualche anno fa’ la cappella č stata completamente riattata.


Maine di mont da Di Sôre

A č dedicade a Madone Ausiliadorie, a si cjate a miege mont ta vecje strade das lougias. In origjine la maine a veve da jessi stade insom la clapusse parsôre da strade e infatis agns indaűr al ere restât in viste un baconut di műr. Ta clâf di volte da maine si lei la date 1768 che forsi a si riferis a vecje capele. Un biel e comut ŕndit al dŕ sotet e protezion in câs di brut timp; tai trâfs in len a č sistemade la campanele che par tradizion ognun al sune cuant ch’al fâs visite a Madone. No si sa cuant ch'a č stade fate cheste maine, ma la prime note scrite di ufiertas di zornadas di lavôr par comedâle a puarte la date dal 1895. La Madone cul Bambin a č stade comprade tal meis di novembar dal 1896, la maine a č stade finide tal 1898 e propit il 31 di dicembar la statue da Madone a č stade puartade venti sů in pussisjion; d'in chę volte ogni an, ta chę dě, a ven celebrade une Messe secont l'intenzion dai oferents. Cuant che il timp al permet il 24 di maj, fieste da Madone Ausiliadorie, a ven dete la Messe ta maine. A ere par vecjo cheste usance: la prime domenie di maj las giovinas dal paîs as partivin viers las cuatri di binore, as lavin prime ta maine di mont di Di Sot dopo ta chę di Di Sôre preant rosaris di lunc fűr e a ore di Ave Marie as erin in gleisje. Il plevan las spietave cuntun biel companon, aě as fasevin la comunion e dopo tornavin a cjase. Las giovinas di Vidâl as vegnive ca pal troi fintramai al S.Antoni di Colgjat.

Č dedicata alla Madonna Ausiliatrice, e si trova a mezza costa sulla vecchia strada delle slitte. In origine la cappella doveva essere stata costruita in cima alla localitŕ Clapusse sopra la strada: infatti, anni addietro si poteva ancora vedere un pezzo di muro di sostegno. Sulla chiave di volta dell’ingresso si legge la data 1768, elemento forse recuperato dalla vecchia cappella. Un comodo e bell’avancorpo dŕ riparo e protezione in caso di cattivo tempo; sulle travi di legno č sistemata una campanella che per tradizione viene suonata da chi fa visita alla Madonna. Non si sa quando sia stata costruita questa cappella votiva; la prima nota scritta risale al 1895 e si riferisce ad offerte di giornate di lavoro per aggiustarla.
La statua della Madonna col Bambino fu acquistata nel mese di novembre del 1896, la cappella fu terminata nel 1898 e proprio il 31 dicembre di quell’anno la statua della Madonna venne portata fino lassů in processione; da allora, ogni anno, viene celebrata una Messa secondo l’intenzione degli offerenti.

Quando il clima lo permette il 24 maggio, festa della Madonna Ausiliatrice, viene celebrata una Messa. Un tempo era viva questa usanza: la prima domenica di maggio le giovani del paese partivano verso le 4 del mattino e andavano alla Maine di mont di Cercivento di Sotto e quindi in quella di Cercivento di Sopra, pregando rosari lungo tutto il tragitto e all’ora dell’Ave Maria si ritrovavano nella chiesa del paese. Il pievano le aspettava facendo suonare le campane a festa; si comunicavano e poi tornavano a casa. Le giovani di Vidâl, per trovarsi con le altre, percorrevano i sentieri fino in localitŕ Colgjat, dove si trova un quadro di Sant’Antonio.

 


 

Pleif di San Martin

 

 

Gleisje di origjine antigone sogjete, uniche ta Valade dal Bűt, a Pleif di Sante Marie di Guart e cuant che cheste Pleif a č passade sot da gjurisdision da Baděe di Mueç encje la gleisje di San Martin j č lade daűr. Tal testament di un cert Siôr Pięri Pintassio datât 1358 si lei la domande di jessi soterât tal simiteri nűf daprűf da gleisje di San Martin; al č chest il prin document scrit, ch’a si conos, ch’al cjacare da presince da gleisje tra las dôs vilas, ma di sigűr un grum di agns prime a esisteve une comunitât cristiane cun tant di capele. Tal 1794 il Vescul di Udin cun decret al dŕ il titul di Pleif a gleisje di Çurçuvint e di conseguense encje il preidi ch’al faseve servisi al veve il titul di Plevan. Tal 1912 cu la nascite dal vicjariât di Paluce a ven distacade dal Arcidiacunât di Guart e agregade a nove foranie di Paluce. As merite une visite las tantas oparas di art e artigjanât, cuâdris e pituras di valôr conservadas ta gleisje; i din une cerce.

Il pulpit: a č une opare in len di grant valôr, fat dal intajadôr dal Cjadôvri Eugenio Manzani judât da Giovanni Francesco Manzani e indorât da Agnese Girolamo. Tai documents dal archivi sot la date dal 20 di març dal 1726 a si lei: “A Girolamo Agnese nell’indorare il pulpito...”

