Poesie Renzo Balzan Celestino Vezzi
Racconti  "Trei ds" di Celestino Vezzi "Inamort di Viole"
di R. Balzan
  "Il sogno di Lucia" di Luigi Gonano "Lu Dante" di Bepo Rupil
 
Celestino Vezzi


Feminas cjargnelas

Las feminas cjargnelas son dome MANS!
Mans gropolsas, deits ch'ai cjlin par ogni viers;
mans ch'a s'ingegnin.
Mans ch'as si pcjin tas pusuts das vacjas,
par molgi chel got di lat.
Mans ch'as lcin chs forcjas
par tir fr ce che la cjere a da!
Mans ch'a si adatin encje cu la fal
par se chei froscs di jerbe.
Mans ch'as tegnin strentas chs curnulas
cun lougias cjamadas di fen, o di legnas, o di dut.
Mans ch'a si pcjin su chs bracedorias
par puart chei geis simpri plens di alc.
Mans ch'a si movin tra chei spolerts,
par meti adum alc da frua.
Mans ch'as strengin chs schenas di oms
ch'ai tornin cu la vals, encje se par pouc.
Mans che in chs poucjas nots di calr
as cjarecin,as strengin tal not
par sint se as conossin encje-m
la 'fisionomie'dal compagn di vite.
Mans ch'as lavin e dopo pous ds
as tornin a meti adum vals.
Mans ch'as taponin chs grimas
cuant che lui al torne a part.
Al dibant: las feminas in Cjargne son dome MANS.

Le donne carniche sono solo MANI!  Mani nodose, dita che guardano per ogni verso; mani che si danno da fare.  Mani che si attaccano alle mammelle delle mucche per mungere quelle poche gocce di latte. 
 Mani che sollevano quelle forche per trarre dalla terra ci che d.
 Mani che si adattano anche con la falce per tagliare i fuscelli dell'erba.  Mani che stringono con forza quelle slitte cariche di fieno, di legna o di tutto. 
Mani che si appendono a quegli spallacci per portare gerle sempre ricolme di qualcosa. 
Mani che si muovono tra quei fornelli per assiemare qualche cosa da mettere sotto i denti.
Mani che stringono a s le schiene degli uomini che fanno ritorno, anche se per poco tempo, con le valigie. Mani che in poche notti di calore, accarezzano, stringono nel buio per sentire se conoscono ancora la fisionomia del compagno di vita.
Mani che lavano e dopo pochi giorni rifanno le valigie.
 Mani che nascondono le lacrime quando lui riparte. 
E' inutile: le donne in Carnia sono solo MANI.

GEIS

Geis, su schenas di feminas
consumadas dal lavr,

cjamts di munizions
si pirdin pai trois e pai boscs
das nostas monts;
e su fint dul che i paesans,
i familirs, i soldts
i tegnin bot al nem.

As purtin, ches feminas,
in chei lcs di desolazion
un fruum di ps,
un cjanton di fogolr
as tirin su il morl
e as dan coragjo.

Une pule pouse,
discjam i geis,
une peraule, une ridade,
une letare ta sachete
e po ju indar pi grbanos;
tas mans si mvin i firs da gugje
si crein i jalcins,
par no st dibant.

Une bocjade,
i lavrs di cjase,
la campagne, la stale,
e po' s indar
dul che tancj ai spiete
la lr figure,
il lr confuart.

 


(Celestino Vezzi, nato a Cercivento, vive ad Avosacco di Arta: artista autodidatta di talento, impegnato in svariati campi, sempre ispirato dalla  passione per la Carnia e la sua gente.)

 

 

GERLE

 

Gerle, su schiene di donne
consumate dal lavoro,
cariche di munizioni
si perdono nei sentieri e nei boschi
delle nostre montagne;
e su fin dove i paesani,
i familiari, i soldati
resistono al nemico.


Portano, quelle donne
in quei luoghi di desolazione
un briciolo di pace,
un angolo di focolare
sollevano il morale
e infondono coraggio.

Una piccola pausa,
scaricare le gerle,
una parola, una risata,
una lettera nella tasca
e poi gi indietro per gli anfratti;
nelle mani i ferri da maglia
creano le calze,
per non stare inoperose.

Un boccone,
i lavori di casa,
la campagna, la stalla,
e poi su di nuovo
dove tanti aspettano
la loro figura,
il loro conforto.

Nne !
Continus une storie!
E cjalant-nus tai vi tu comenavas:
"Tai timps antcs che las gjalinas as filave
e i gjai ai daspave....."
Cuss si disgropave fr
la conte
cun aganas a cjace di fruts
cul orcul ch'al spaurive la int
cun strias prontas a f dams.
E nou mularie
strents un dongje chel ti
cui vi tirts
e las vorlas tindudas
in scolte.
Nne no plui
e las liendas voi
as ven dal casselot.
No 'nd' plui orcui n strias
e las aganas
nos cjpin ti i fruts.
Il casselot nus ds che voi
si pos copju
inm tal grim
par no vju tai ps....
che atorn pal mont tas gueras
son i prins a l di mie...
No 'nd' plui orcui n strias
e las aganas
no cjpin ti i fruts.
Ma il casselot nus ds che voi
ai ven tolets
e tignts platts
pas bsas dai crets o sot cjere
par scuedi bs ...
ch'ai ven pacts, malibits, violentts e mats
pai bs, par tristerie
o pal gust dal gust ...
No 'nd' plui orcui n strias
e las aganas
no cjpin ti i fruts.
Ma il casselot nus ds che voi....
Nne torne a contnus une storie
almancul i tiei orcui,
las ts strias,
las ts aganas
rin dome fantasie.-
10/92

