Canale di Gorto: Pieve di S. Maria di Gorto - Plf di Guart

(Vedi anche la  pagina sulla VII Rogazion da Plf di Guart)

La storia delle origini del cristianesimo in Carnia rimesse in discussione dagli scavi di San Martino - Ovaro (Clicca qui)

A trattare dell'antica Pieve di Gorto, lasciamo con piacere lo spazio a Pieri Pinan, uno dei  quattro ultimi abitanti di Gjviano (Givigliana) che abbiamo conosciuto in seguito alla pubblicazione del libretto "Las glsios de Parochio di Rigult" (Le chiese della Parrocchia di Rigolato) (1).
Appassionato  e schietto conservatore di una montagna divenuta sempre pi isolata, orgoglioso difensore di una lingua quasi scomparsa, Pinan ha voluto scrivere delle chiese del suo Canale, e quindi della Pieve di Gorto, cui queste chiese erano assoggettate,  non come hanno fatto gli
"studiuos" in "diviersos e importants ricercjos e publicazions" - studiosi in diverse e importanti ricerche e pubblicazioni - "fts da studiuos nomo pei studiuos" - fatte da studiosi solo per studiosi - "pe grando part in t'un'to lengo lasant de bando la int" - in gran parte in un'altra lingua lasciando da parte la gente -  "Chesto e j la reson di chsto piculo ricercjo, fato da un dei ltims di un mont che al v scomparint, scrito in te nesto lengo, in tar che lengo che dopo mil agn e ven obleado a las lu so pust a lengos comercils" - "Questa la ragione di questa piccola ricerca, fatta da uno degli ultimi di un mondo che va scomparendo, scritta nella nostra lingua,  lingua che dopo mille anni viene costretta a lasciare il posto alle lingue commerciali. "
 Pinan vuole precisare infine  nella prefazione, la buona volont nel fare questo lavoro, realizzato "come ha potuto", richiamando un titolo:
"Cenco Pratsos" - Senza Pretese - di una maestra mai dimenticata, la "maestro Rigjno".
Leggere una "storia" della Pieve di Gorto nell'antica lingua originale della zona di Rigolato-Forni Avoltri, ci riporta molto indietro nel tempo, alle stesse origini della lingua friulana, che pare debbano farsi risalire proprio alla parlata caratteristica di questa zona,  e delle sue antiche vallate.
 

 

VERSION TA LENGHE ORIGJNAL
 

 

 

La primo glio in tal nesti Cjanal di Guart e j tado la Plv di Santo Mario di Guart. Ma ach a covento d che e j la primo da cuant ch'ei i son formats ju pas como ch'ei son cum, parc che ju gjavos insot ch'ei fs ator e sot la glio di S. Martin a Luvinčas ei nu riservo uno bielo sorprso, pietn ce che nus diaran ju tudiuo.
E j riguardado pe primo vlto sui documents dal 1119. In tar uno cjarto in tal archivi Arcivescovl di Udin a i ji: "...asegnado ae Abazio di Muč dal Patriarco di Aquileo tal 1119, (finalmenti uno dato)." E pin indevant: "...Lu Patriarco Vodalrico, tal 1119 al pass in doto ae Abazio di Muč la Plv di Guart...


La tradizion e ds che como fabrict, la Plf e f cotruido in tal puet e cu' las piros dal cjatiel ft distrugi dal Patriarco Ludu di Tech dopo de muart dal Patriarco Bertant, provocado dal complot dul ch'al partecip encje Ermanno di Cjargno ch'al ero proprietari di chel cjatiel. Pre Nical Grassi, ch'al d chetos notizios, al d encje che segont la tradizion es esistevo encje ds capelos dedicados a Sto. Eline e a S. Micjol, es vignr distrutos par la lu puest al templi. Simpri lu Grassi al d che chest al imbt dams par cauo di un grant fc, clopt in tal 1370, e ch'al vevo un suol batisteri e un suol simiteri, ch'al vevo di serv par duto la vatitt de Plf.

