Racconti

"Inamorāt di Viole"

di Renzo Balzan
breve racconto (anche in italiano)
(immagini di Tolmezzo di Annamaria Bianchi)

    Laurinē al varčs podūt lā alģ di Pauli a passā il rest de soresere scoltant musiche, tant al saveve che so pari al tornave simpri unevore tart di vōre; ma al vč miōr restā dibessōl.

    Al scomenēā a pensā: "Inmņ cualchi zornade, e po…". Inmņ cualchi zornade, e po al sarčs tornāt par un pōcjis di setemaneis alģ di sō nōne a Cesclans. No vevial simpri bramāt ch'al rivąs chel marimoment? Ce j saressie mancjāt, a Cesclans? Il davoi de citāt, forsite?

    "A Cesclans o varai la companie di gno cusģn Luche, e no pesarai plui a chestis fufignis". Cun Luche, che al veve scomenēāt a frecuentā l'Universitāt a Udin, al varčs tornā a fā i discors di simpri: la pescje tal lāt, il balņn, lis machinis di corse,  la filusufie,  la culture, cjossis impuartantis, in sumis. Da l'amōr, no vevin mai fevelāt,  senņ par ridi sore e par sorāsi un cun chel ātri.

    L'amōr…l'amōr, j dave fastidi nome a sintīle cheste peraule. E ce jerino dutis chźs pantuminis, fāj la cort a une fantate, fā fente di provā cui sa ce par jź, plaidāle cun ogni sorte di cumpliments. Tai cines che si viōt par television senis di cheste sorte naturalmentri no mancjavin, e cuanche ciertis inmagins j capitavin denant dai vōi inderedanlu, lui al spesseave a cirī il telecomant par gambiā cjanāl. Come che lu inderadavin cierts romanēs masse amorōs, e inalore ju meteve daurman di bande.

    E lis poesiis, la stesse cjosse: nol jere nuje di plui mauc de rimis galantis dai zovins poets inamorāts! Massime cuanche tes lōr composizion a metevin dentri la lune, lis stelis, la primevere e i prāts in flōr.

    Al veve milante resons so cusģn Luche a dispreseā lis feminis. A jerin des bateculis. Par esempli Mery… e ancje Magda. E po la Pamela e chź ātre sō amie, Carmen…s'impensave dai lōr tabajeēs cuant che al jere inmņ a scuele a Tumieē, des lōr ridarolis mauchis intant che a soravin un ātri so cusģn di Cjavaē che si clamave Martin. Ma Viole, dal sigūr, no jere cussģ. Viole e veve une vōs dolce, une vōs che ti dave sigurece. Laurinē no si jere mai domandāt cetaincj agns che varčs podūt vź, ma nol varčs mai suspietāt che fos stade cussģ  zovine.

    Sģ, Viole di Plans di Fčle e jere difarente di dutis chźs ātris , e no dome parcč che veve une vōs dolce. E nancje parvie dai siei vōi celescj, di un celest colōr dal cīl tal timp de vierte. E jere difarente in dut e dapardłt. Par chel che diseve, e cemūt che lu diseve. And'jere une naturalece in jź pardabon straordenarie. Une naturalece che nol jere rivāt a preseā inmņ in nissune ātre fantate, nancje ventivie par Padue.

    Viole: ce biel non! Sģ, di chź biele fantate al jere biel ancje il non. A Laurinē  j semeave di vźlu simpri savūt, che Viole, un non ch'al sparfumave,  al jere il plui biel non di ducj i nons di femine. Viole Valent : ancje il cognon j semeą unevore biel e adąt par chź dumble. No veve nuje ch'al fos fūr di puest, nissune tare che si podčs tiraj fūr. E jere perfete, ta l'aspiet, tai vōi, tal non e tal cognon. 

             E jere la prime volte che al pensave cussģ a lunc a chestis cjossis, ma je semeave di vźlis savudis di simpri, fintremai di chź buinore che a Tumieē, dilunc la strade, al veve scuintrāt Viole. Al memoreave ducj i particulārs di chel prin incuintri. Viole e jere insiemit cun tune sō cusine e une sō amie e cun Martin. A fevelavin sentāts atōr di un taulin tal cafč ch'al č te place dal museu des tradizion popolārs. Lui si jere sentāt cun tun amģ di Darte tal taulģn in bande. Po Martin a lis fantatis si jerin alēāts e a jerin lāts ducj insiemit alģ de librarie che je te strade daūr dal domo. La vision di chź fantate dai vōi celescj lu veve veve come striāt. Ur lč daūr e al jentrą te librarie ancje lui. Lis fantitis a cirivin dai sfueis di cjarte colorade, forsit par fā dai furniments, lui invezit ur stave daprūf fasģnt fente  d'interessāsi a un diari. A la fin i colōrs dai sfueis ju  sielzč  jź, la plui biele e la plui brave.

