Michele Gortani



 

 


 Michêl Gortani : il cjargnel che vuê nus mancje
   (di Renzo Balzan)

Tumieç - Ai 24 di zenâr stât a son colâts juste i cuarante agns che al è muart il grant cjargnel, Michêl Gortani.

    Gjeolic, naturalist, docent intes universitâts a Pise, Cagliari e Bologne, deputât liberâl democratic pe Cjargne dal 1913 al 1919, deputât democristian ae Costituent, senatôr dal 1948 al 1953,  al jere nassût a Lugo, in Galizie ai 16 di zenâr dal 1883. Fi di Luîs, si laureà tal 1904 in siencis naturâls e al insegnà gjeologjie in siet universitâts. Al è stât il maiôr studiôs talian dal paleozoic cjargnel; in so onôr une famee di fossii e à il non di “Gortanella”. In passe sessante agns di ativitât sientifiche, al dè aes stampis plui di 300 lavôrs. Dal 1912 al 1955 al direzè il “Giornale di geologia”. Al colaborà ae “Enciclopedia italiana”. Al è stât president de Societât alpine furlane dal 1945 al 1947, de Societât filologjiche furlane dal 1945 al 1948 e academic dai Lincei. Tal 1959 i vignì conferide la dignitât di professôr emerit. Inmò, al curà la publicazion dal cuint volum de “Guida del Friuli, Gorizia con le valli dell'Isonzo e del Vipacco”, vignude fûr a Udin tal 1930. Al fondà l'Istitût talian di speleologjie e il Museu des arts e des tradizions popolârs di Tumieç. Tal 1964 al à ricevût il Premi Pifanie di Tarcint. Al è muart, cemût che si à vût iniment denant trat, a Tumieç ai 24 di zenâr dal 1966.

    Se e je stade impuartant l'ativitât di studiôs e di sienziât par Michêl Gortani, ancje tant impuartante e je stade la sô figure sul plan politic. Une ativitât che e à lassât une ereditât cetant impuartante inte vite de Cjargne dal secul vincjesim. Doi libri, soredut, a sclarissin i diviers aspiets di cheste sô ativitât: “Michele Gortani” di Ermes Dorigo (edizions Studio Tesi di Pordenon - 1993), e “Michele Gortani e l'attività assistenziale a favore dei profughi carnici 1917/1919” di Anna Paola Peratoner (edizion par cure dal Museo Carnico delle Arti Popolari di Tumieç - 2004). Doi i passaçs impuartants de azion di Gortani par cjatâ la fate ai problemis de mont “…une regjon dulà che e loghe int laboriose, culumiose, pazient, salde; che in cidin e lavore e in cidin e paidìs tra contrarietâts di teren e di clime; che e refude il disordin, lis balfueriis e lis dimostrazions di place (1947)”, o sei la istituzion tal 1928 de associazion Pro Carnia, e tal 1946 (ai 20 di mai) de “Libera Comunità Carnica”, po Comunità Carnica. Ai 12 di jugn 1947 Michêl Gortani al ven elet president de Comunitât Cjargnele, cariche al al rezarà fintremai ae muart tal 1966. A chest impegn al dedicà grant part des sôs energjiis, cu la consuete passion e dedizion, e cun entusiasim, nonostant l'etât, par vie che al viodeve realizâsi un sium a lunc prudelât dentri il so anim.

    Cussì al scrivarà Gortani inte “Relazione dell'opera svolta dalla Comunità Carnica nel primo decennio di vita” tal 1956: “Tai prins timps di vite, ae Comunitât Cjargnele, metude adun de adesion di 24 Comuns (po si zontaran chei altris cuatri e sîs dal Cjanâl dal Fier Val Cjanâl) e dal Consorzi Boscs Cjargnei,  si imponerin cuestions une vore grâf, conseguence direte des disastrosis vicendis de vuere. La Cjargne e jere jessude cetant acanade. Par agns indebolidis de fan e dai stents lis popolazions; savoltâts e brusâts intîrs paîs; copât la plui par dal besteam; devastâts i boscs ; bandonadis lis stradis, ridusude dibot a nuie la nassint industrie turistiche; bandonade l'istruzion professionâl e cun jê l'adestrament al lavôr dai zovins. E disocupazion slargjade. A ducj chescj mâi, la Comunitât Cjargnele, superadis lis prin dificoltâts, e cirì di procurâ rimiedis valents.”