Al invezo documentt che la Plf e j stado semidistruto dal 1430. La ricostruzion e j comenčeto dal 1431 ed e j lado fin al 1464.
Dift sunt'uno latro di marmo gro denti de glio a i ji:

IN VESTIGIIS ROMANAE ARCIS
EX AEDIS SACRAE ANTIQUISSIMIS RUINIS
RELIQUIIS CASTRIS
QUOD MEDIA AETATE VIGUIT
HOC TEMPLUS EXTRUCTUM EST
C. ANNO DOMINI MCDXXX
M.D.C.

Che voltt in furlan a vl d: Sui rudinačs de fuartečo romano, cui rcj di uno antgo fortificazion romano, retado fin ae eto di mič, al f cotrut chet templi in tal an dal Signour 1430.
Ae dipendenčos di ch unico glio al ero dut lu cjanl di guart, lu cjanl Pedarč (Cjanl) la Val Cjaldo (Monai e Ğuviel), Čurčuvint e Sapado.
Čurčuvint e Sapado, siben che ei no son in tal Cjanl di Guart ei faevo part de neto Plf. Sapado al fs part incjm. Čurčuvint invezo dal 1848 (pre Santo de Caneva al mi ds dal 1912) al lt a f part de plf di S. Piari. In tar uno lastro di marmo, dongjo di ch chi vin dt parsro, al crit:

TITULUS
BLEBIS MATRICIS
TOTIUS CANALIS SAPATAE
ET CERCIVENTI
CLEB. DIE XV AUGUSTI

Dopo di chet, par doi secoi adalunc, no ai cjatados tos notizios documentados.
Dal 1300 ei esistevo in Guart tre vicjaris de Plf dei cui un al vevo la residenčo a Luvinčas, lu segont a Davr e lu tierč in te glio di S. Ğorč. Dal 1339 a si distact de Plf lu Cjanl Pedar (Pesarino). Dal 1365 circo chl di Soropuint (Fraseniot), Monai (Ravasclt) e Rigult ei si distacr encje luor puoc dopo par unsi cul vicarit di S. Ğorč.
In tal timp dei doi secoi da dopo a si p pens che es sti stados fatos glisiutos in tar cetancj paisuts dal cjanl, la primo naturalmenti, ch di San Ğorč di Comalians, e secondo ch di San Vigjli di Davr. es ero sede di vicjarit. (Ma stant che a Davr, dul che cum e j la glsio di S.to Trinitt e ero un'to dedicado a S.to Luzio, forci de stesso ett o magari pin vecjio di ch di S. Vigjli, al probabil che la sede e sti stado a lass.
 

  ...il fabrict...


 

(Plf di Guart)

Las pin antigos glios di Guart
(dal archivi di pre Toni Roja a Tumie)

La primo: S.to Mario, la  Plf, in tal 1299. (Achi i pensi che al sti lu segont o magari lu tier fabrict, stant che, como ch'i vin dt, como glsio e j riguardado ben cuss doi secoi prin):

1305 - S. Ğorč di Comalians e S. Vigjli di Davr.
1310 - S, Stiefen di Celo.
1316 - S. Canzian di Cjanal Pedar e S. Martin dongjo Luvinas.
1319 - S. Laurin di Clavajas e S. Jacom di Rigult.
1320 - S. Andreo di Ğuviel. /Ch atul dal 1523)
1322 - S. Cruos di Luvinas. (Di un'to bando Santo Eline)
1323 - S. Matieu di Monai. (Che atul dal 1702)
1327 - S. Dur di Davasta.
1335 - S. Nicolau di Comalians.
1341 - S. Tamt da Cludini e S. Nical da Vueĝos.
1342 - S. Viit di Liarias. Ma la primo a Liarias e ero dal secol XVIIm.    (Pre Santo De Caneva).
1346 - SS. Filip e Jacom di Pesaria (ch atul 1861) S. Laurinč di For e Davatri e S. Ğuan Batisto di Fraseniot. Ch atul dal For e j dal 1872.
 