    Cemūt jerial pussibil che chei ātris no si fņssin inmņ inecuarts di chel tesaur di fantate? So cusģn Martin, che tal doman j veve contāt dut di jź par fīl e par pont, a dī la veretāt si jere inecuart: dal moment che si jere inamorāt. " Che un al puedi inamorāsi di Viole si pučs capīlu, - al pensą Laurinē -. Al puest di Martin, mi sarčs inamorāt ancje jo" . E al provą une grande invidie tai rivuart di so cusģn,  che al veve vude la furtune sfaēade di frecuantā l'institūt magistrāl, propite come Viole.

    "Ma parcč jo no podaressio inamorāmi di jź? Ancje se cumņ o soi vignūt a stā di cjase a Padue. Ancje se mi soi slontanāt cussģ tant? O podarčs dal sigūr inamorāmi…o voi pūr d'istāt par une biele dade di timp a Cesclans, lassł di mź nōne". Po j vignģ tal cjāf une idee: "O soi bielzą inamorāt di jź! Mi soi inamorāt issofat, fintremai dal prin moment che le ai viodude!".

    Chź idee cussģ strambe  j jere vignude a l'improvise, e inalore Laurinē si jevą su in pīs. Si vistģ e al lč ju te strade metinsi a cjaminā pai listions de citāt vuluēade dal scūr de gnot. A chź ore no si viodeve a passā dibot nissun, nome cualchi machine che coreve vie svuelte cui siei ferāi slusģnts . "Jo o ami Viole. O soi inamorāt mat di jź", al disč a se stčs. Al pindulave ca e lą e dibot al riscją di colā: al jere cjoc e sturnīt, ma no di vin o di droghis. Lu veve incjocāt e sturnīt la grande felicitāt. "Lis feminis e l'amōr a son cjossis maraveōsis! Lis feminis e …" si metč a vosā te gnot come un spasemāt. Ma no si lumave atōr anime vivģnt che podčs daj seont,  la citāt e polsave e no veve timp di stā a scoltā lis matetāts di un ēavariņt di chź sorte.

                                          Innamorato di Viola

    Lorenzo avrebbe potuto andare da Paolo a trascorrere il resto della serata ascoltando musica, tanto sapeva che suo padre rincasava sempre molto tardi; ma decise che era meglio restarsene da solo. 
   
Cominciņ a pensare: "Ancora qualche giornata, e poi…". Ancora qualche giornata, e poi sarebbe ritornato per poche settimane a Cesclans. Non aveva sempre atteso con ansia che arrivasse questo momento? Cosa gli sarebbe mancato a Cesclans? Il chiasso della citta, forse? 
   
"A Cesclans avrņ la compagnia di mio cugino Luca, e non penserņ pił a queste sciocchezze". Con Luca, che aveva iniziato a frequentare l'Universitą a Udine, avrebbe ripreso a fare i discorsi di sempre: la pesca nel lago, il calcio, l'auto da corsa, la filosofia, la cultura, insomma le cose importanti. Dell'amore, non avevano mai parlato, se non per riderci sopra e per canzonarsi a vicenda.     L'amore…l'amore, gli dava fastidio solo a sentirla questa parola.  Cos'erano tutte queste svenevolezze, fare la corte ad una ragazza, far finta di provare chissą cosa per lei, adularla con ogni sorta di complimenti. Nei film vist in televisione scene come queste naturalmente non mancavano, e quando certe immagini gli capitavano davanti agli occhi indispettendolo, lui s'affrettava a cercare il telecomando per cambiare canale: come lo indispettivano certi romanzi amorosi, ed allora li riponeva subito da parte. 
   
