Sauris: Zahre


 

La comunitāt etno-lenghistiche
di origine todescje di Sauris

La comunita'ą etno-linguistica
di origine tedesca di Sauris


 

(di Renzo Balzan)



 

furlan   

italiano   




(Fotografie  -  per gentile concessione  -  di Igino Durisotti,
pubblicate sul volume Sauris-Zahre-Immedia Editrice1999)


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  La comunitāt etno-lenghistiche di origine todescje di Sauris

Il cumun di Sauris (Zahre te fevelade alte-todescje locāl), logāt te Val dal Lumiei in Alte Cjargne, tra lis comunitāts etno-lenghistichis di divignince todescje de mont furlane e ja la plui piēule, 'e ą justeapont 470 abitants.

    Il cumun al č disponūt tra i 950 metris sul nivel dal mār de frazione La Maine e i 1400 metris di Sauris di 'Sore/Oubrzahre;  in pozion intermedie si cjate impen Sauris di 'Sot/Untrzahre, dulą ch'e je ancje logade la sede dal cumun. Mentri Lateis/Latais al č pojāt sun tun splaē sorevie il lāt creāt par alimentā lis centrāls idroeletrichis Sade/Enel. Tes cuatri frazions si fevele cu la midiesime facilitāt il furlan (cjargnel), il talian e la marilenghe saurane, ossei il zarischen sproche; anzit ce ch'al smaravee il forest al č passaē dai saurans dal zarischen-sproche al furlan o l'incontrari, opūr dal talian al zarischen-sproche, cence une aparģnt reson, forsit cence nancje incuargisi dal mudament lenghistic davuelt.

    Il grant fūc dal 1758, ch'al a distrłt la plui part da l'archivi parochiāl di Sauris di 'Sore, al č ridusūt in cinise ancje numarōs documents riviardants lis originis de comunitāt saurane. Cundutachel i doi documents plui antīcs rivuardants il paīs, un datāt 1280 e chel ātri 1306, si cjątin mutivāts tra lis "Notizie storiche della Carnia"   di Pio Paschini. Tal prin si ą iniment un Averard di Soclźf ch'al ricognņs di vź vūt in donazion de Glesie di acuilee un feud "in Contratta de Sauris". Tal secont, chel dal 1306, si ą iniment che un Nicolņ Adraborźt di Sauris al oten dal Patriarcje di Acuilee l'inviestidure di un mās in "villa de Plazas in loco qui dicitur Sauras". Inmņ tun ātri document dal 1328, vūt iniment dal storic, pre Luīs Lucchini, si cjate testemoneāt che a chel timp te Val dal Lumiei e esistevin bielzą dōs glesiis: une dediade a San  Sualt e chź ātre a Sal Laurinē.

    Dal sigūr la vignude dai prins abitants di divignince todescje a Zahre e scugne jessi pensade denant des datis vudis iniment denant trat. Une liende popolār e conte che doi soldāts o cjaēadōrs, divignints de Germanie, a vignģrin a parāsi in cheste valade par scjampā a un passāt di vuere e di miserie. Cheste version su l'origin de comunitāt saurane e lasse plui di cualchi dubi parvie che no je sapontade di nissune documentazion storiche.

    Simpri su l'origin di Zahre, il professōr Norman Denison, zą diretōr dal Institūt lenghistic da l'Universitāt di Graz, ch'al ą vūt cognossūt a fons la realtāt saurane vģnt fat sun chest cont studis e ricercjis di caratar glotologic par agns a dilunc, al sclarģs tai siei scrits ch'al č probabil che l'origin dai abitants di cheste val e sedi la istesse di chź dai abitants di Sapade (Plodn par todesc sapadģn) e di ātris comunitāts etno-lenghistichis di espression todescje ladis stanziāsi te Slovenie disore dal dģ di vuź. Tant a dī che chestis popolazions a saressin divignudis da un teritori che si cjate al cunfin tra la Carintie e il Tirōl. Il timp di chestis emigrazions, scrupulāt su elements storics e lenghistics, al po’ jessi stabilīt tra i secui diesim-secont e diesim-tierē.

    Daspņ vź contāt ancje 900 abitants, in dģ di vuź Sauris, cemūt che si ą vūt iniment, e je restade cun 470 abitants. Cui ch'al ą une cierte etāt al dopre inmņ tai rapuarts interpersonāi la marilenghe. Par chel che s'inten i zovins, unevore al dipent dal ambient familiār. In generāl si po’ dī che il zarischen-sproche al č capīt der majorance de popolazion. A chest al va zontāt che tes locāls scuelis elementār e materne, zą di un pōs di agns si insegne ancje la culture locāl e la fonde dai elements de fevelade saurane.

    A Sauris al č atīf un grop corāl "Zahre" fondāt da pre Guido Manfredo, par cetancj agns plevan dal paīs. Cheste corāl e propon cjants par sauran, todesc, furlan e italian, e 'e davuelē une preseōse ativitāt di ricercje e di valorizazion dal patrimoni di cjants popolār de val. Impuartant e je purpūr la presince di un dal circul culturāl "F. Schneider", ch'al puarte il non di un sauran inlustri, ch'al ą fat cetant pe conservazion dal patrimoni culturāl e tradizionāl locāl. Inmņ, si publiche il "Der Zahre Reident" (Sauris al fevele), un bolčtin parochiāl ch'al rapresente il spieli fedźl de realtāt saurane, e ch'al publiche ancje contribūts par zarischen-sproche. Ultime instituzion, unevore impuartante par cheste comunitāt, e je stade la realizazion di un museu etnografic.