             (Plf di Guart)

Plf di Guart

Ach i ĝonti chs che es son riguardados o fatos pin tart: - La capelo di S. Antoni e ch di Davuatri dedicado al Nativitt de Madono al For es son dal 1800.
Ch atul da Culino, dedicado a S. Micjol, e j dal 1714.
No ai cjatt cuant che e j  stado fato la primo a Sighit, dedicado a S. Gotard. Ch atul e j mitudo la primo piro lu 3.5.1909, jessint ch to distruto dal fc.
Ch di S. uvigj e Pelagio da Muina e j dal 1862. La glisiuto dal Carmin a Lenĝon 1342. Ch de Madono di Lort a Muino 1687. Ch di S. Nical da Cjalino dal 1944. Ch di S. Piligrin da Dentramp dal secol 1300 e 1700. Ch di Santo Trinitt a Davr dal 1854 - Consacrado dal 1894.
Ma prin di ch, simpri in tal sts puest and'ero uno pi 135ulo dedicado a S.to Luzio. Ch di S. Antoni Abt dal sec. XIVm. Ch di S.to Catarino da uvint Sec. XVm. Ch di s.to Foscjo da Negrons Sec. 16-17.
Uno curiositt: - Dal 1859 lu simiteri di S. Trinitt al ero in costruzion. Poben, lu 24.3.1860, lu plevan di Davr al scrito uno letaro di protesto parc che la int e no volevo soter ju muarts in tal nv simiteri di S. Trinitt ma tar chel pin vecju de Plf. And' stts funeri cun grando partecipazion di int, ma ceno algun priadi...

 
Ch tul di S. Canzian da Prt e di S. Sult di Davousa 1580. Ch di S. Lenart di Dasaia 1497-1790- Ch di S. Antoni da Pieria 1790. Ch di S.Piari da Pradumbli 1859. Ch di S. gotart da Sosts 1611. Ch di S. Lugano da Truja 1885. Ch di S.to Maria di Caravaggio da Pr 1840 (Par dut Cjanl dts di Carlo Quaglia).
Ch atul di Santo Margarito di Sapado-Pladen e j fato dal 1777 al 1779. Ch di San Sult di Cima Sapado e i datado 1753, ma prin and'ero un'to.
La Glisiuto dal Calvari dal 1859. Ch dal Santuari "Regina Pacis" dal 1973.
Da not che a Sapado, cs unic in duto la Plf di Guart, e nujomancul che tredis capelos, fatos fra lu 1700 e lu 1900 (Fontana). Ch dal Santuari di Plans di Luzo dal 1975.
Parochil di S. Martin di Čurčuvint Secoi XIV-XVII-XVIII.
Ch di S. Ğuan Evangjelist di Salrs 1841-1843, Ch di S. Spirit di Monai prin dal 1595. (Ch atul 1810).
 

                                (Glsio di Sapado)
Par ce che rivuardo la Parochio di Rigult:
1400 - S. Barbaro di Valpiciot - 1562 - S.to Mario di Grac (ma ch atul e j dal 1638)
1638 - SS. Piari e Vt di giviano (Ach e ero prin uno mainuto in Dal Mai dul che la int ei si cjatavo a pre)
1703 - S.to Ano di Ludario.
1717 - S.to Mario Stelo e Capelo di S. Antoni in Casador (cum distrutos)
1899 - Tiero glsio di Casadr cum purtrop in ruvino.
Intant di chs doi secoi, e chest un grum indevant in tal timp, encje se cusi ogni pas al vevo la so glsio, duto la int dal Cjanl, cun Čurčuvint e Sapado, ei si cjatavo, par cusi dutos las funzions di Glsio, batsim e funeri, in te Plf Mri di Guart, e ju muarts ei vignivo soterts in tar chel unic simiteri. Da pens che chi di Sapado par riv in te Plf, ai lavo fr adlt, sot la Creto Grando (Plros) e Talm, dul ch'ei vevo uno bevorcjo: di uno bando ei lavo ju de bando de Cjanl, di ch to ei vignivo j in Casador, dul ch'ei vignivo encje al mercjt di S. Antoni, par continu par Magnanins, Valpiciot, S. Ğor.
D'invier, par l'impusibilitt di podo puart a soter ju muarts, ei ju metevo a gla sul dlt par dopo f lu funerl d'isudo.
 