Ta linde ai son i cuatri Evangjeliscj cun tal mieç il Crist; il baldachin encje chel in len lavorât al finis cu la statue di San Pauli.  Al č stât restaurât tal meis di lui dal 1990.

Il batisteri: al č di marmul con sôre un tabernacul in len ben sierât e si lu cjate nomenât giŕ tas cjartas da  Visite Pastorâl fate tal 1602. La vecje statue di San Giuan ch’a ere propit tal spiç, come ch’al veve disponűt il Patriarcje, a č stade roubade tai agns’90; chę che si viout cumň a č opare di un artigjan di Cleulas.

Il Crist: a si trate di un lavôr in len vignűt fűr da une buteghe todescje da Baviere e cun ogni probabilitât al č un regâl di cualchi emigrant.

La pile da l’âghe sante: a č une biele realisasion dai prins dal sietcent in marmul ros. A č lavorade cun biei mutîs di rôsas e a ŕ la particolaritât, gjavant il toc dapît, di jessi stade sculpide da un unic bacon di pięre.

L’organo: al puarte la date dal 1753. Tal 1751 i cramârs di Çurçuvint, par lavôr in Baviere, an pensât ben di mandâ un pous di bęçs a gleisje di San Martin par fâ un organo ‘che potesse col suo suono render ancor piů solenni le cerimonie religiose.’ Il fabricîr al proviout a dut e las cjartas nus děsin che il 16 di avost 1751 son stâts spindűts ‘contadi 25 alli carradori per levar l’organo a Udine comprato per la chiesa.’

Chest imprest al ven dât in consegne, par comedâlu e modificâlu, al maestri Angelo Morasso da Di Sot ch’al veve il so laboratori ta cjase dal Pitôr. Tal timp l’organo al passe encje di man e dome dopo dal taramot viers il 1980 al torne in gleisje, ma in condision disastrôsas; cui contribűts da Regjon, da Comunitât Montane, da Sovrintendense, dal Comun e da int il 15 di avost dal 1985 al torne a sunâ, completamenti comedât e recuperât, ta Pleif di San Martin. L’opare di restauro a č stade curade da dite Gustavo e Francesco Zanin di Cjamin al Tŕament.

Il cjampanîl: biele opare començade tal 1656 ch’a si presente in dute la sô armonie cui contrascj dai tofs e das maltas; l’opare di restauro fate tal 2001 al ŕ metűt a nűf il tor e cussě voi plui che mai i Cirubits, cuntune certe savietât, ai tirin in bal il vecjo det ch’al cjante las cuatri maraveas dal mont: ‘Las cuatri maraveas dal mont a son il dômo di Milan, il campanon di Mantova, l’organo di Trento e il campanil di Cercivento.’

 

Chiesa di origine molto antica, soggetta, unica nella valle del But, alla Pieve di Santa Maria di Gorto. Č passata sotto la giurisdizione dell’Abbazia di Moggio seguendo le sorti della Pieve di Gorto. Sulla facciata si possono ancora vedere i segni della dipendenza all’Abbazia di Moggio. Nel testamento di un certo signor Pietro Pintassio del 1358 si legge la richiesta di venire sepolto nel nuovo cimitero vicino alla chiesa di San Martino; č questo il primo documento scritto conosciuto, che parla della presenza di una chiesa tra i due abitati, ma sicuramente giŕ molti anni prima esisteva una comunitŕ cristiana con un edificio sacro. Nel 1794 il Vescovo di Udine con un decreto diede il titolo di Pieve alla chiesa di Cercivento e di conseguenza anche il prete che vi prestava servizio acquisě il titolo di Pievano.

Nel 1912 con la nascita del Vicariato di Paluzza la chiesa veniva staccata dall’Arcidiaconato di Gorto ed aggregata alla nuova Forania di Paluzza. Meritano una visita le molte opere d’arte e d’artigianato, quadri e pitture di valore conservati nella chiesa.

Il pulpito: opera lignea di grande valore dell’intagliatore cadorino Eugenio Manzoni con l’aiuto di Giovanni Francesco Manzani e indorato da Agnese Girolamo. Nei documenti dell’archivio in data 20 marzo 1726 si legge “A Girolamo Agnese nell’indorare il pulpito...” Raffigura all’esterno del ballatoio i quattro evangelisti con al centro il Cristo; il baldacchino finemente lavorato termina con la statua di San Paolo. E’ stato restaurato nel mese di luglio del 1990.

Il battistero: č di marmo con sopra un ciborio ligneo ben chiuso citato giŕ nei documenti della Visita Pastorale del 1602. La vecchia statua di S. Giovanni che era stata posta sul culmine per disposizione del Patriarca č stata trafugata negli anni ’90; l’attuale č opera recente di un artigiano di Cleulis.

Il crocifisso: si tratta di un’opera lignea di bottega tedesca e proviene dalla Baviera probabile dono di qualche emigrante.