    La cunumie di Sauris tai timps passāts e jere sore il dut agricule, mentri vuź e fās cont massime sul turisim, ma al esist ancje un modern stabiliment ch'al prodūs un persłt e un speck innomenāt, e une tiessidure artistiche artesane. Ātris piēulis impresis a son impegnadis tai setōrs edil, boschīf e de produzion di energie  a traviers des centralinis idroeletrichis. Par chest Sauris al po’ svantāsi di no vź nancje un disocupāt.

 


 



 Il Coro di Sauris del 1981


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La comunitą etno-linguistica di origine tedesca di Sauris

Il comune di Sauris (Zahre nella parlata tedesca locale), localizzato nella Valle del Lumiei in alta Carnia, tre le comunitą etno-linguistiche di origine tedesca della montagna friulana  č la pił piccola e conta per l'appunto appena 470 abitanti.

L'insediamento si trova distribuito tra i 950 m. sul livello del mare della frazione di La Maina e i 1400 m. di Sauris di Sopra (Oubrazahre); in posizione intermedia si trova invece Sauris di Sotto (Untrzahre), sede del comune. Mentre Lateis (Latais) č ubicato a monte dell'invaso artificiale di La Maina. Nelle quattro frazioni, innanzi menzionate, si parla con la medesima facilitą il friulano (carnico), l'italiano e la madrelingua saurana, ovvero il zarischen sproche; anzi ciņ che colpisce talora il forestiero č il repentino passaggio dei valligiani dallo zarischen sproche al friulano o viceversa, oppure dall'italiano allo zarischen sproche, senza apparente motivo, forse anche senza nemmeno accorgersi del salto linguistico.

    L'incendio del 1758, che distrusse l'archivio parrocchiale di Sauris di Sopra, ridusse in cenere anche numerosi documenti riguardanti le origini della comunitą saurana. Non di meno i due documenti pił antichi riguardanti il paese, uno datato 1280 e l'altro 1306, si trovano citati tra le "Notizie storiche della Carnia", di Pio Paschini. Nel primo si cita un Averardo di Socchieve che riconosce di avere avuto in assegnazione dalla Chiesa di Aquileia un feudo "in Contratta de Sauris". Nel secondo, quello del 1306, si ricorda che un Nicolņ Adraboretto di Sauris ottiene dal Patriarca di Aquileia l'investitura di un manso (maso) in "villa de Plazas in loco qui dicitur Sauras". Ancora in un altro documento del 1328, citato dal sacerdote Luigi Lucchini, si asserisce che a quel tempo nell'alta valla del Lumiei esistevano due chiese: una dedicata a S. Osvaldo e l'altra a S. Lorenzo.

 

    Certamente l'insediamento dei primi abitanti di parlata tedesca a Zahre doveva essere anteriore alle date citate. Una tradizione popolare dice che due soldati, o cacciatori, profughi dalla Germania, si stanziarono in questa vallata per sottrarsi ad un passato di guerra e di miseria indicibile.  Questa versione sull'origine della comunitą saurana č molto dubbia e per giunta priva di qualsiasi documentazione storica.

    Sempre sull'origine di Zahre, il professor Norman Denison, gią direttore dell'Istituto linguistico dell'Universitą di Graz, che conosce a fondo la realtą saurana, avendo fatto al riguardo lunghi studi e ricerche di carattere etno-lingistico, chiarisce nei suoi saggi che č probabile che l'origine degli abitanti di questa valle sia la medesima di quella degli abitanti di Sappada (per tedesco sappadino Plodn) e di altre comunitą etno-linguistiche di espressione tedesca andate a stanziarsi nell'attuale Slovenia. Cioč a dire queste genti sarebbero venute da un territorio che si trova al confine tra la Carinzia ed il Tirolo. Il tempo di queste emigrazioni, supposto su elementi storici e linguistici, puņ essere collocato tra i secoli dodicesimo e tredicesimo.

    Dopo aver contato anche novecento abitanti, attualmente Sauris, come si č gią accennato, ne annovera solamente 470. Chi ha una certa etą usa ancora nei rapporti interpersonali la madrelingua. Per quanto attiene invece i giovani, molto dipende dall'ambiente familiare. In generale si puņ affermare che lo zarischen sprochen č compreso dalla maggioranza della popolazione. A questo va aggiunto che nella locale scuola elementare da alcuni anni si insegna anche cultura locale ed alcuni elementi della parlata saurana.

    A Sauris č attivo il gruppo corale "Zahre" fondato da don Guido Manfredo, per lunghi anni parroco del paese. Questo coro propone canti in saurano, tedesco, friulano ed italiano, e conduce una preziosa attivitą di ricerca e di valorizzazione del patrimonio di canti popolari della valle. Importante č pure la presenza del circolo culturale "Fulgenzio Schneider", che porta il nome di un saurano illustre, che ha molto operato per la conservazione del patrimonio culturale e tradizionale locale. Si pubblica inoltre il "Der Zahre Reident" (Sauris Parla), un bollettino parrocchiale che rappresenta lo specchio fedele della realtą saurana, e che pubblica anche contributi in zarischen sproche. Ultima istituzione, veramente importante per questa comunitą, č stata la realizzazione di un museo etnografico.

    L'economia di Sauris, un tempo prevalentemente agricola, ora punta essenzialmente sul turismo, ma esiste anche uno stabilimento che produce dei rinomati prosciutti e speck, ed una tessitura artigiana. Altre piccole imprese operano nei settori edile, boschivo e della produzione di energia elettrica con l'ausilio delle centraline idroelettriche. Sauris č uno dei pochi comuni della regione dove non esiste nemmeno un disoccupato.