Givigliana: sul campanile i colori della speranza.

(di Annamaria Bianchi - immagini Valeria Romanin)


"A plouf a Gjiviano" di Celestino Vezzi
I trois di Ada di Gjiviano  di Celestino Vezzi

Parte dal campanile la sfida passato-futuro di Givigliana, piccolo paese abbandonato e non dimenticato di vecchie case di pietra e legno, incollate su un pianoro a 1200 metri di altitudine.
A vederlo,  passando dalla strada che transita per Rigolato, pare lass, irraggiungibile e in bilico su un ripidissimo fianco boscoso.
Non ricordo da quando, ma a un certo punto si cominci a dire che era talmente  ripida la montagna di Givigliana che quando le galline facevano le uova, queste rotolavano fino a valle.
E se il paesino pu sfuggire al tuo sguardo, non puoi fare a meno di notare il suo campanile. 400 persone o gi di l l'avevano costruito nel '51, come elemento isolato, ai tempi in cui Gjviano (Givigliana) era  la vita, le voci,  la mucca, il bosco, il fieno, il campo di patate, l'osteria, la chiesa, la famiglia e quel focolare tanto desiderato da chi ogni anno segnava il faticoso passo dell'emigrante.


 

 

 

Ma non solo legno e mura. In quattro sono rimasti nelle case, ostinate sentinelle dell'anima e dei colori di Givigliana, ad osservare da lass le stagioni che assopiscono o vivificano lo scenario naturale dell'Alta Val Degano.
Pieri Pinan ne il simbolo, appassionato e schietto conservatore di una lingua quasi scomparsa. Scrive in riguladot, (la sua parlata, pare la pi antica del Friuli), delle chiese della valle; esegue fedeli miniature degli oggetti creati  dalle mani dell'uomo per lavorare, attrezzare e abbellire la casa, (su questo sito di Pieri Pinan il testo della pagina sulla Pieve di Gorto).

E tutti gli altri? Il progresso, la fame, la miseria, il lavoro che non c'era o che non bastava, li hanno portati uno dopo l'altro gi in Friuli e all'estero.
 

 


 

Eppure Gjviano, con la forza e la volont di chi la ama, ha fatto riapparire sulle alte pareti del  campanile i suoi abitanti di allora, uomini e donne: falegnami, contadini, boscaioli, cramrs con la crame sulla schiena, carica di stoffe o spezie da vendere nelle Austrie e le donne, tutte con la gerla, inseparabile contenitore di lavoro, fatiche e gioia. E la Portatrice Carnica lass in cima.

 

     
 


L'iniziativa, scaturita dai pochi abitanti e dagli originari del paese, col proposito non solo di riqualificare il campanile, o fissare sul muro doverose "immagini della memoria", ma attraverso  questa scelta originale, poter anche richiamare l'attenzione di turisti e amanti dell'arte, fino ad auspicare la creazione di "un villaggio per artisti".
Il concorso "Sos Givigliana" alla fine stato vinto dal pugliese Mimmo Alfarone, che ha decorato le tre facciate figurative, e da Arrigo Buttazzoni di Spilimbergo che ha dipinto la parete astratta.

Lo scorso 12 ottobre sotto la pioggia la festa d'inaugurazione dell'unico campanile in Europa totalmente affrescato, a cura dell'attivissimo comitato guidato da Claudio Pittin.
C'erano le autorit e 500 persone delle quali molte originarie di Givigliana, i fuochi d'artificio, gli "
scampanotadors" di Cassacco, Gigi Maieron e il Coro di Givigliana.

 

 

 

 

 

Qui di seguito la cronaca di Celestino Vezzi:

 

A plouf a Gjiviano, ma la terace cha vier il so balcon su pa Valade di Guart a si emple di int. Las fumatas as cjarecin las monts atorn atorn tant che la not plan planin a displee la s penge e nre coltre. Il cjampanl al a tal so puest cu la mundure di fieste e un vl blanc lu invuluce dibot dal dut lassant fr dome i volts das cjampanas che motas da mans espertas as sbarnicin il lr son di ligrie.