La pila dell’acqua santa: č una pregevole realizzazione del primo settecento in marmo rosso. E’ ornata da motivi floreali ed ha la particolaritŕ, escluso il basamento, di essere stata scolpita da un unico blocco di pietra.

L’organo: porta la data del 1753. Nel 1751 i cramârs di Cercivento, in Baviera per lavoro, inviarono una somma alla chiesa di San Martino per la costruzione di un organo ‘che potesse col suo suono render ancor piů solenni le cerimonie religiose.’ Il fabbriciere provvide a tutto e i documenti testimoniano che il 16 agosto 1751 si sono spesi ‘contadi 25 alli carradori per levar l’organo a Udine comprato per la chiesa.’

Lo strumento viene dato in consegna, per le modifiche e per la definitiva sistemazione, al maestro Angelo Morasso della frazione di Sotto che aveva il suo laboratorio nella Casa del Pitôr. Nel corso degli anni l’organo passa di mano e solamente dopo il terremoto verso il 1980 ritorna nella chiesa ma in condizioni disastrose; con i contributi della Regione, della Comunitŕ Montana, della Soprintendenza, del Comune e della gente il 15 agosto del 1985 torna a suonare, completamente restaurato, nella Pieve di San Martino. L’opera di restauro č stata curata dalla Ditta Gustavo e Francesco Zanin di Camino al Tagliamento.


Cjase dal Pôdar

Carateristiche e ben tignude la Cjase Pôdar; tal volt in pięre, dal puarton di entrade dal plan cjere, a č scolpide la date 1663 e la scrite L.D.V.F.F.; a č stade fate da un Di Vora di chei di Scudręl e torn il 1800 Gio Pietro Pitt (dal çoc di Cueste), miedi chirurgo laureât a Padue e specialist in Gjermanie, maridant une Di Vora al ven in cuc propit achě. I De Franceschi ai son i parons di voi di cheste cjase incolme di storie e di personagjos famous e tancj di lôr ŕn fat fortune e ocupât puescj impuartants oltri cunfin. Riguarděn, tra i tancj, Pre Svualt Pitt (fî dal cramâr Jacum) plevan di Hohenthann (basse Baviere) e Pre Jacum Pitt dean e plevan di Werfen, conseîr dal Princip Vescul di Salisburg.

Caratteristica e ben conservata la Casa Pôdar; l’arco in pietra, del portone d’entrata del piano terra, porta scolpita la data 1663 e la scritta L.D.V.F.F.; č stata costruita da un Di Vora di Scudręl e verso il 1800  Gio Pietro Pitt (del ceppo di Costa), medico chirurgo laureato a Padova e specializzatosi in Germania, convolando a nozze con una Di Vora, viene ad abitare in cuc proprio qui. I De Franceschi sono gli attuali proprietari di questo edificio ricco di storia e di personaggi illustri molti dei quali hanno fatto fortuna ed occupato posti di prestigio oltralpe. Ricordiamo, tra questi, il Rev. Osualdo Pitt (figlio del cramâr Giacomo) pievano di Hohenthann (Baviera Inferiore) ed il Rev. Giacomo Pitt decano e pievano di Werfen, consigliere del Principe Vescovo di Salisburgo.

 


Cjase Dassi-Pitt

Biele costruzion dal XVIII secul par vecjo di propietât da famče Dassi ch’ai disčvin dal Muini. A č stade dopo comprade dai fradis Pitt (Toni, Mondo, Fonso e Berto) e da lôr a ŕ cjapât il non. A gjestre dal puarton a volt a ‘nd’č une maine dedicade a Madone Imaculade. Tant da seconde guere mondiâl e cun plui precision il 28 di maj dal 1944 i soldâts todescs, no cjatant i cuarps di doi soldâts copâts da Resistenze, ŕn dât fűc a cjase; las flamas ŕn parât a ramengo dut ce cu ere denti.

Sů pa gjestre da cjase il biel volt di tof al puarte ta cort di Busort.

La Cjase dal Pitt a dŕ sů pa place Batarame cussě clamade parcč che prime dal taramot dal ‘76 a esisteve un cjason di ce sorte: si tratave da cjase Batarame dulŕ ch’a stave Zanette De Giudici Battirame. Tal 1783 grazie a un lascit da Siore Zanete, ch’a ere cence prôle, a ven vierte une scuele pai fruts e pas frutas dal paîs. Il preidi ch’al faseve scuele al veve l’oblic di dî une Messe cui ufissis ad an e ogni dě fâ dî une orazion ai fruts pa Batarame. La Siore Zanete a veve cussě contentât la volontât che so pâri Giuan, ch’al veve fat fortune in Baviere, al veve lassât scrit tal testament datât 19 avrîl 1749. Purtrop cui dams dal taramot ŕn decidűt di butâ jů cheste cjase e il vueit voi al ven enplât cu las machinas.

Simpri ta cheste place a partěs encje la vecje pedrade ch’a puarte in Riu di Sot; dal pedrât, ch’al viestive dute la strade, voi no ‘nd’č restât nissun segnâl.

