Memoreant  Siro  Angeli

   (di Renzo Balzan)
 

    Ai 22 di avost a saran  undis agns ch'al muart Siro Angeli (al muart justeapont ai 22 di avost dal 1991), un dai majrs scritrs cjargni dal passt secul vincjesim. Poete e scritr in lenghe italiane e in lenghe furlane (te variett cjargnele) Angeli al jere nasst a Cesclns di Cjava tal 1913.

    A d la verett la ricorince dai ds agns de s muart ampasst e jere passade dibot tal cidinr, fale un incuintri di siei ams che si davuelt a Cesclns, organizt dal librr di Tumie Pillinini e dal professr Ermes Dorigo, e di une iniziative inviade par cure dal cors di lenghe e leteraradure furlane da l'Universitt de Tierce Ett de Cjargne, ch'al voltt par furlan la s conte "L'angelo del castello". Un lavr ch'al sar cjapt dentri tal prin "Cuadr di Culture Cjargnele", ch'al vignar publict in curt graciis a la colaborazion cu l'editr Chiandetti di Reane. La presentazion, a l'ocasion de viertidure dal gnf an academic 2002/2003 il ms di utubar cu ven, e sar naturalmentri un'tre ocasion par memore il poete e la s opare a pro de incressite culturl de mont furlane.

    F di un emigrant, dasp v frecuentt cun bogns risultts lis scuelis superirs a Tumie e a Udin, Angeli al jere stt normalist a Pise, dul ch'al v mt di lauresi in letaris e filosofie. Po si jere trasfert a Rome dul che si dedi a l'ativitt leterarie. Al stt autr di presets tescj par teatri, premits e publicts su "Dramma" e "Senario". Senegjadr di cuindis films, majorent dai programs culturi de tierce rt de Rai, al stt inm autr dai tescj de senegjadure e atr (te part principl di Barba 'Zef) dal innoment film in lenghe furlane "Marie 'Zef".

    Siro Angeli al vt scrit cetant par italian: lis oparis par teatri "La casa" (1937), "Mio fratello il ciliegio" (1937), "Dentro di noi" (1939), "Battaglione allievi" (1940), "Assurdo" (1942), "Male di vivere" (1951), "Odore di terra" (1957) e "Grado zero" (1978). Par chel che s'inten la poesie: "Il fiume va" (1937), "Erba tra i sassi" (1942), "L'ultima libert" (1962), "Il grillo della Suburra" (1975) e "Mtia mou" (1976). E inm il roman "Il figlio dell'uomo" (1989).

    Par furlan al scrit lis ricoltis di poesiis "L'ga dal Tajament" (1976 e 1986), "Barba 'Zef e jo" (1985) e "Penultimas" (1991).

    Sore il dut di rilf leterari e je la ricolte "L'ga dal Tajament". Par esempli te jentrade da l'opare Zuanfranc D'Aronco al scrf: "si po afirm che nuje al burs di chestis pagjinis di leterari, tal sens di une costruzion vulude a taulin cul colegsi e il palessi di modi ancje alts. Dentri di n, tal plui profont, o sn nome n: e chest Siro Angeli al rivt a metilu j su la cjarte e a fisslu par simpri. I critics, no il presentadr, a scrutinarn su lis rivocazions di un timp e di un mont ch'al stt; su lis situazions, sui sintiments, sui amrs pandts in forme ruspie ma ancje gentl; o sun tune cierte vite  primitive cui ds cadents secont un ordin simpri avul; o su subitanis ings par acjadiments no spietts. Tal fons un desideri: che chest mont vivt nol vebi di dispar, che ducj n si ricuadn di n, secont la racomandazion dal am: "Impnsiti, ogni tant/ che Otne al stt vf/ ancia lui, su la tiera".

    La rime e la lenghe aduncje si proponin ruspiis, duris, ma tal sts timp travanadis di tante contignude dolcece, scuindude di une sorte di rivuart, come ch'al tal caratar dai cjargni. Ancje s'al jere lontan, a Rome o a Zur (in Svuizare, dul ch'al vivt plusrs agns), Siro Angeli cul pinsr no si slontanave mai de Cjargne, Al stave dar, al paidive, al cjapave part emotivamentri 'es ss vicendis: "J'si dopo tanc' ans/ tornt al gno pas./ I muarz a son lontans/ e plui lontans i vs./ Una volta ancia i clas/ a vvin vus, par me./ Cum il gno cr si pas/ di ce che plui no l'".