 
A val la peno di cont achi cemuot che dal 1600 ei fasevo, in te plf, las rogazions: notizios rigjavados dal archivi di pre Toni Roia a Tumie, dul ch'al scrit:

"(Eugenia Mazzolini Ovaro)     Sac. Antonio Roia
La Pieve di S. Maria di Gorto e le sue antiche filiali.
 Note storiche.
Per il solenne ingresso del M_ R. D. Pietro Giorgis alla parrocchia della
SS. Trinit di Ovaro     VIII dicembre MCMXIV

Da un grum di secoi, es no son riguardos las origjnos, la int dal cjanl di Guart, lu lunis des rogazions, un par famo ei partivo des luor glsios, cu' las cruos, cui priadis in testo, par cjatsi duc' te glsio di San Martin di Davr.
Dal 1645, par causos che non si s, ei vevo lasado col chesto bielo usano. Ma 38 agn dopo, lu 13 di Mai 18683, te cjaso di Jacom Agarinis a Davr e f cjapado la decision di tornlo a meti impont.
Encje s'a nol scrit, a si p jessi cusi sigrs che tar che cjaso, in che d, ei ero radunts duc' ju rapresentants dai pas dal Cjanl di Guart. Ft al che tar ch ocasion al f stabilt  che: - Lu lunis del rogazions ognidun al sti pront biel a buinoro. Da ogni glsio dal cjanl che parto la procesion cul priadi e cu' las cruos e che al vigno cjantt lu vanzeli tei puescj solits.
Par ogni famo  e da intervign uno persono, (al scrit:...sufficiente, ossia non un semplice ragazzo...) sot peno di pass ae Plv lioros 1,4, par ogni famo mancjant. Ju Merigas (par chi che no lu san ei ero ju Sinics di uno vlto) ei no an di mancj.
Las processions di Monai, (cum Ravasclt), Rigult, Soropuints (Fraceniot) che ei si uniso a Sal Nicolau di Comalians, e cul curt e popul di San Ğor, (Comalians), e ch di San Cancian (Cjanl). (Di chestos ds ltimos, un an che lti devant uno e in chel an dopo ch to) e devr ch'es vigno ch di San Matieu (Monai), San Jacom /Rigult), San Ğuan Batisto di Soropuints, se a no si cjatarn usanos contrarios.
Jacom Agarinis, comandant de milizio, cunt'un caporl, ei organizaran la procession a doi o pin par filo, cu'las carons in man, fin a San Martin.
Ach al celebrar lu vicjari da Luvinas, pajt cunt'un legt dei De Colle da Muina e al ofertori che a nol vti che 12 slts.
Dopo la Messo lu cjamerari aldar par ogniduno des famos partecipants: un pn dal pios di ds ončos e mieĝo bočo di vin.
Ju Merigas ei scuignarn f savio dei fcs esistents tes luor vilos e cus famos cu mancjio, e ch'est sot peno di lioros 6,4.
Nu si s cuant che si tornado a sfant chesto bielo usano.

         Les rogazions

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al sars stt biel rif dut como in che volto, como la Messo dal Spadon a Cividl o ch dal Taler a Glemono, ma tancj impediments burocratics, di dirt cjaluni, di timps cambits, e non ltims dei miz finanziaris ch'ei son pin propens a cjap la strado dal balon, ei an costrts ducj ju priadis de Plf, riunts in visinano, a cjap la decision di riguard chesto bielo tradizion fasintlo cum itineranti, un an par parochio.
Bisugno d che encje cuss al ' tant biel che mai, e ce ch'al un grum impuartant, cun cuasi duc' ju significts di uno vlto e di cum, cu' la leturo dei Vanzelis in furlan cun finl in A e in O, tadesc e talian, cu la busado di dutos las cruos de plf, Čurčuvint cumprindt... e cun grando partecipazion de int.