E le poesie, la medesima cosa: non c'era nulla di pił idiota delle rime galanti dei giovani poeti innamorati! Soprattutto quando nelle loro composizioni ci mettevano dentro la luna, le stelle, la primavera ed i prati in fiore.
    Aveva mille ragioni suo cugino Luca di disprezzare le donne. Erano delle futili. Per esempio Mery…ed anche Magda. E poi Pamela e quell'altra sua amica, Carmen…rammentava il loro  banale chiaccherare di quando frequentava ancora la scuola a Tolmezzo, delle loro sciocche risate mentre canzonavano un'altro suo cugino di Cavazzo, di nome Martino. Ma Viola, certamente, non era cosģ. Viola aveva una voce dolce, una voce che ti dava sicurezza. Lorenzo non si era mai domandato quanti anni avesse potuto avere, ma non avrebbe mai sospettato che fosse stata cosģ giovane.

    Sģ, Viola di Piani di Fella era diversa da tutte le altre, e non solo perché aveva una voce dolce. E nemmeno per i suoi occhi celesti del colore del cielo a primavera. Era differente in tutto e per tutto. Per quello che diceva, e come lo diceva. C'era una naturalezza in lei davvero straordinaria. Una naturalezza che non era riuscito ad apprezzare in nessun'altra ragazza, nemmeno a Padova dove ora risiedeva. 
   
Viola: che bel nome! Sģ di quella bella ragazza era bello anche il nome. A Lorenzo sembrava d'averlo saputo da sempre, che Viola, un nome che profumava, era il pił bel nome di tutti i nomi di donna. Viola Valent: anche il cognome gli sembrava molto bello ed adatto per quella ragazza. Non c'era nulla che fosse fuori posto,  nessun
difetto che le si potesse  attribuire. Era perfetta, nell'aspetto, negli occhi, nel nome e nel cognome.     

             Era la prima volta che pensava cosģ a lungo a queste cose, ma era persuaso d'averle sapute da sempre, fin da quel mattino che a Tolmezzo, lungo la strada, aveva incontrato casualmente Viola. Ricordava tutti i particolari di quel primo incontro. Viola era assieme ad una sua cugina e ad una sua amica, oltre a Martino. Parlavano seduti al tavolo del caffč che si trova nella piazza del museo delle tradizioni popolari. Lui era seduto con un amico di Arta nel tavolino accanto. Poi Martino e le ragazze si erano alzati ed erano andati assieme nella libreria che s'affaccia sul strada dietro il duomo. La visione di quella ragazza dagli occhi celesti lo aveva come stregato. Andņ dietro a loro ed entrņ nella libreria anche lui. Le ragazze cercavano dei fogli di carta colorata, forse per fare degli ornamenti, lui invece gironzolava accanto a loro facendo finta d'interessarsi ad un diario.

 Com'era possibile che gli altri non si fossero accorti di quel tesoro di ragazza? Suo cugino Martino,  che il giorno dopo gli aveva  raccontato ogni cosa di lei, a dire il vero se n'era accorto: dal momento che si dichiarava innamorato."Che uno possa innamorarsi di Viola lo si puņ capire, - pensņ Lorenzo -. Al posto di Martino, me ne sarei innamorato anche io". E provņ una grande invidia nei confronti  di suo cugino, che aveva avuto la fortuna sfacciata di frequentare l'istituto magistrale, proprio come Viola. 
   
"Ma perché non potrei innamorarmi di lei? Anche se ora sono venuto ad abitare a Padova. Anche se mi sono allontanato cosģ tanto? Potrei certamente innamorarmi…vado pure d'estate per dei lunghi periodi a Cesclans, lassł dove č rimasta a vivere la nonna". Poi gli venne in mente un'idea: "Sono gią innamorato di lei! Mi sono innamorato lģ per lģ, fin dal primo momento che mi č capitato di vederla!". 
   
Quell'idea cosģ strana gli era venuta improvvisamente, ed allora Lorenzo si alzņ in piedi. Si vestģ e andņ gił nella strada mettendosi a camminare lungo i marciapiedi della cittą avvolta dal buio della notte. A quell'ora non si vedeva passare quasi nessuno, solo qualche auto che correva via veloce con i suoi fari lucenti. "Io amo Viola. Sono innamorato pazzo di lei", disse a se stesso. Dondolava qua e lą e a momenti rischiņ di cadere: era ubriaco e stordito, ma non di vino o di droghe. Lo aveva ubriacato e stordito la grande felicitą. "Le donne e l'amore sono delle cose meravigliose! Le donne e…"  si mise a gridare nella notte come un ossesso. Ma attorno a lui non si vedeva anima vivente che potesse assecondarlo, la cittą riposava e non aveva tempo di stare ad ascoltare le stranezze di un vaneggiatore di tale risma.

 

 

Racconti
Poesiis e contis