Bella costruzione del XVIII° secolo anticamente di proprietŕ della famiglia Dassi detta dal Muini. E’ stata poi acquistata dai fratelli Pitt (Antonio, Raimondo, Alfonso e Alberto) dai quali ha preso il nome. Alla destra del portone c’č la cappella votiva dedicata alla Madonna Immacolata. Durante la seconda guerra mondiale e piů precisamente il 28 maggio del 1944 i soldati tedeschi, non trovando i corpi di due soldati uccisi dalla Resistenza, hanno incendiato la casa; le fiamme hanno distrutto tutto ciň che si trovava all’interno.

Il bell’arco in tufo, sulla destra della casa, porta al cortile Busort.

La casa Pitt si affaccia sulla piazza Battirame cosě chiamata perchč prima del terremoto qui si ergeva una grande costruzione: si trattava della casa Battirame dove abitava Zanette De Giudici Battirame. Nel 1783 grazie a un lascito della Signora Zanette, che non aveva figli, viene istituita una scuola per i bambini e per le bambine del paese.
Il prete/insegnante aveva l’obbligo di celebrare ogni anno una Messa con relativi Uffici e ogni giorno doveva far recitare ai bambini una orazione per la Battirame. La Signora Zanette, in questo modo, aveva esaudito la volontŕ che il padre Giovanni, che in Baviera aveva fatto fortuna, aveva scritto nel suo testamento datato 19 aprile 1749. Purtroppo per i danni subiti dal terremoto fu deciso di abbattere la vecchia casa e il vuoto da essa lasciato č adibito a parcheggio. Sempre da questa piazza parte la vecchia Pedrade (acciottolato) che porta nella borgata di Riu di Sot; dell’acciottolato che copriva l’intera via oggi non vi č alcun segnale.

 


Cjase Tiriděn

Biele cjase cjargnele ch’a puarte scolpide tal volt in tof da entrade, ch’a dŕ sů pa cort sierade da un alt műr di clap, la date dal 1634. Podarčs jessi cheste la date da fin da costruzion di chę che i poděn clamâ une vere opare d’art dai nostis vons.

La cjase a č formade da doi cuarps, girâts viers la cort interne, ch’ai s’incrôsin tun cjanton; a plan taren si viňdin cuatri volts (doi par ogni ale) e subit sôre di lôr tal prin plan i vin une biele loge cun cuatri e doi volts simpri in tof. Fintramai ai prins dal 1867 dute la costruzion (fabricât cun stanzas dopradas tanche abitazion, cjanivas e sgabossěns par lavôr, stale e stâli, cort e ort recintâts) a ere di un unic paron ven a jessi Giuan Dassi di Toni clamât Tiriděn. Son tancj i Dassi, nassűts in cheste cjase, che si son dedicâts al comercio in Austrie e in Franconie; riguarděn tal 1690 i fradis Svualt, Filip e Pięri Dassi marcjadants in Baviere e in Franconie, tal 1732 Jacum Dassi in Austrie al preparave e al vendeve, cun tant di cjarte imperiâl, medčculas miracolôsas par ogni mâl. In cheste cjase al č nassűt e al ŕ vivűt par cetancj agns encje il famous teolig e moralist Giuan Batiste Dassi (1728-1801?).

Tipica casa carnica che porta incisa nel grande e caratteristico arco di entrata in tufo, che dŕ su un cortile cintato da alto muro in sasso, la data del 1634. Potrebbe essere la data del termine della costruzione di questa che possiamo senz’altro definire un’opera d’arte dei nostri avi. La casa č formata da due corpi ad angolo rivolti verso il cortile interno; a pian terreno notiamo quattro archi (due per ogni ala) sormontati al primo piano da una bella loggia a quattro e a due archi. Fin dall’inizio del 1867 tutto il complesso (fabbricato con stanze d’abitazione, vani di deposito e locali di lavoro, stalla e fienile, cortile e orto recintati) era indiviso e di proprietŕ di Giovanni Dassi fu Antonio detto Tiriděn.

Molti furono i Dassi, nati in questa casa, che si dedicarono al commercio specie in Austria e Baviera; ricordiamo nel 1690 i fratelli Osvaldo, Filippo e Pietro Dassi commercianti in Baviera e in Franconia, nel 1732 Giacomo Dassi in terra d’Austria preparava e vendeva, con regolare approvazione imperiale, medicamenti portentosi. Nacque e visse per diversi anni in questa casa il noto teologo e moralista Giovan Battista Dassi (1728 - 1801?).

 


Cjase Morassi

A č une tipiche cjase dal sietcent comedade dopo dal taramot dal 1976 e che a ŕ une biele cort e un ort cludűt da un alt műr di clap. A č stade fate tal 1690 da Giuan Filip Morassi e comedade tal 1757 da Toni Morassi. La cjase a presente un biel volt di entrade in pięre lavorade e subit sôre doi biei balcons doplis simpri cui antî scolpîts. Cheste cjase a č plene di storie e propit achě son nassűts personagjos ch’ai ŕn fat onôr al lôr paîs.