    A chest impegn in sede locâl, si zontarà chel, ancjetant impuartant, a Rome, come deputât prin e come senatôr daspò. Al conte sun chest cont il mestri Emili Di Lena: “Tal Palaç di Montecitorio ai 13 di mai dal 1947 si dibat in aule l'articul 41 de Cjarte Costituzionâl: L'on. Gortani insiemit a altris deputâts, no sodisfats dal test concuardât, al insist parcè la Costituzion e cjapi dentri un riferiment palês ae montagne”. Chest emendament al deventarà l'articul 44 de Costituzion: “…la legge dispone provvedimenti in favore delle zone montane”.

    Ancje par chel che al inten il probleme des aghis de Cjargne, fatis sparî dai flums par podê realizâ lis centrâls idroeletrichis di Dimpeç e Somplât, (viôt “Fatti e misfatti S.A.D.E. - E.N.E.L. in Carnia” di L. Zanier - Ribis 1981)  Gortani di chel gjeolic che al jere al capì che si stave realizant un vêr disastri ambientâl. Cussì al vè mût di dî “…i cjargnei a varan cumò lavôr (come operaris intai cantîrs de Sade) e cualchi benefici, si acuarzarês dut câs plui indenant dai dams e des conseguencis che a vignaran ae vuestre val”. Conseguencis che a pesin inmò vuê, ancje se al semee che il font nol sedi stât inmò tocjât, co si vûl realizâ in chestis vals eletrodots e altris infrastruturis che finiran cul meti in zenoglon l'ambient.

    Ma, magari cussì no, lusôr di sorte no sin viôt, propit cumò che ca sù al coventarès un altri Michêl Gortani.


 

Michele Gortani : il carnico che oggi ci manca

 

    Lo scorso 24 gennaio sono trascorsi quarant'anni da quando è deceduto il grande carnico Michele Gortani. Geologo, naturalista, docente nelle università di Pisa, Cagliari e Bologna, deputato liberal democratico per la Carnia dal 1913 al 1919, deputato democristiano alla Costituente, senatore dal 1948 al 1953, era nato Lugo, in Galizia il 16 gennaio del 1883. Figlio di Luigi, si laureò nel 1904 in scienze naturali ed insegnò geologia in sette università. È stato il maggior studioso italiano del paleozoico carnico; in suo onore una famiglia di fossili porta il nome di “Gortanella”.  In più di sessant'anni d'attività scientifica, ha dato alle stampe più di 300 lavori. Dal 1912 al 1925 ha diretto il “Giornale di geologia”. Collaborò alla redazione dell' “Enciclopedia italiana”. È stato presidente della Società alpina friulana dal 1945 al 1947, della Società filologica friulana dal 1945 al 1948 e accademico dei Lincei. Nel 1959 si è vista  conferire la dignità di professore emerito. Da menzionare ancora che curò la pubblicazione del quinto volume della “Guida del Friuli, Gorizia con le valli dell'Isonzo e del Vipacco”, edita a Udine nel 1930. Ha fondato l'Istituto italiano di speleologia ed il Museo delle arti e delle tradizioni popolari di Tolmezzo. Nel 1964 ha ricevuto il Premio Epifania di Tarcento. È deceduto, come si è precedentemente accennato, a Tolmezzo il 24 gennaio 1966.

    Non di meno se è stata importante l'attività di studioso e di scienziato per Michele Gortani, altrettanto importante e stata anche la sua figura sul piano politico. Un'attività che ha lasciato un'eredità molto significativa nelle vicende della Carnia del secolo ventesimo. Due libri, soprattutto chiariscono i diversi aspetti di quest'attività: “Michele Gortani” di Ermes Dorigo (edizioni Studio Tesi di Pordenone - 1993), e “Michele Gortani e l'attività assistenziale a favore dei profughi carnici 1917/1919” di Anna Paola Peratoner (edizione a cura del Museo Carnico delle Arti Popolari di Tolmezzo - 2004).Due i passaggi importanti dell'azione di Gortani per dare una soluzione ai problemi della Montagna “…una regione dove abita gente laboriosa, parsimoniosa, paziente, salda; che in silenzio lavora e in silenzio soffre tra difficoltà di terreno e di clima; che rifiuta il disordine, la confusione e le dimostrazioni di piazza (1947)”, vale a dire l'istituzione nel 1928 dell'associazione Pro Carnia, e nel 1946 (il 20 maggio) della “Libera Comunità Carnica”, poi Comunità Carnica. Il 12 giugno 1947 Michele Gortani viene eletto presidente della Comunità Carnica, carica che conserverà fini alla morte nel 1946. A quest'impegno dedicò gran parte delle sue energie, con la consueta passione e dedizione, e con entusiasmo, nonostante l'età avanzata, anche perché vedeva realizzarsi un sogno a lungo perseguito.