... Al sars stt biel...

La bielo solenitt de Madono d'Avost dal 1541 e j stado funestado da uno grando barufo, in tal prt di S. Martin, nasudo non si s cemuot, ne parc, ne da cui, e cjap su proporzions teribils...
Ei partecipr Meni e Ğuan da Rigult. Ei fr citts como complics encie  Ğuan do Casador, (al scrit di Quelsadorno) e incjm Lenart d Toni fradis Chiandoni da Ludario, ma chs ei podr prov la luor inocenzo.

 

Uno curiositt...


  L'alto canale di Gorto ripreso dal monte Crostis: zona di Rigolato, fino a Forni Avoltri

 

VERSIONE IN ITALIANO
(Tradotta da Am Bianchi)

 

La prima chiesa del nostro Canal di Gorto stata la Pieve di Santa Maria di Gorto. Ma qui necessario  dire che la prima da quando si sono formati i paesi come sono ora, perch gli scavi che si stanno effettuando sotto la chiesa di San Martino a Luincis ci riservano una bella sorpresa, aspettiamo cosa ci diranno gli studiosi.
E' riportato per la prima volta sui documenti del 1119. In una carta dell'Archivio Arcivescovile di Udine si legge: "..asegnado ae Abazio di Muč dal Patriarco di Aquileo tal 1119, (finalmenti uno dato)." E pin indevant: "...Lu Patriarco Vodalrico, tal 1119 al pass in doto ae Abazio di Muč la Plv di Guart..."

 


(vista di Ovaro e del Canale di Gorto dalla Pieve)

La tradizione dice che come edificio, la Pieve fu costruita nel luogo e con le pietre del castello fatto distruggere dal Patriarca Ludovico di Tech dopo la morte del Patriarca Bertrando, provocata dal complotto al quale partecip anche Ermanno di Carnia che era proprietario di quel castello. Don Nicol Grassi, che fornisce queste notizie, dice anche che secondo la tradizione esistevano anche due cappelle dedicate a S. Elena e a San Michele, vennero abbattute per lasciare posto al tempio. Sempre il Grassi dice che l'edificio ha subito danni a causa di un grande incendio, scoppiato nel 1370, e che aveva un solo battistero e un solo cimitero, che dovevano servire per tutta la vastit del territorio della Pieve.
E' invece documentato che la Pieve stata semidistrutta nel 1430. La ricostruzione cominciata nel 1431 ed terminata nel 1464.
Infatti su una lastra di marmo grigia all'interno della chiesa si legge:

IN VESTIGIIS ROMANAE ARCIS
EX AEDIS SACRAE ANTIQUISSIMIS RUINIS
RELIQUIIS CASTRIS
QUOD MEDIA AETATE VIGUIT
HOC TEMPLUS EXTRUCTUM EST
C. ANNO DOMINI MCDXXX
M.D.C.

Che tradotto  vuol dire: Sulle rovine di una fortezza romana, coi resti di un'antichissima fortificazione , rimasta fino all'et di mezzo, fu costruito questo tempio nell'anno del Signore 1430.
Alle dipendenze di questa unica chiesa era tutto il canale di Gorto, il canale Pedarc (Pesarina) la Valcalda (Monai, cio Ravascletto, e Zovello), Cercivento e Sappada.
Cercivento e Sappada, sebbene non si trovino nel canale di Gorto facevano parte della nostra pieve. Sappada ne fa parte ancora. Cercivento invece dal 1848 (Don Santo De Caneva mi dice dal 1912) entrato a far parte della pieve di San Pietro.
In una lastra di marmo, vicino a quella citata sopra, scritto:

TITULUS
BLEBIS MATRICIS
TOTIUS CANALIS SAPATAE
ET CERCIVENTI
CLEB. DIE XV AUGUSTI

In seguito, per i due secoli seguenti, non ho trovato altre notizie documentate.
Dal 1300 vi erano in Gorto tre vicari della Pieve dei quali uno aveva la residenza a Luincis, il secondo ad Ovaro ed il terso nella chiesa di San Giorgio. Dal 1339 si distaccato dalla Pieve il Canale della Val Pesarina. Dal 1365 circa quello di Soropuints (Frassenetto). Monai (Ravascletto) e Rigolato si staccarono anche loro poco dopo per unirsi al vicariato di San Giorgio (Comeglians).
Nel corso dei due secoli seguenti si pu pensare che siano state fatte le chiesette di tanti paesini del canale, la prima naturalmente quella di San Giorgio di Comeglians, la seconda quella di San Vigjli di Ovaro, che erano sedi di vicariato. (Ma poich a Ovaro, dove ora c' la chiesa della SS. Trinit ce n'era un'altra dedicata a Santa Lucia, forse dello stesso periodo o magari pi vecchia di quella di S. Vigjli, probabile che la sede sia stata proprio lass).

 
 

Veduta dal lato sud della Pieve


 
Vediamo ora in base ai documenti quali sono le pi antiche chiese di Gorto (dall'archivio di D. Antonio Roja a Tolmezzo)
La prima Santa Maria, la Pieve, del 1299. (Qui  penso che sia il secondo e magari terzo fabbricato, dal momento che, come abbiamo  detto, come chiesa viene ricordata ben quasi due secoli prima).
1305 - San Giorgio di Comeglians e s. Vigilio di Ovaro
1310 - S. Stefano di Cella.
1316 .- San Canziano del Canal Pesarina e S.   Martino vicino a Luincis.
1319 -  S. Lorenzo di Clavais e S. Giacomo di Rigolato.
1320 - S. Andrea di Zovello (Quella attuale del 1523)
1322 - Santa Croce di Luincis (Da un'altra parte Santa Elena)
1323 - San Mattia di Ravascletto (La attuale del 1702)
1327 - S. Dur di Ovasta
1335 - S. Nicola di Comeglians
1341 - S. Tamt di Cludinico e S. Nicol di Vuezzis
1342 - S. Vito di Liariis. Ma la prima a Liariis era del sec. XVII (D. Santo De Caneva)
1346 - Santi Filippo e Giacomo di Pesaris (l'attuale del 1861), S. Lorenzo di Forni Avoltri e S. Giovanni Battista di Frassenetto. L'attuale di Forni del 1872.
Qui aggiungo quelle che sono riportate o fatte pi tardi:
La cappella di S. Antonio e quella di Avoltri dedicata alla Nativit della Madonna a Forni sono del 1800.
Quella attuale di Collina, dedicata a S. Michele del 1714.
Non ho trovato quando stata fatta per prima quella di Sigilletto, dedicata a S.Gottardo. Per quella attuale stata messa la prima pietra il    3.5.1909, essendo stata distrutta dal fuoco l'altra.
Quella di S. Luigi e Pelagio di Muina del 1862.
La chiesetta del Carmine a Lenzone 1342. Quella della Madonna di Loreto a Muina 1687. Quella di S. Nicol di Chialina nel 1944.
Quella di S. Pellegrino di Entrampo nel secolo 1300 e 1700.
Quella della Santa Trinit di Ovaro nel 1854.- consacrata nel 1894.
Ma prima di questa, sempre nello stesso luogo ce  n'era una piccola dedicata a Santa Lucia.
Quella di S. Antonio Abate di Mione sec. XIV. Di  Santa Caterina di Luint sec. XV, quella di San Rocco di Cella 1310. Quella di Santa Fosca di Negrons sec. 16-17.