Ricuarděn par esempli Padre Felice Maria Morassi, nassűt tal 1724, frâri Barnabit, ch’al ŕ insegnât filosofie a Milan, Lodi, Macerata e a Rome. Ben volűt da ducj pal so műt di fâ, pa preparasion e pa pietât ch’al veve al č muart a Udin il 9 di genâr dal 1776.

Cjandid Morassi: nassűt tal 1761 al vantave il titul nobiliâr di Siôr e Cjascjelan di Frate un biel taren, dongje di Giuviel, di propietât da famče. Dal 1792 e par un grum di agns al č stât Ispetôr dai Boscs da Cjargne, ai timps da Republiche di Vignesie al č stât Cjapitani dal Cuartîr di San Pięri, tal 1806 al ven nomenât Gjudiç di Pâs dal Cjanton di Paluce. Al műr il 17 di otubar dal 1839.

Ta seconde metât dal 1700 par volontât di Morassi Matteo Toni a ven fate la dignitose Capele, dedicade a Madone, tacade a Cjase Moras. Inmň voi a conserve diviers relicuiaris e ogjets benedets. Ta plaçute, timp indaűr, une grande arcje a dave la pusjibilitât a int di urî l’âghe pas esigjenzas di famče, par lavâ chei cuatri peciots e beverâ ju anamâi.

Casa tipicamente settecentesca restaurata dopo il terremoto del 1976, con cortile e orto recintati da alte mura in sasso. Costruita nel 1690 da Gianfilippo Morassi e ristrutturata nel 1757 da Antonio Morassi, l'abitazione presenta un bel portale in pietra lavorata sormontato da due altrettanto pregevoli bifore. Questa casa č ricolma di storia e proprio qui sono nati personaggi illustri che hanno reso onore al loro paese natale. 

Ricordiamo per esempio Padre Felice Maria Morassi nato nel 1724, frate Barnabita, che ha insegnato filosofia a Milano, Lodi, Macerata e  Roma. Caro a tutti per l’amabilitŕ, l’erudizione e la pietŕ, morě a Udine il 9 gennaio del 1776. 

Candido Morassi: nato nel 1761 vantava il titolo di nobiltŕ di Signore e Castellano di Fratta, un latifondo di proprietŕ della famiglia nei pressi di Zovello. Dal 1792 e per molti anni fu Ispettore dei Boschi della Carnia, ai tempi della Repubblica Veneta fu Capitano del Quartiere di San Pietro, nel 1806 fu nominato Giudice di Pace del Cantone di Paluzza. Morě il 17 ottobre 1839.

Nella seconda metŕ del 1700, per volontŕ di Morassi Matteo Antonio, viene costruita la semplice ma dignitosa cappella, dedicata alla Madonna, attigua alla Casa Morassi. Conserva ancor oggi diversi reliquiari ed oggetti sacri. Nella piazzetta antistante, un tempo, una grande vasca dava la possibilitŕ alla gente di prelevare l’acqua per le esigenze delle famiglie, per lavare i panni ed abbeverare gli animali.


Cjase di Vessi

La cjase Vessi, costruzion cence pratęsas ma intaressant, a č subit dongje di Cjase Morassi: a ere cheste la cjase dulŕ ch’a stave e a viveve la siervitűt ch’a lavorave pai siôr Morŕs.

Restaurade da pouc a ŕ tornât a cjapâ la sô vecje e carateristiche műse e subit al dŕ tal vouli il biel giűc di contrast tra il tof e il blanc das maltas. La particolâr forme architetoniche a tire l’intares dai passionâts cultôrs das roubas di îr soredut pa murâe di tof ch’a samę ch’a tegni sů dute la cjase e encje pa forme dal cjanton ch’al č a man çampe da costruzion. Di denti a č stade conservade la vecje scjalinade in pięre e tal plan taren las vecjas e bielas stansas a volt.

La Casa Vezzi, costruzione senza pretese ma comunque interessante, č nelle vicinanze della Casa Morassi: era adibita ad abitazione della servitů alle dipendenze dei signori Morassi. Recentemente č stata restaurata e restituita quindi all’originale e caratteristico splendore. Balza agli occhi il gioco di contrasto tra il tufo ed il candore dell’intonaco.
La particolare forma architettonica attira l’interesse degli appassionati cultori delle cose del passato in particolare per il contrafforte (sostegno) in tufo che pare sorreggere la base della struttura, nonché l’ardito angolo rientrante della parte sinistra dell’abitazione.
All’interno sono ancora conservate l’antica scala in pietra e le caratteristiche stanze a volta del piano terreno.