    Così scriverà Gortani nella “Relazione dell'opera svolta dalla Comunità Carnica nel primo decennio di vita” nel 1956: “Nei primi anni di vita, alla Comunità Carnica, composta di 24 Comuni (poi si aggiungeranno gli altri quattro della Carnia e i sei del Canal Ferro Val Canale) e del Consorzio Boschi Carnici, s'imposero problematiche molto gravi, conseguenza diretta delle disastrose vicende della guerra, dalla quale la Carnia e uscita molto prostrata.  Indebolite da anni di fame e di stenti le popolazioni, abbandonate le strade, ridotta praticamente a niente la nascente industria turistica; abbandonata l'istruzione professionale e con lei l'addestramento al lavoro dei giovani, ed inoltre la presenza una disoccupazione diffusa. A tutti questi mali, la Comunità Carnica, superate le prime difficoltà, ha cercato di porre rimedio”.

    Lo scorso 24 gennaio sono trascorsi quarant'anni da quando è deceduto il grande carnico Michele Gortani. Geologo, naturalista, docente nelle università di Pisa, Cagliari e Bologna, deputato liberal democratico per la Carnia dal 1913 al 1919, deputato democristiano alla Costituente, senatore dal 1948 al 1953, era nato Lugo, in Galizia il 16 gennaio del 1883. Figlio di Luigi, si laureò nel 1904 in scienze naturali ed insegnò geologia in sette università. È stato il maggior studioso italiano del paleozoico carnico; in suo onore una famiglia di fossili porta il nome di “Gortanella”.  In più di sessant'anni d'attività scientifica, ha dato alle stampe più di 300 lavori. Dal 1912 al 1925 ha diretto il “Giornale di geologia”. Collaborò alla redazione dell' “Enciclopedia italiana”. È stato presidente della Società alpina friulana dal 1945 al 1947, della Società filologica friulana dal 1945 al 1948 e accademico dei Lincei. Nel 1959 si è vista  conferire la dignità di professore emerito. Da menzionare ancora che curò la pubblicazione del quinto volume della “Guida del Friuli, Gorizia con le valli dell'Isonzo e del Vipacco”, edita a Udine nel 1930. Ha fondato l'Istituto italiano di speleologia ed il Museo delle arti e delle tradizioni popolari di Tolmezzo. Nel 1964 ha ricevuto il Premio Epifania di Tarcento. È deceduto, come si è precedentemente accennato, a Tolmezzo il 24 gennaio 1966.

    Non di meno se è stata importante l'attività di studioso e di scienziato per Michele Gortani, altrettanto importante e stata anche la sua figura sul piano politico. Un'attività che ha lasciato un'eredità molto significativa nelle vicende della Carnia del secolo ventesimo. Due libri, soprattutto chiariscono i diversi aspetti di quest'attività: “Michele Gortani” di Ermes Dorigo (edizioni Studio Tesi di Pordenone - 1993), e “Michele Gortani e l'attività assistenziale a favore dei profughi carnici 1917/1919” di Anna Paola Peratoner (edizione a cura del Museo Carnico delle Arti Popolari di Tolmezzo - 2004).Due i passaggi importanti dell'azione di Gortani per dare una soluzione ai problemi della Montagna “…una regione dove abita gente laboriosa, parsimoniosa, paziente, salda; che in silenzio lavora e in silenzio soffre tra difficoltà di terreno e di clima; che rifiuta il disordine, la confusione e le dimostrazioni di piazza (1947)”, vale a dire l'istituzione nel 1928 dell'associazione Pro Carnia, e nel 1946 (il 20 maggio) della “Libera Comunità Carnica”, poi Comunità Carnica. Il 12 giugno 1947 Michele Gortani viene eletto presidente della Comunità Carnica, carica che conserverà fini alla morte nel 1946. A quest'impegno dedicò gran parte delle sue energie, con la consueta passione e dedizione, e con entusiasmo, nonostante l'età avanzata, anche perché vedeva realizzarsi un sogno a lungo perseguito.

    Così scriverà Gortani nella “Relazione dell'opera svolta dalla Comunità Carnica nel primo decennio di vita” nel 1956: “Nei primi anni di vita, alla Comunità Carnica, composta di 24 Comuni (poi si aggiungeranno gli altri quattro della Carnia e i sei del Canal Ferro Val Canale) e del Consorzio Boschi Carnici, s'imposero problematiche molto gravi, conseguenza diretta delle disastrose vicende della guerra, dalla quale la Carnia e uscita molto prostrata.  Indebolite da anni di fame e di stenti le popolazioni, abbandonate le strade, ridotta praticamente a niente la nascente industria turistica; abbandonata l'istruzione professionale e con lei l'addestramento al lavoro dei giovani, ed inoltre la presenza di una disoccupazione diffusa. A tutti questi mali, la Comunità Carnica, superate le prime difficoltà, ha cercato di porre rimedio”.