Pianeta uomo

 (foto Segalla)

  purcitār : dal friulano purcit, maiale, dal latino medioevale, purcittus 
         con l'aggiunta desinenziale in arius.  
                                                                   

   "Ammazzare il maiale"  
 Germana Carbognani 

 "A Sant'Andree il purcģt su la bree"
 Renzo Balzan

   
In "Un grande mondo di donne" Germana, lontana dal paese di origine, Pradiscjās,   raccoglie in frammenti della memoria  persone, immagini, emozioni nella ricerca del contesto storico della propria identitą femminile.

"Ammazzare il maiale" 

"Non ho mai mangiato niente di pił cattivo, di pił nauseabondo delle unghie di maiale cotte su un fuoco di stecchi: Credo che la mania di accendere fuocherelli e starli a fissare imbambolati sia vecchia come il mondo.
A me piaceva il fumo acre che si levava dai "stņcs" del granoturco nei campi, d'autunno. Cercavo intorno ai falņ qualche pezzetto di canna forata per riempirlo di foglie e fumarlo, inebriata pił dal tirare a pieni polmoni da quel sigaro puzzolente, che dal coraggio di tenerlo in bocca.
Ammazzare il maiale era mille volte pił importante che andare a scuola. Era una giornata di festa, d'allegria. Qualche volta ai primi d'autunno c'era gią la neve. Di buon'ora si levava il grido dei porcelli sgozzati: quello della Gjenovefe, quello della Basilie o della Luzione. Mai pił di uno alla volta.

Il "purcitār", il norcino, era un uomo mite che viveva con la madre e mungeva le mucche nella sua stalla quando noi andavamo a dottrina. Lo chiamavano casa per casa, dopo ingrassato coi "beverōns" il maiale comprato lattonzolo al mercato di Santa Lucia, a insaccare per l'inverno la provvista di carne sostanziosa e saporita: carne da polenta, da radicchio peloso che il soffritto di "visčs" ammorbidiva. Doveva durare fino a tarda primavera, all'apparire dei primi germogli nell'orto, al lesso di Pasqua, ai primi tepori d'aprile che scaldavano anche senza le carni robuste della mensa invernale.
Veniva gił il Modest di buonora col coltello grande affilato per incidere subito e bene. Stendevano il maiale, in quattro, dopo averlo ammansito coi "gnos, gnos" nell'orecchio, quasi a raccontargli la fola infida dell'uomo che si fa amico.
Tradito e con le narici frementi il porco non tirava neanche il fiato che gią il coltello lo sgozzava. Gli uscivano gli ultimi urli coi fiotti di sangue che le donne raccoglievano nel secchio. Restava lģ, con le ciglia biondicce irte sui brutti occhietti offuscati mentre cominciava la festa. Tutta la tragicitą del momento di morte sfumava nell'affaccendarsi delle donne attorno al secchio. Il sangue andava sbattuto presto prima che si rapprendesse e nella foga grosse gocce schizzavano a infiorare la neve intorno. Era giorno d'abbondanza. I pentoloni dell'acqua, che serviva per raschiare le setole dure, fumavano accanto alla "brovade" di rape, stagionata nei tini con gli avanzi fermentati della vendemmia, alle patate carniche dalla buccia ruvida in attesa dei primi "muséz", i cotechini, appena spolpati dalla carcassa sanguinolenta.
Portavano la bestia su un panchetto e la spellavano, docile, coi secchi d'acqua bollente versata sopra per ripulirla. Era lģ che avevo raccattato le unghie e infilate a mņ di spiedo me le ero abbrustolite per scoprire una nuova leccornia. Mi era venuto il voltastomaco dopo il primo assaggio ma le avevo mangiate senza dire niente a nessuno, accanto al mio fuoco di stecchi. Mi ero aggirata tutto il giorno come un'anima in pena tra le budella grasse che Agne Vigje mondava sotto la fontana nella cucina vecchia, dove, in una confusione golosa, fumava la polenta sul "spolért" e si tagliavano i quarti da insaccare.
Non avevo potuto assaggiare pił niente per tutto il girono con quelle unghie che mi venivano su a vendicarsi della mia curiositą assassina che mi aveva spinta fin dentro alla "crigne", dietro al Modest, a spiare la povera bestia sgozzata."

(foto Giacomo Segalla- archivio Segalla)

 

"A Sant'Andree il purcģt su la bree"

Da "Radīs e Semence" di Renzo Balzan (Edelweiss)
 

"A Sant Andree il purcit su la bree" al pant un vieri proverbi furlan: Ma in timp di slargjade modernizazion, dulą che ancje il setōr agricul nol pņ fā plui di mancul des machinis e fintremai dal computźr, alč simpri plui difficil scuintrā un purcitār. Un di chei personaz carateristichis che in chestis zornadis di soreunviźr a' lavin di cjase in cjase a purcitā purciz tirāz sł par cinc - sīs mźs, cun sīr, lavaduris, blave e cōcis, tant di otignī robe purcine di prime cualitāt, ossei che no veve nissun dafā cui prodoz otignūz in di di vuź cui sistems industriāi.
Cussi al ven di pensā ancje a cemūt ch'e jere vivude chź zornade tes cjasis dai contadins, e cemūt che in ciertis zonis restadis leadis a la tradizion 'e je ore presint. Denant trat la spiete de vee, massime de bande dai fruz, che tal doman ur vignive permetūt di fā di mancul di lā a scuele di mūt ch'a podessin assisti a chel ch'al jere un efetīf rituāl: il jevā denant di, inmņ a scūr, par fā boli te cjalderie de lissiarie l'aghe di doprā par spelā la bestie. La vignude dal purcitār cu la sō sporte plene di curtis gucāz, di pestźi, di spāli, di lincins e di ātris impresc', e podaspņ il moment ch'al vignive copāt il purcit.

Une zornade vivude cun partecipazion di duc', dai granc' e dai piciu, ai cognossinz ch'a rivavin a curiosā plui numarō dal solit par cjapā part a chź ch'e jere une efetive fieste, e nmagari par cercā il vin gnūf e l'impast zą jessūt dal masane-cjār.
intant il purcitār al lave dilunc cul so dafā tramudant lis cjārs, cun jusc' messez di sāl e di speziis, in lujaniis, salamps, musčz e palmonis. E inmņ in panzetis e bon ardiel, di doprā par cuincā il lidric cul pņc. Un mangjā povar e siźr dutun in chel, ch'al jere dibot ogni dģ su la taule des cjasis furlanis dilunc l'unviźr, tant di podźlu considerā un aspiet de nestre storie e de nestre culture.
E non č dabon pōc co si trate justeapunt di valōrs ch'a van il plui pussibil conservāz, ancje se, propi tal cās dai purcitārs al sarą dificil. I viéi, magari cussģ no, babios e impegnāz cun vere passion tun mistī dūr par dut l'unviźr, a' van simpri plui al mancul. Di ché ātre bande chei pōs zovins che ur ąn cjapāt e ur stan cjapānt la volte, lu fāsin doprąnt simpri di plui lis tecnichs industriāls, cul risultāt di rimeti in cualitāt.
Ma forsit al č distināt cussģ, un destin ch'al sta confinąnt impreteribilmentri i vieris e innomenāz pircitārs dal Friūl e de Cjargne te nestre memorie."