 


Cjase Citâr

Antighe cjase cjargnele, datade 1577, che no da tant timp a č stade, cun merit, restaurade. Fintramai al 1882 in cheste cjase a funzionave une fabriche di ceramicas ch’a veve començade la sô ativitât tal 1750. La propietât da fabriche a passave di pâri in fî cu la sole condizion che il sucesôr al s’impegnŕs a insegnâ il mistîr ai siei discendents. L’argile a vegnive cjapade sů tai boscs di Gjai di Mieç (in Place dai Papavars) di lŕ da Gladegne. A vegnive puartade fintramai ta cort cul mulet di Citâr.

Apene sot dal puarti si pos viodi la nete distanse tra la cjase dulŕ ch’a stave e la fabriche vere e propie; infatis tal stabil di çampe al ere il laboratori e la fornâs; a si trate di une sielte ben precîse in műt di sparagnâ il plui pussibil la cjase dai fűcs ch’ai podčve nasci tant da cuete da argile.

Dulŕ che voi ai son ju orts as erin dôs vascjas par fâ spurgâ l’argile par podeile lavorâ. Dal forn dai Citârs ai jessěvin imprescj ch’ai si doprave in cjase come margaritas, citas, pitęrs, aghesantieras, curnîs ma a ‘nd’ere encje une buine produzion di cops e di planelas. Il marcjât al lave encje fűr dai confins dal paîs. Une carateristiche particolâr di chescj vecjos citârs a čre la composizion das vernîs ch’ai dopravin par colorâ i lavôrs che inmň voi si pňdin viodi ta lôr vivarositât tas figuras religjôsas che si cjŕtin sů pa façade da cjase. I Citârs stes ai son stâts ju autôrs da miscele ch’a ŕ dât vite a chei colôrs otignűts cun particolârs impascj doprant, si dîs, encje jerbas. Ta façade esterne al č pussibil jodi il grop di figuras che nus mostrin San Giuan, il Spirtu Sant cun doi agnui, il Crist in crous e la Madone. Ta façade ch’a dŕ ta cort interne si pos inmň viodi un bacon di ceramiche ch’al mostre un Crist in crous cu las dôs Marias di ca e di la.
 

Antica casa carnica, porta la data del 1577quando č stata  effettuata una meritevole opera di restauro. Fino al 1882 esisteva in questa struttura una fabbrica di ceramiche che aveva iniziato la sua attivitŕ nel 1750. La proprietŕ della fabbrica passava di padre in figlio con la sola condizione che il successore s’impegnasse ad insegnare il mestiere ai propri discendenti. L’argilla veniva raccolta in localitŕ Gjai di Mieç (nella Place dai Papavars) oltre il torrente Gladegna. Veniva trasportata fino al cortile interno della casa Citâr con un mulo chiamato il mulet di Citâr.

Appena varcata la soglia del portico si puň notare la netta separazione tra l’edificio ad uso domestico e la fabbrica vera e propria; infatti nello stabile di sinistra trovavano ubicazione il laboratorio e la fornace; ciň č dovuto ad una scelta precisa tesa ad evitare eventuali incendi durante il processo di cottura dell’argilla. Dove attualmente il terreno č adibito ad orto, esistevano due vasche di decantazione in cui l’argilla veniva depurata dalle impuritŕ. Dal forno dei Citârs uscivano diversi oggetti di uso casalingo, vasi per ogni necessitŕ, acquasantiere, cornici ma esisteva anche una buona produzione di coppi e di tegole. Il tutto aveva un mercato che varcava i confini del paese.
Una caratteristica particolare della produzione di questi vecchi ceramisti era l'utilizzo delle particolari vernici che ancora oggi si possono ammirare nella loro vivacitŕ sulle statue che sono posizionate sulle facciate della casa.
I Citârs stessi erano gli artefici di quei colori ottenuti con particolari impasti a base, sembra, di erbe. Nella facciata esterna č possibile ammirare il gruppo di statue che rappresentano San Giovanni, lo Spirito Santo con due angeli, il Cristo Crocefisso e la Madonna. Nella facciata che dŕ sul cortile interno si puň ancora ammirare un lacerto di ceramica raffigurante il Cristo Crocefisso con ai lati le due Marie.

 


Crist di tof

Propit sul cei da strade, che par vecjo ere une biele pedrade, insom da cleve a man çampe a si alce sů cheste antighe imagjine dal Crist in Crous scolpide di fonde fűr tal tof. Al ere chest e al č inmň voi un puest di passaç par chei ch’ai lave viers i Cjasâi o par cui ch’al imbrucje i trois dai prâts o dal bosc.

Il timp di sigűr al ŕ danegjât cheste opare artigjanâl ch’a puarte scolpide tal basament la date dal 1754. A č stade fate da Domenico Di Vora di Di Sot e ordenade e paŕde da Giacomo quondam Pietro Pitt. I nostis vecjos ai fasevin chescj segnâi di religjon in particolâr tas incrosadiças o ben tai passaçs da int in műt che il vouli atent di Chel che dut al viout al podes simpri garantî protezion; in cheste maniere encje un moment di pouse magari sot il peis di une cjame a davente ocasion di prečre.