 

 

 Quella attuale di San Canziano di Prato 1860. S. Osvaldo di Ovasta 1580. San Leonardo di Dasaia 1497-1790. S. Antonio di Pieria 1790.
Quella di S. Pietro di Pradumbli 1859. Quella di San Gottardo di Sostasio 1611. San Lugano di Truja 1685. Quella di Santa Maria di Caravaggio  di Prico 1840 (Per tutto il Canale i dati forniti da Carlo Quaglia)
Quella attuale di Santa Margherita di Sappada-Ploden del 1777-1779. S. Osvaldo di Cima Sappada datata 1753, ma prima ne esisteva un'altra.
La chiesetta del Calvario del 1859, quella del Santuario "Regina Pacis" del 1973. Da notare che a Sappada, caso unico in tutta la Pieve di Gorto, ci sono pi o meno tredici cappelle, fatte fra il 1700 e il 1900 (Fontana).
 Quella del Santuario di Piani di Luzza del 1975.
Parrocchiale di S. Martino di Cercivento secoli XIV-XVII-XVIII.
Quella di S. Giovanni Evangelista di Salars 1841-1843. dI Santo Spirito di Ravascletto prima del 1595 (l'attuale 1810).
 

 


(campanile a Frassenetto)

 

 

 

 

 

 

Una curiosit: Dal 1859 il cimitero della S. Trinit era in costruzione. Ebbene il 24.3.1860 il pievano di Ovaro scrisse una lettera di protesta perch la gente non voleva sotterrare i morti nel nuovo cimitero della S. Trinit ma in quello pi antico della Pieve. Vi sono stati funerali con grande partecipazione di gente, ma senza alcun sacerdote...

Per quanto riguarda la parrocchia di Rigolato:
1400 - S. Barbaro di Valpicetto  - 1562 Santa Maria di Gracco (l'attuale del 1638) - 1638 SS. Pietro e Vito di Givigliana (qui vi era prima una piccola maina in Dal Mai dove la gente si trovava a pregare) - 1703 S. Anna di Ludario .- 1717 Santa Maria Stella e Cappella di S. Antonio in Casador (ora distrutte) - 1899 Terza chiesa di Casador ora purtroppo in rovina.

Nel periodo di questi due secoli ed  oltre nel tempo, anche se quasi ogni paese aveva la propria chiesa, tutta la gente del Canale, con Cercivento e Sappada, si ritrovava, per quasi tutte le funzioni di chiesa, battesimi e funerali, nella Pieve Madre di Gorto, e i morti venivano sotterrati in quell'unico cimitero.
Bisogna considerare che quelli di Sappada, per arrivare alla Pieve passavano dall'alto sotto la Cima Grande (Plros) e Talm, dove c'era un bivio: da un verso si scendeva dalla parte del Canale, dall'altra si scendeva in Casador, dove si teneva anche il mercato di S. Antonio, per proseguire poi per Magnanins, Valpicetto e S. Giorgio.
D'inverno, nell'impossibilit di poter portare a seppellire i morti, si mettevano a congelare in    soffitta per poi fare il funerale a primavera.
 


(S. Antonio a Forni)

Val la pena raccontare come nel 1600 si facevano, alla Pieve, le rogazioni: notizie ricavate dagli archivi di pre Antonio Roia a Tolmezzo, dove scritto:
 

"(Eugenia Mazzolini Ovaro)     Sac. Antonio Roia
La Pieve di S. Maria di Gorto e le sue antiche filiali.
 Note storiche.
Per il solenne ingresso del M_ R. D. Pietro Giorgis alla parrocchia della
SS. Trinit di Ovaro     VIII dicembre MCMXIV

Le rogazioni..