Ti ai in vs

femine di Cjargne  
cul fasolet tal cjf
il cas lunc e nri
sentade
sot il volt di tof
la solete
si volte
tas ts mans
e pont dar pont
a cjape forme
ti ai in vs
femine di Cjargne
cul fasolet tal cjf
il cas lunc e nri
sentade
al lusr da balconete
i tiei deits malderts
ai dan vite
a bielas vlias
ta tomere
ti ai in vs
femine di Cjargne
cul fasolet tal cjf
il cas lunc e nri
e i tiei scarpets
tai ps.-
5/93

Fasoleton sul cjf
plet viers la cjere
une gabane par molgi
mans incrosadas ta schene
tal foncj dal gei
un pr di uculas tai ps;
biel a binore
cu la s cjame di ledan
s'inve
viers il massuln
laj tal cjamp
e sot chel peis
a pre chel Crist
ch'al provt
prime di ducj
a puart la s cjame.
No pre par s
a pre par dute la fame
come se ch schene
pleade sot il peis
biel a binore
no fos une prere!-
10/81

Amr artificil
Il sem di lui
al cjate
il sem di jei
tal grim
freit
di un vri.
A nas une vite!
La mri a
a a pos jessi d'imprest   
il pri al
ma al pos no jessi lui.
Il gemi,
il sud,
il strengi,
il gust di volei bon,
il gjoldi
di un at di amr
mett a tasi
dal berli cidn
di un incalm mecanic
di doi sems
tal freit
grim
di un veri!

 

 

 

 



RENZO BALZAN
(Edelwei)

 

Cjargne

Dul se la t anime
viere Cjargne?
Ach, ret la casere
o respiri cul vnt
il nulr dai tiei prts di mont
e di gnots eternis e simpri resintis.

Ma jo o cr in d'alg
la t anime, la cr
tra i borcs dai cuvierts di planele
tra i sotpuartis
dissegnts dai arcs di tof
ch'a plsin cidins
vuaitis di secui.

Si messede 'es liendis
il gno ricuart,
ch'al il savr de zoventt,
e mi piert vie ta l'ombre
dal cidinr discret
de t memorie antighe.

(Renzo Balzan)

Premio di Poesia "Aspettando S. Valentino" - 4 edizione 2002 - Organizzata dalla VI Circoscrizione del Comune di Udine - Poesia seconda classificata nella sezione riservata alla "Lingua Friulana".

                                  Carnia

Dov' la tua anima
Carnia secolare?
Qui, presso la casera
respiro con il vento
l'odore dei tuoi pascoli
e di notti eterne e sempre nuove.

Ma io cerco in altri luoghi
la tua anima, la cerco
tra i borghi dai tetti di pianella
tra i porticati
orlati dagli archi di tufo
che riposano silenziosi
sentinelle di secoli.

Si mescola alle leggende
il mio ricordo
che ha il sapore della giovent,
e mi lascio avvincere nell'ombra
del silenzio discreto
della tua memoria antica.

 

 

 

CERCLI DI LUNE

Cercli di Lune
che braurs
tu ti spilis
ta l'aghe dal riul
a traviers la ls blancje
dai tiei rais flevui.

Cercli di Lune
che tu scuindis tal to grin
siums improibts,
di sperancis mai padinadis,
che a la fin di disfantin
cuanche a jevt la zornade s'impie.

Cercli di Lune
dolce passion
di un aurt striament,
dal cr,
ch'al brame,
ce che nol p jessi bramt.

 

 

 

 

 

(Renzo Balzan, che si firma anche Edelwei, nato a Feletto di Tavagnacco e dal 1966 vive e lavora in Carnia. 
E' giornalista pubblicista, scrittore. 
Scrive e collabora con numerose riviste, ed ha pubblicato molti testi di poesia e di racconti sul patrimonio culturale delle nostre tradizioni. Ha fondato e dirige dal 1998 il giornale in lingua friulana
"Ladins dal Fril", mensile di  informazione e scambio culturale fra le realt ladine locali e quelle delle Dolomiti e del Grigione Svizzero)

 

GNO DOL PAS

 

Furlanie, gno dol Pas
lis ts chasis a son immaginis di vite.
Tal blf ch'al ps i vi
l'orizont al va a crevsi tra lis cretis des monts.
Umil viandant
jo o cjali lis ts tavielis
e dar des cisis bassis
o sint a sunsur lis fueis dai morrs.
Al nl di pomis e di ml
l'altar de Madone tes Plfs.
E dar des prucissions, sui prts,
si davuelgin i grs de danze.
O corari sul troi balint,
libar, viers i paradrs verts.
In scintri mi vignar une dumble
dal ridi sunsurs come i rincjins ch'a niulin.
E s'a vessin di triscmi, disnt:
- Ven vie, bandone la Furlanie -
ur rispuindars: - No! Non'nd' st tal marimont,
plui biele dal gno dol Pas.

 

                

 

 
Pag. Poesia