Oltri che pai vîfs al ere chest un passaç obleât pai muarts dai Cjasâi; davant dal Crist il funerâl al si fermave, il preidi al meteve, sôre da cuete, il piviâl, chei ch’ai puartave la casse si davint il cambio e cuindi la pussision a tornave a inviâsi viers la gleisie.
 

Proprio sul ciglio della strada, che anticamente era tutta in acciottolato, al termine della salita sulla sinistra si erge questa antica immagine di Cristo in croce scolpita interamente nella roccia tufacea. Era questo allora e  oggi un luogo di passaggio per coloro che si recano nelle frazioni dei Casali o per chi imbocca i sentieri per i prati e per il bosco.

Il tempo ha danneggiato questo lavoro artigianale che porta scolpita nel basamento la data 1754. Č opera di Domenico Di Vora di Cercivento di Sotto commissionata e pagata da Giacomo fu Pietro Pitt. I nostri vecchi ponevano questi segnali di fede in particolare negli incroci o comunque nei luoghi di passaggio della gente in modo che l’occhio attento di Colui che tutto vede potesse sempre assicurare protezione; in questo modo anche un momento di riposo magari sotto il peso di un fardello diveniva un’occasione di preghiera.

Oltre che per i vivi, era questo anche un passaggio obbligato anche per i morti portati dalla frazione dei Casali; davanti al Cristo il funerale sostava un momento, il celebrante indossava il piviale sopra la cotta, coloro che portavano il feretro si davano il cambio e quindi la processione riprendeva il suo cammino verso la chiesa.

 


Cjasâi

Si pense che Cjasâi al veibi vűt plui int tai agns che il vecjo insediament di Cjavrěas al č stât tacât da peste. In cheste ocasion la int a ŕ bandonât Cjavrěas e Cjamarinus lant a rive cualchidun tai Cjasâi e alc a dâ vite a borgade di Çurçuvint di Sôre. Âtas versions as disin il contrari e cuindi bisugnares sgarfâ par ben tai vecjos documents par capî un pouc plui in sot la storie.

In ogni műt viers il 1200 a ven nomenade tas cjartas la vile di Cueste e cun ogni probabilitât si tratave di un mâs ch'al vegnive dât in afit e che cul timp al passave di propietât al fituari.

Torn il 1400 la vile di Cueste a č stade distrute da une pestilence. Vidâl, Fascin, Cjandelin e Cueste son chestas las borgadas che in ore di voi as formin chel che i claměn i Cjasâi. La tradizion orâl nus dîs che las fameas das borgadas nomenadas sôre vie ŕn cheste riunde: i Silverio da Tamau tal 1814 črin fituaris di terens a Cueste di propietât da famče Pitt di Conan, i Dassi di Ravoi propietaris das zonas di Cjandelin e da Giovelane e par finî i Pitt, si pense origjinaris da Inghiltere, propietaris di Fascin e Vidâl.

Si pensa che la frazione Cjasâi abbia avuto piů abitanti negli anni in cui il vecchio insediamento di Cjavrěas fu contagiato dalla peste. In quell’occasione gli abitanti abbandonarono Cjavrěas e Cjamarinus, una parte si trasferě nei Cjasâi e altri diedero vita alla borgata di Cercivento di Sopra. Altre versioni dicono il contrario e quindi sarebbe opportuna una attenta ricerca nei vecchi documenti per conoscere un po’ piů a fondo la storia.

Comunque attorno all’anno 1200 venne nominata la villa di Cueste che con ogni probabilitŕ era un maso dato in affitto che con il tempo passava di proprietŕ del fittavolo.

Verso il 1400 la villa di Cueste č stata distrutta da una pestilenza. Vidâl, Fascin, Cjandelin e Cueste sono queste le borgate che oggi formano l’abitato chiamato Cjasâi. La tradizione orale ricorda che le famiglie di queste borgate hanno la seguente origine: i Silverio di Timau nel 1814 erano fittavoli di terreni a Cueste di proprietŕ della famiglia Pitt di Conan, i Dassi di Ravoi proprietari delle zone di Cjandelin e Giovelane, e per finire i Pitt, si suppone originari dell’Inghilterra, proprietari di Fascin e Vidâl.

 


Maine di Vidâl

A č dedicade a Madone dal Rosari; a č stade fate tal 1892 da Pięri Della Pietra sul taren di Marie Pitt. In chę ocasion Siore Santule a veve encje donât a Madone i siei rincjins. La maine a č avonde grande, in muradure, cul tet in planele a trei spiovents. L’entrade a č a volt in tof lavorât e encje las dôs balconetas laterâls ŕn ju antî in tof; sul davant un piçul sotet e une piçule recinzion in muradure. A gjestre da entrade, dal műr a jes une pięre in tof lavorade pa l’âghe Sante, a çampe un’âte pięre cuntun tapon in fier pas ufiertas. La maine a presente di denti une biele volte a arc, un altarut cuntune nicje rigjavade ta pareit di foncj. Une statue in len ch’a mostre une Madone cul frut ch’a baline un sarpint nęri a č protegiude da une vereade. La statue a puarte la date 1893 e la scrite F.P.G.B.T. ch’a dovares volči dî Fate (da) Placereano Giuan Batiste da Tęse; a č stade ritocjade tal 1912, tal 1962 e viers la fin dai agns ‘90.