    La ricolte e rive insomp cu la liriche che j d il titul "L'ga dal Tajament". Tajament, flum che al divt la Cjargne, che la ten adun, ch'al stt am e disam. Flum che di simpri al rapresente la vite di cheste tiere, e che nome l'egoisim di un capitalisim forest (prime la Sade e po l'Enel), cence anime, al vt cr di disfigur, lassanlu, par sfrutlu cence un fl di aghe (e di vite) par une lungje trate. Tajament, il flum di Siro, e primevere de s vite, ch'al vt cr di cjant cemt che nissun tri al jere stt bon di f prin.

    Dasp "L'ga dal Tajament", Angeli al torne a la marilenghe cu la senegjadure z mutivade dal film "Marie 'Zef", dul ch'al davuel ancje, come atr, la part di prin plan di Barba 'Zef : "F la m part par finta/ dentri una storia vera/ nol mi pareva bil/ e di sigr no l'era./ Alc ancim mi incolpa/ di vi mett ta grinta/ di Barba 'Zef apena/ la scussa da m pil,/ l ch'a coventava polpa/ di cir ch'a dl l'intra/ vita, sanc ch'a si svena/ fin che la muart l' vinta".

    Une esperience dal sigr di fonde ch di jessi tornt a la lenghe mari, e chest nus stt pandt cuanche nus veve dt un pcjis des ss poesiis parc che lis metessin dentri  te ricolte antologiche di autrs cjargni "Aghe di fontanon". Une sielte madressude cul so divent poet alt, scritr savnt, che al sa cetant preses  ch'al il patrimoni di culture e di storie par un popul, pe s identitt. Une identitt che nome tignnt dacont chescj siei "tesaurs" e po sper di salvsi dal nivelament conformist e impersonl de civiltt cunsumiste e globalizant.

    A Siro Angeli, a la s opare, a la s passion e al so impegn socil e culturl pe incressite de  tiere native, la Cjargne e scugne jessi cetant agrt.



 



 

Ricordando Siro Angeli

  

Il 22 agosto saranno trascorsi undici anni da quando morto Siro Angeli ( deceduto per l'appunto il 22 agosto 1991), uno dei maggiori scrittori carnici del trascorso secolo ventesimo. Poeta e scrittore in lingua italiana ed in lingua friulana (nella variet carnica) Angeli era nato a Cesclns di Cavazzo nel 1913.

A dire il vero la ricorrenza dei dieci anni della sua morte lo scorso anno era trascorsa quasi nel silenzio, se non ci fosse stato un incontro di suoi amici per ricordarne la figura, che si svolto a Cesclans e che era stato organizzato dal libraio Pillinini di Tolmezzo e dal professor Ermes Dorigo, ed una iniziativa promossa a cura del corso di lingua e letteratura friulana dell'Universit della Terza Et della Carnia, che ha tradotto in friulano il suo racconto "L'angelo del castello". Un lavoro che far parte del primo "Quaderno di Cultura Carnica", che verr pubblicato tra qualche mese grazie alla collaborazione con l'editore Chiandetti di Reana. La presentazione, in occasione dell'apertura del nuovo anno accademico 2002/2003 il mese di ottobre prossimo, sar naturalmente un'altra occasione per ricordare il poeta e la sua opera a beneficio della crescita culturale della montagna friulana.

    Figlio di un emigrante, dopo aver frequentato con buoni risultati le scuole superiori a Tolmezzo ed a Udine, Angeli era stato normalista a Pisa, dove ebbe modo di laurearsi in lettere e filosofia. Poi si era trasferito a Roma dove si dedic all'attivit letteraria. E' stato autore di apprezzati testi per il teatro, premiati e pubblicati su "Dramma" e "Senario". Sceneggiatore di quindici film, dirigente responsabile dei programmi culturali della terza rete della Rai, stato ancora l'autore dei testi della sceneggiatura ed attore (nella parte principale di Barba 'Zef) del noto film in lingua friulana "Maria 'Zef".