A ligrie a Gjiviano usnot encje sa plouf, al un moment impuartant parceche dongje dal tor chal conte la storie di chest paisut a torne a nasci la sperance pal doman.
E si sint cheste emozion, si la palpe ta larie, si la lei tas msas da int, inm di plui si palse tal  carateristic cjacar dai Gjivianots cha no n volt mancj a chest moment.
I vi son pontts viers la spice di chel tor cha si  piert tal scr da not. Une pueme a met a tasei il sunsr contant la storie di cheste matedt: j trime dispes la peraule tal cir di gloti i sintiments che cun prepotense ai voressin fsi strade. Al suceit compagn encje a Claudio Pittin, anime e motr cence poste di cheste iniziative uniche tal so gjenar.
A cole la ple ta piule place di Gjiviano tant che il vl blanc al dispe biel plan las pareits dal tor lassant in biele mostre las pituras dai doi artiscj Arrigo Buttazzoni e Mimmo Alfarone.
Dal Coro di Gjiviano al nas dal cr e al si spant Vivo, vivo Gjiviano tant che un batiman fuart, sintt, al rosone ta valade; cualchi man al se agrimas in libertt o gotas di ple dispetosas
Al simpie il grant ferl chal met in ls in dute la s bielece il tor di Gjiviano vistt a nf.
Ta chei disegns la storie di un paisut che nol vl mur: grandas figuras di oms as cjaminin viers la place cui lr imprescj di lavr, ai son i menaus i boscadrs chai clamin a memorie las ricjecjas dal bosc aministradas dai Gjivianots. E po inm di unte bande aitis oms cu la crassigne pa schene: ai son i cramrs chai n girt il mont fasint plui o mancul fortune cence mai dismente las rads. Ta pareit a cjal la mont dai lrs sudrs a son las feminas cu la lr cjame: figuras che in ogni timp n savt regi las fameas e la vite dai pas da Cjargne.
Ta piture cha cuche j la valade al Gjiviano di doman.
E Gjiviano di doman al achi usnot ta cheste place, dutune cun chs cinc personas che son simpri a cass a tign vierte la puarte.
E la ve di f vivi Gjiviano a in dut i Gjivianots cunsidert che par d flt e fuarce a cheste matedt n rispuindt in tancj mris, pris, fs, fradis, srs, nevouts, cusins cha no n n podt n volt d di no a chl fl invisibil che ju pee as rads.
E il cjampanili a dome une scse, a inm la vecje scuele, a la vecje canoniche, a lghe buine, a son las monts, larie fine...
E alore il progjet al pos cjap il svual e d flt a cjase dul podei studi las variants dialetls dal furlan, al museu dai imprescj e dai ogjets di valr, al pas dai artiscj, a scune da salt al doman.
Su chel tor a la storie di un paisut chal savt tign dr; chel tor al nasst da buine volontt dai Gjivianots, come la biele sale sotvie dul chai si cjate in fieste, come il grop corl che da vincjecinc agns a puarte Gjiviano pal mont, come e si podares l indavant.
Il tor: la sperance dal Gjiviano di doman par che il pas al torni a cjap vite cu la buine volontt da int cence pierdi identitt, lenghe e dignitt.

 

                                                                                                                   Celestino Vezzi

 


Se non sar questo il primo atto di un vero ritorno a Gjviano, e se il progetto di rivitalizzazione del paese avr tempi lunghi e non sempre facili, pur vero che anche qui e nella stampa se ne parlato. Forse  si aggiunger qualcun altro che voglia dare una mano a questo progetto che coinvolge l'Amministrazione Comunale di Rigolato, La Comunit Montana, la Provincia e la Regione.
 

 

Givigliana non sar solo una vecchia porta chiusa o il ricordo delle uova di gallina che rotolano gi, ma l'orgoglio del piccolo paese di montagna che respira ancora fra i  boschi. Dal campanile il forte simbolo di tutto questo: la "voce" dello sguardo di tutti i suoi abitanti.
 

Annamaria Bianchi

 

I trois di Ada di Gjiviano

 

Tante int sabide 26 in chel di Gjiviano a f fieste a Ada in ocasion da publicazion dal so gei di poesias intitult Trois dal isi. Cuarante cinc pagjinas, insioradas da bielas fotografias di Gjno Del Fabbro, cha si viergin cul pinsr dal Sindic di Rigult e cu la sintude presentasion di Maria Tore Barbina. 

Cuarante cinc pagjinas di pinsrs, riflescions, sfogo da lanimo, scrits semplis: cuss si lei tas cuatri rias che Ada a mett ju intal preambol.

Ada a si presente inta s scletece, ta s naturl gjenuinitt cu la s grande passion pa cjere chj dt la vite e cu la s timidece.

Ada a une persone uniche: disponibil, gracise, riguardse, plene di bon cr, sensibil.

Ada a peade a strent cui valrs supts da fame e da cjere di Cjargne, valrs che ai fasin di jei une persone atente, cha vf di sintiments e cui sintiments e che a sa d impuartance encje as piulas roubas di ogni d.

Cuss il so passon tal mont di r e di voi al plen incolm di tantas roubas da viodi, da scolt, da cer, da volei bon, da gjoldi.

E Ada nus invide a l un tic plui in l di ce cha si viout, a l un pouc plui in sot tal nosti jessi par cjat il poc par l indavant, i valrs taponts dal sisteme di vite di voi: Cr cjato la fuaro tal t si ğoven -  tu vinars. Supero lintp - e la vito e sar t - e lu mont al sar to.

Ada nus pant encje il mont di une Cjargne di r tal rispiet di une int cha sudt, lavort e pouc gjoldt: Femeno cjargnelo di un ti timp di te nomo lu riguart a l restt: - fazalt stret atr dal cjf vietos largjos e lungjos fin da p a plat ce cu Dio cj vevo regalt e nom a un timp tu s svelt

Tal biel lenga cu las variants in o Ada a cjante la s cjere propit come cha fs cuant cha preste la vous al Grop Corl Gjiviano, mett inps encje da jei, a la cjante cul cr parceche a vf cul cr ce cha scrf e a scrf cul cr ce cha vf.

E il so scrivi sempli lu sintn nosti encje se nou no simpri i sin bogns come jei di d ls e colrs al cudri da vite: Cudri di vito guai sa nol fs: - ognun  lu so cudri un pont da riv; - mi fuarci di par di di segn lu gno cudri: - mi sint uno furmiuto che peto e met a cui dal nasci dal di a cuant chi voi a durm como tl te foreto nro vors riv insom cenčo si pescjado.

 

Celestino Vezzi

 

Trois dal isi Ada Bottero Zanier pp. 45 -  Ottobre 2002 - Tipolitografia Graphis - Fagagna