Č dedicata alla Madonna del Rosario; č stata costruita nel 1892 da Pietro Della Pietra sul terreno di Maria Pitt. In quell’occasione Siore Santule aveva anche donato alla Madonna i suoi orecchini. La cappella votiva č abbastanza grande, in muratura, con il tetto a tre spioventi con copertura in pianelle. L’entrata č ad arco in tufo lavorato ed anche le due finestre laterali hanno i riquadri in tufo; sul davanti c’č una piccola tettoia e una recinzione in muratura. A destra dell’entrata, dal muro sporge una pietra in tufo lavorato per l’acqua santa, a sinistra un’altra pietra con un coperchio in ferro per le offerte. La cappella presenta all’interno un bel soffitto a volta ed un piccolo altare inserito in una nicchia ricavata nella parete di fondo.

Una statua in legno raffigurante una Madonna con bambino che schiaccia un serpente nero č protetta da una vetrata. La statua porta la data del 1893 e la scritta F.P.G.B.T. che dovrebbe significare Fatta (da) Placereano Giovanni Battista da Tęse; č stata ritoccata nel 1912, nel 1962 e verso la fine degli anni ’90

 


Farie di Toni da Mite

Vecje farie ch’a a funsionât fintramai ai prins agns ’60; a doprave l’âghe dal Riu Barban. Las cjartas di une investidure par podei doprâ l’âghe as puartin la date dal 1850. In voi si pos viodi alc di ce ch’al č restât di cheste vecje farie.

Vecchia fucina che ha funzionato fino ai primi anni ’60; usava l’acqua del Rio Barban. I documenti di autorizzazione per l’utilizzo dell’acqua portano la data del 1850. Oggi si puň vedere solo parte di ciň che č rimasto della vecchia fucina.


Lavadôr di Riu di Sot

Al ere impuartant pa sô specifiche funzion ch’a dave la pussibilitât as feminas dal paîs di rosentâ i peçots cun plui comoditât cence scuignî lâ fintramai tas spuindas dal flum. No si pos dismenteâ la grande funzion sociâl ch’a ŕ avűt cheste struture: cetantas voltas cu las mans glaçadas las nostas nônas, mâris e sűrs rosentant e sbatint di vôe i peçots strafonts ŕn cjacarât, preât e cjantât insieme dutune cul cjant lisęr dal scori da l’âghe.

Sot di chest tet tantas feminas dal paîs ŕn dât sfôgo ai lôr problemas, al lôr marum, a lôr contentece.

Il lavadôr: testemoni fedęl e fidât di bacons di storie e di vite di dute la comunitât.

Era importante per la sua specifica funzione, considerato che dava la possibiltŕ alle donne del paese di risciacquare i panni con piů comoditŕ senza dovere andare fino alle sponde del fiume. Non si puň tralasciare anche l’importante funzione sociale rivestita da questa struttura: quante volte con le mani gelate le nostre nonne, madri e sorelle risciacquando e sbattendo i panni fradici hanno parlato, pregato e cantato assieme al leggero mormorio  dello scorrere dell’acqua.

Sotto questo tetto tante donne del paese hanno dato sfogo ai loro problemi, alla loro malinconia, alla loro felicitŕ.

Il Lavatoio: testimone fedele e fidato di pezzi di storia e di vita di tutta la comunitŕ.

 


Mulěn di Crôce

In Riu di Sot subit inbande da strade ch’a puarte a Monai a si cjate cheste piçule cjasute ch’a samę pierdisi tal vert atorn atorn. A si trate di un mulin a trei palments cun pestevuardi: al č l’unic ta alte Val Bűt a vei un pestevuardi (cu las muelas) cuntun funzionament une vôre particolâr, ma ch’al dave bogns risultâts tal scussâ il vuardi. Al č un mulin un grum vecjo e al č nomenât in documents dal 1700; al ŕ funzionât fintramai ai agns sessante. Al doprave las âgas dal Riu Barban e, par mieç di une rôe, encje di chęs da Gladegne. 

In Riu di Sot, proprio a lato della strada statale per Ravascletto, si trova questa piccola costruzione che pare quasi perdersi nel verde circostante. Si tratta di un mulino a tre palmenti con relativo pilaorzo; č l’unico nell’alto Bűt che possiede un pestino a mole il cui funzionamento, molto particolare, consentiva di ottenere ottimi risultati nella brillatura dell’orzo. E’ un mulino di antica costruzione, nominato in documenti del 1700; č stato in funzione fino agli anni sessanta. Utilizzava per il suo funzionamento le acque del Rio Barbano e, per mezzo di una adeguata roggia, pure quelle del torrente Gladegna