Da molti secoli, non se ne ricordano le origini, la gente del Canale di Gorto, il lunedi delle rogazioni, una persona per famiglia, partivano dalle loro chiese, con la Croce, con i preti in testa, per ritrovarsi tutti nella chiesa di San Martino di Ovaro.
Dal 1645, per cause ignote, si era persa questa bella usanza. Ma 38 anni dopo, il 13 maggio 1683, nella casa di Giacomo Agarinis ad Ovaro fu presa la decisione di riprendere la tradizione.
Anche se non stato scritto, si pu quasi essere certi che in quella casa, quel giorno, si erano riuniti tutti i rappresentanti dei paesi del Canale di Gorto. Tanto che in quell'occasione fu stabilito che: -Il lunedi delle rogazioni ognuno si trovasse pronto di buon mattino. Da ogni chiesa del canale parta una processione col prete e con la croce e che venga cantato il Vangelo nei soliti luoghi.
Per ogni famiglia deve intervenire una persona ( scritto....Sufficiente, ossia non un semplice ragazzo...) pena il pagamento alla Pieve di lire 1,4 per ogni famiglia assente. I Meriga (per quelli che non lo sanno era il sindaco di una volta) non devono mancare.
La processione da Monai (ora Ravascletto), Rigolato, Frassenetto, che  si riuniscano a  San Nicola di Comeglians, e col curato e il popolo di San Giorgio, cantando ciascuno un Vangelo, vengano a San Martino.
Vada avanti la croce di Zovello e subito dietro quella della Pieve, poi quella si San Giorgio (Comeglians) e quella di San Canciano (Pesarina). (Di queste due ultime, un anno andr avanti uno e l'anno dopo un altro) e dietro venga quella di San Matteo (Ravascletto), San Giacomo (Rigolato), San Giovanni Battista di Soropuints (Frassenetto), se non si troveranno usanze contrarie.
Giacomo Agarinis, comandante della milizia, con un caporale, organizzeranno la processioni a due o pi per fila, con le corone in mano, fino a San Martino.
Qui celebrer il vicario di Luincis, pagato con un legato dai De Colle di Muina e all'offertorio non abbia che 12 soldi.
Dopo la Messa il camerario dar ad ognuna delle famiglie partecipanti: un pane dal peso di due once e mezza caraffa di vino.
I Merighi dovranno far sapere dei focolari esistenti nei loro paesi e quali famiglie manchino, questo sotto pena di lire 6,4.
Non si sa quando si tornata a perdere questa bella tradizione.

Sarebbe stato bello far rivivere tutto come quella volta, come la Messa dello spadone a Cividale o quella del Tallero a Gemona, ma tanti impedimenti burocratici, di diritto canonico, di tempi cambiati, e non ultimo di mezzi finanziari che sono pi propensi a trovare la strada del pallone, hanno costretto tutti i preti della Pieve, riuniti, a prendere una decisione riguardo questa bella tradizione facendola ora itinerante, un anno per parrocchia.
Bisogna dire che anche cos tanto bello, ci che molto importante, con quasi tutti i significati di una volta e di ora, con la lettura del Vangelo in friulano con il finale in A e nella O, tedesco e italiano, con il bacio di tutte le croci della Pieve, Cercivento compreso...e con grande partecipazione della gente.


(Frassenetto)

Una curiosit: La bella solennit della Madonna di Agosto del 1541 stata funestata da una grande lite, nel prato di San Martino, nata non si sa come, n perch, n da chi e che assunse proporszioni terribili.
Vi presero parte Domenico e Giovanni de Corte di Rigolato. Furono citati come complici anche Giovanni di Casador, ( scritto di Quelsadorno) e anche Leonardo e Antonio fratelli Chiandoni di Ludario, ma questi poterono provare la loro innocenza.

(1) "Las glsios de Parochio di Rigult - Plf di S.to Mario di Guart" di Pieri Pinan, Stampare Designgraf - Udin, stampato a cura della fam. Venanzi di Viterbo.



(Fotografie  di Annamaria Bianchi tranne quelle  di Frassenetto e Forni Avoltri  di Valeria Romanin)
(la musica di sottofondo: "Suspr da l'anime" stata resa in formato midi da
Angelico Piva "Pivute dai Bntars)