    Siro Angeli ha scritto molto in italiano: le opere per il teatro "La casa" (1937), "Mio fratello il ciliegio" (1937), "Dentro di noi" (1939), "Battaglione allievi" (1940), "Assurdo" (1942), "Male di vivere" (1951), "Odore di terra" (1957) e "Grado zero" (1978). Per quanto attiene la poesia: "Il fiume va" (1937), "Erba tra i sassi" (1942), "L'ultima libert" (1962), "Il grillo della Suburra" (1975) e "Mtia mou" (1976). Ed ancora il romanzo "Il figlio dell'uomo" (1989).

    In friulano ha scritto le raccolte di poesie "L'ga dal Tajament" (1976 e 1986) e "Barba 'Zef e jo" (1985) e "Penultimas" (1991).

    Principalmente di rilievo letterario la raccolta "L'ga dal Tajament / L'acqua del Tagliamento". Per esempio nell'introduzione dell'opera il critico, professor Gianfranco D'Aronco, scrive: "Si pu affermare che niente diviene da queste pagine di letterario, nel senso di una costruzione voluta a tavolino con il collegarsi e l'esprimersi di modelli anche alti. Dentro di noi, nel pi profondo, siamo solo noi: e questo Siro Angeli stato capace di scriverlo sulla carta e di fissarlo per sempre. I critici, non il presentatore, ricercheranno sulle rievocazioni di un tempo e di un mondo che stato; sulle situazioni, sui sentimenti, sugli amori espressi in forme grevi ma anche gentili; o su una certa vita primitiva con i giorni che hanno cadenze che rispettano un ordine sempre uguale; o su subitanee apprensioni per accadimenti non attesi. Nel profondo un desiderio:  che questo mondo vissuto non abbia a scomparire, che tutti noi ci ricordiamo di noi stessi, secondo la raccomandazione dell'amico: "ricordati, ogni tanto/ che Ottone stato vivo, anche lui, sulla terra". 

    La rima e la lingua pertanto  si propongono scabre, dure, ma nello stesso tempo attraversate da tanta contenuta dolcezza, celata da una sorta riservatezza, com' nel carattere dei carnici. Anche se lontano, a Roma o a Zurigo (in Svizzera, dove ha vissuto per parecchi anni), Siro Angeli con il pensiero non si allontanava mai dalla Carnia. Seguiva, soffriva, prendeva parte emotivamente alle sue vicende: "Sono dopo tanti anni/ ritornato al mio paese./ I morti sono lontani/ e pi lontani i vivi./ Una volta anche i sassi/ avevano voce, per me./ Adesso il mio cuore si nutre/ di quello che pi non c'".

    La raccolta si conclude con la lirica da cui prende il titolo "L'ga dal Tajament / L'acqua del Tagliamento". Tagliamento, fiume che divide la Carnia, che la unisce, che ne stato amico e nemico. Fiume che da sempre rappresenta la vita di questa terra, e che solo l'egoismo di un capitalismo straniero (prima la Sade e poi l'Enel) senza anima,  ha avuto il coraggio di oltraggiarlo, lasciandolo, per sfruttarlo, senza un filo d'acqua (e di vita) per un lungo tratto del suo corso. Tagliamento, il fiume di Siro, e primavera della sua vita, che stato capace di cantare come nessun altro aveva fatto prima.

    Dopo "L'ga dal Tajament", Angeli ritorna alla lingua friulana con la sceneggiatura gi citata del film "Maria 'Zef", dove svolge anche, come attore, la parte di primo piano di Barba 'Zef: "Fare la mia parte per finta/ dentro una storia vera/ non mi sembrava bello/ e di sicuro non lo era./ Qualcosa ancora m'incolpa/ di aver messo nella grinta/ di Barba 'Zef appena/ la buccia della mia pelle,/ dove invece serviva la polpa/ di carne che duole l'intera/ vita, sangue che si svena/ finch vince la morte".

    Un'esperienza certamente significante quella di essere ritornato alla madrelingua, che ci stata raccontata quando ci diede alcune sue poesie perch fossero inserite nell'antologia di autori carnici "Aghe di fontanon". Una scelta maturata con il suo diventare poeta alto (sul piano letterario n.d.r.), un scrittore sapiente, che sa quanto sia prezioso il patrimonio di cultura e di storia per un popolo, per la sua identit. Un' identit che solo conservando questi "tesori" pu sperare di salvarsi dal livellamento conformista ed impersonale della civilt consumistica e globalizzante.

    A Siro Angeli, alla sua opera, alla sua passione ed al suo impegno sociale e culturale per la crescita della terra che gli diede i natali, la Carnia  deve essere molto grata.